2009: I Nuovi Buoni Propositi

Lo scorso anno quando su un altro mio Diario, molto più personale, ho compilato la lista dei buoni propositi del 2008, ho scritto le seguenti parole:

La fine del 2007 è arrivata,.. un altro anno sta per concludersi e passare definitivamente, con le sue gioie, i suoi dolori, con tutte le piccole cose che hanno fatto crescere, piangere, sorridere,.. che hanno portato un altro anno di vita e di esperienza in più.
Quindi credo che sia giunta l’ora di fare il punto della situazione e di compilare la solita lista dei buoni propositi per l’anno nuovo, che sta per fare capolino da dietro l’angolo, portando con se tante nuove speranze, sogni, desideri, più un’enorme riserva di forza ed energia [ce n'è proprio bisogno..], ma anche un po’ di sana follia,.. essenziale per continuare ad affrontare il tortuoso cammino della vita.
In questi giorni ho trovato vari buoni propositi, tutti estremamente validi e preziosi, per me, per la mia crescita, per la mia vita.. non solo per l’anno nuovo, ma per tutti gli anni futuri. Sono dei grandi investimenti per la mia anima, ed è per questo che li ritengo più importanti di altri sogni più "comuni", come: un nuovo amore, una famiglia, un lavoro, ecc.. certo, ovviamente sono cose che piacerebbero anche a me, ma prima di tutto devo imparare a vivere e a gioire della vita stessa, delle piccole/grandi cose, cercando di mettere da parte un po’ della mia innata negatività,.. visto che solo in questo modo potrò poi realmente appezzare la realizzazione di quei sogni/desideri.
Sì, ci tengo proprio tanto a crescere interiormente, buttando via i bagagli vecchi, rotti, grandi, polverosi e troppo pesanti, che mi sto trascinando dietro da troppi anni, per lasciare spazio alla positività.. e a tutte quelle cose a cui, a torto, non ho mai dato troppa importanza.

In conclusione, i miei nuovi buoni propositi per il 2008 [e non solo], in ordine di importanza, sono i seguenti:

  1. Vivere il 2008 con ottimismo, escludendo totalmente il pessimismo e la sfiducia in me stessa;
  2. Imparare ad accettarmi e a volermi bene.. così come sono e per quella che sono;
  3. Vivere oltre il mio "blocco", non facendomi più fermare dalla mia insicurezza;
  4. Ristabilire delle priorità reali e concrete nella mia vita, tralasciando paranoie e fatti/rapporti astratti;
  5. Pormi meno "perché", cercando di "farmi scivolare le cose addosso", senza ostinarmi a capire tutto, o a trovare sempre una spiegazione;
  6. Imparare a essere più autoironica
  7. Sorridere e ridere maggiormente;
  8. Uscire di più, molto di più;
  9. Accettare di frequentare e conoscere solo bravi ragazzi, seri, realmente interessati e con le idee chiare, il tutto senza più scendere a compromessi unilaterali;
  10. Realizzare più voci possibili della lista "wishlist";

Come già ho scritto, questi punti sono in ordine di importanza, per cui cercherò di concentrami molto sui primi punti, cosa che sinceramente sto già facendo da qualche settimana, specialmente per quanto riguarda l’ottimismo, il sorridere di più e il pormi meno "perché".
Ammetto che per me non è facilissimo, visto che io sono un’insicura musona pessimista cronica, però sto già facendo dei piccoli progressi.. e ciò, oltre a essere una cosa stupenda, mi fa ben sperare in altri piccoli passi avanti [ne ho veramente bisogno in questo periodo.. quindi incrocio le dita].

Bene, come ho riportato ieri, molti di quei punti li ho parzialmente realizzati nel corso di quest’anno, anche se esternamente, per chi mi conosce poco, potrebbe non sembrare. Il fatto è che certi cambiamenti sono estremamente lenti e avvengono prima di tutto internamente, mentre all’esterno divengono palesi solo quando le cose si sono totalmente stabilizzate, rientrando nella "normalità" della persona. Per me attualmente non è ancora così ed è proprio su questo che dovrò lavorare nel 2009, sulla stabilizzazione e sull’ulteriore sviluppo di alcuni miglioramenti personali, proprio come ho accennato nel post precedente.

Ovviamente ci sono alcuni punti differenti rispetto allo scorso anno, propositi su cui in fondo devo ancora iniziare realmente a lavorare, quali:

  • Essere più spontanea, più me stessa, senza timori e senza preimpostazioni varie;
  • Rendermi più "avvicinabile", cercando di smussare un po’ la mia onnipresente diffidenza;
  • Cercare e ristabilizzare un equilibrio in ogni rapporto, senza scorciatoie, o eccezioni;
  • Essere più indipendente;

Per ora ritengo che siano i punti più importanti da raggiungere il prossimo anno, per continuare la mia crescita interiore.. e anche esteriore.
Ho ancora qualche giorno per completare questa lista [nella realtà ho tutto il 2009, ma è tanto per dire..], di conseguenza credo che in questi giorni continuerò con la mia autoanalisi, guardandomi indietro.. valutando i passi già fatti e quelli che vorrei ancora fare, al fine di diventare la persona che realmente voglio essere.. e che magari, nel profondo, sono già.

Articoli Correlati

Lascia un commento