Contro Corrente

Ultimamente, in internet, mi sento un pesce fuor d’acqua.

Articoli Correlati

23 Commenti per Contro Corrente

  1. dhoroty
    venerdì, 10 settembre 2010 at 02:58 (7 anni ago)

    Che fu?

    0
    Rispondi
  2. carnilie
    venerdì, 10 settembre 2010 at 08:55 (7 anni ago)

    Sapessi io! XD

    0
    Rispondi
  3. Sylia
    venerdì, 10 settembre 2010 at 13:39 (7 anni ago)

    ..non lo so, alla fine credo semplicemente di aver "dato il giro",.. di stare meglio nella realtà, che nella virtualità, perché più vera, immediata e selettiva, senza tutte le problematiche astratte, fatte di "ambiguità", di "infiniti malintesi" – e non – che si creano sul web e che alla fine riescono a portare stress, malumore e talvolta discussioni, addirittura nella quotidianità.

    Il mondo virtuale – e il "popolo virtuale" – mi sembra cambiato in questi ultimi anni,.. o forse sono semplicemente cambiata io e/o il mio modo di percepirlo..

    :)

    0
    Rispondi
  4. Deryn
    venerdì, 10 settembre 2010 at 17:37 (7 anni ago)

    Syl.. perché mi copi i post? :P Certo, non avrei usato le tue parole.. ma di sicuro il concetto è lo stesso che avrei voluto esprimere io nel post che ancora non ho scritto. Ultimamente la "realtà" è totalmente preponderante… e sai che ti dico? Senza dubbio è un bene. Internet è un rifugio, diciamocelo… basta nascondersi :)

    0
    Rispondi
  5. Mari
    venerdì, 10 settembre 2010 at 20:52 (7 anni ago)

    Anch’io, da qualche tempo, sento che il mio modo di usare internet è diverso. Nel senso: ormai lo uso per quello che è, cioé uno strumento per fare quel che mi serve fare, che può essere tenersi in contatto quando non puoi usare il telefono in ufficio, acquistare qualcosa, cercare un servizio, un’info o una risposta, ma la vita, la vita là fuori è decisamente meglio ;) e credo sia proprio giusto così.
    Poi magari centra anche il fatto che a 30 anni percepisci le cose diversamente rispetto a quando ne hai 20, ed è giusto che ci siano questo tipo di cambiamenti, questo riconsiderare le priorità, quel che serve e quel che no. Dai che non è un male, sentirsi un po’ pesce fuor d’acqua in queste cose ;)

    0
    Rispondi
  6. Sylia
    sabato, 11 settembre 2010 at 13:46 (7 anni ago)

    Già, basta nascondersi, anche se personalmente io non lo faccio da anni e sono per questo concetto da altrettanto tempo,..motivo per cui molto probabilmente sto diventando più intollerante verso chi invece non riesce proprio a fare a meno della superficialità del web, della "maschera virtuale" che rende tutto bello e affascinante,.. screditando così immeritatamente ciò che vi è nella realtà quotidiana..
    Discorso troppo contorto?

    Appunto, anche io internet lo uso così, come un semplice "mezzo informazioni", in cui cerco ciò che mi serve e basta, poi c’è il Blog, ma oramai non scrivo neanche più come prima e quasi sempre mi limito a leggere i post altrui e solo quelli che mi vengono segnati negli aggiornamenti.
    Poi.. ultimamente guardo YouTube, ma solo per curiosare ulteriormente nell’eco-bio fai da te, che mi sta interessando particolarmente.

    La mia routine virtuale quotidiana è veramente monotona rispetto alla maggior parte degli utenti, perché io – se non ho altro da fare – accendo il PC, apro firefox, che mi mostra la pagina personalizzata di Google, dove ho impostato tutte le notizi dei vari giornali, quindi.. leggo, mi informo, poi accedo a IoBloggo, leggo gli aggiornamenti, a volte faccio la stessa cosa su Splinder e poi su FB, dove la maggior parte delle volte sto 2 secondi, dato che lo uso solo per leggere ulteriori notizie su "informazione libera", Travaglio e simili, e a volte condivido quelle notizie. Stop. Non mando richieste d’amicizie in giro e se "non conosco", non le accetto neppure, perché non sento il bisogno di "cercare" o dimostrare niente, non in quel modo meramente fittizio [vedi la mia risposta sopra], visto che preferisco di gran lunga la mia realtà, facile o difficile che sia, dando priorità a chi è realmente al mio fianco.

    Sì, sono un utente moooolto noioso :)


    Ci tengo a precisare che: ogni riferimento a fatti, cose, o persone è puramente casuale..

    0
    Rispondi
  7. Sylia
    sabato, 11 settembre 2010 at 19:35 (7 anni ago)

    Non so se dipenda solo dall’età "interiore", probabilmente dipende da un qualcosa di più profondo, dalle insicurezze o da alcune "mancanze" affettive, psicologiche o quant’altro, che attualmente non riesco ad identificare..

