Una Piccola Sconfitta

La ritengo una sconfitta il buttare fuori dalla propria vita una persona, anche se magari quest’ultima se lo merita pienamente, per il male fatto, le incomprensioni ripetute, l’incoerenza fissa, l’interesse “di comodo”, etc. Sarà che reputo di aver già dato a sufficienza anni fa con le brusche interruzioni dei rapporti, specialmente stretti, ed infatti è proprio per questo che negli ultimi anni ho sempre tentato di evitare di chiudere in modo drastico e definitivo un rapporto, di qualsiasi tipo: importante, intenso, amichevole, fraterno, sentimentale, superficiale, breve o di lunga durata.

Purtroppo però, a volte, diviene una conclusione inevitabile per una profonda incompatibilità oppure per la dannosità stessa di quella conoscenza, magari per un male fatto trascinato nel tempo, dalla debolezza, dalla speranza, dell’egoismo, dai sentimenti o dalla mera illusione e per questo divenuta assolutamente insensata, oltre a non più recuperabile.

Quello che è certo, è che per una parte di me — quella più profonda e magari anche più ingenua — resta ugualmente una piccola sconfitta personale.

3 Commenti per Una Piccola Sconfitta

  1. Hope8436
    venerdì, 24 aprile 2009 at 12:38 (8 anni ago)

    Credo sia legittimo, perchè preferisci mantenere e lottare per i rapporti piuttosto che chiuderli. Non lottare (o farlo meno di queanto avresti voluto) equivale un po’ ad una sconfitta. Però se questa conclusione ti allontana da qualche male e dalla sua dannosità, meglio così; ce ne saranno altri.

    0
    Rispondi
  2. herm1979
    domenica, 26 aprile 2009 at 17:24 (8 anni ago)

    Questo tuo post mi dà da riflettere, proprio su quel "la ritengo una sconfitta il buttare fuori dalla propria vita una persona..", perché è da due anni che mi ci arrovello e ancora non ho capito quanto sia corretto o meno. Sì, ecco, è una sconfitta, che sia corretto o meno. Ma quando la persona diventa deleteria, allora è meglio che stia fuori che dentro, quello sì.

    0
    Rispondi
  3. Sylia
    domenica, 26 aprile 2009 at 19:56 (8 anni ago)

    herm1979: Io la ritengo una sconfitta sì, anche e specialmente quando l’esclusione dalla propria vita diventa un qualcosa di necessario, per i proprio bene, perché vuol dire che il tutto in fondo è stato gestito male, per incomprensioni, mancato dialogo, cattivo giudizio, semplice menefreghismo e via dicendo… il che oltre ad essere molto triste… fa perdere il senso di tutto, del tempo passato assieme, dei mille dialoghi, della conoscenza coltivata, etc etc..

    0
    Rispondi

Lascia un commento