    Il telefonino lo uso giusto per sentire mio padre, o per inviare qualche sms al mio migliore amico e alla mia migliore amica, non troppi però, perché mi stufo subito.. e per il resto è lì.. a caricarsi e scaricarsi in continuazione.
    Qui però influisce anche MisterVodafone e le tariffe da furto legalizzato -_-‘

    0
    Rispondi
  8. Mari
    sabato, 11 settembre 2010 at 21:02 (7 anni ago)

    Ti dirò: anch’io sono ormai un’utente molto routinaria in quel che faccio. Scrivo i miei casi personali, controllo quelli che seguo, nel caso aggiungo interventi [più o meno intelligenti XD], se ho qualcosa da cercare cerco, altrimenti mi metto a studiare qualcosa relativo a codici vari oppure smadonno dietro wp quando non fa quello che voglio XD, oppure *faccio acquisti* di serie e cose varie che possono interessarmi da recuperare, altrimenti il computer sta direttamente spento e non ne sento la mancanza.
    Cellulare la stessa cosa, lo uso quasi unicamente per parlare con lui, sms pochi in base alle necessità, e poi potrebbe anche stare spento che manco me ne accorgo. E pensare che fino a tot anni fa gli sms che mandavo o ricevevo erano anche una cinquantina al giorno.
    Sarà mica che sto invecchiando? ;)
    [ma anche fosse, sai che sto bene così, e non tornerei mai al tempo in cui stare senza msn o cellulare mi pareva la "morte"?]

    0
    Rispondi
  9. Sylia
    sabato, 11 settembre 2010 at 21:25 (7 anni ago)

    Io ero un’ottima cliente vodafone e tutte le chrismas card – e simili – erano mie, dato che inviavo circa 100 sms al giorno, anche di più, mentre facevo poche chiamate, mentre ora.. preferisco chiamare, per ogni cosa, mi piace il contatto diretto, anche se ovviamente il costo è quasi proibitivo [maledetta vodafone!!], e gli sms sono sporadici, tanto per mantenere il contatto e non sparire totalmente, visto che purtroppo i miei più cari amici sono distanti e non abbiamo modo di vederci per prendere un caffè o fare 2 chiacchiere :( [cosa che mi manca tantissimo..].

    Per gli acquisti.. sai che sto iniziando a preferire la realtà anche per quello? Sinceramente acquisterei tutto nei negozi, andando in giro, vedendo, toccando, provando, parlando, chiedendo,.. però purtroppo molti prodotti eco-bio li posso reperire solo online, perché qui non riesco a trovarli, neanche a NaturaSì, ma in compenso.. sto iniziando a provare il fai-da-te, specialmente con gli oli, per i capelli, la dermatite, gli impacchi, etc. ed è una piccola soddisfazione :)
    Via prodotti cattivi!! eheh ;)

    0
    Rispondi
  10. Mari
    sabato, 11 settembre 2010 at 22:26 (7 anni ago)

    Per gli *acquisti* ti capisco, se potessi preferirei infinitamente avere tutto comprato in negozio. Coi cd, ancora ancora ce la faccio, ma i cofanetti dvd alle volte sono proibitivi… soprattutto se si va oltre le tre stagioni, per i film attendo sempre l’offerta, oppure che passino un paio d’anni e crollino ai 7/10 euri.
    Ho anche scoperto da mezz’ora un modo efficacissimo per evitare di farmi fare cd quando vado a far sviluppare i rullini… soprattutto quando mi finiscono mezzi bruciati, mezzi no. Qualsiasi modo e mezzo pur di ridurre all’osso spese inutili, e pagare solo e soltanto lo sviluppo. XD
    Se oltre ai prezzi che ormai hanno il cambio mille lire=un euro, avessero fatto la stessa cosa col mio stipendio sarei una che contribuisce senza problemi a far girare l’economia, ma finché va così, quando posso provo altre vie… che poi se son convinta di qualcosa che mi piace, finisco per comprarla cmq, anche dopo 10 anni.
    Che poi io non sappia dove metterla tutta sta roba fisicamente, è solo un dettaglio ;)

    0
    Rispondi
  11. Sylia
    sabato, 11 settembre 2010 at 22:33 (7 anni ago)

    I dvd, cd.. ammetto di non prenderli più da un bel po’, più esattamente da quando ho concluso la collezione dei cofanetti di X-Files anni fa [se penso ancora quanto ho speso all’epoca, mi prende male].
    Il fatto è che tutto cambia.. i cd raramente si rivedono, anche perché ci pensa la tv a ridarli 30 volte, quindi preferisco acquistare libri… anche se riprenderò a farlo solo dopo che sarò riuscita a finire di leggere tutti quelli che ho ;)

    Comunque.. sinceramente.. sto acquistando ben poche cose, anzi, i miei acquisti si sono ridotti all’osso, vista l’assenza di uno stipendio, per dire: non mi ricordo più l’ultima volta che ho acquistato un capo d’abbigliamento, delle scarpe, o simili, oramai prendo solo più l’indispensabile.. e sto bene ugualmente :)

    0
    Rispondi
  12. Sylia
    lunedì, 13 settembre 2010 at 14:13 (7 anni ago)

    Aggiornamento routine virtuale: è ulteriormente diminuita, visto che ieri mi sono cancellata da FaceBook, per evitare di farmi una paranoia al giorno.
    Liberazione…

    0
    Rispondi
  13. dhoroty
    lunedì, 13 settembre 2010 at 14:17 (7 anni ago)

     Effettivamente il modo di utilizzarlo è cambiato moltissimo, ormai non è piu’ un mondo a se, ma intrecciato e a volte stressante… non sparire pero’!!!!

    0
    Rispondi
  14. Sylia
    lunedì, 13 settembre 2010 at 14:22 (7 anni ago)

    Non sparisco, qui mi trovi sempre – almeno per ora – e a volte anche su MSN, poi talvolta passo su YouTube, visto che ci sono alcuni video sull’eco-bio che mi interessato, e comunque guardo sempre gli aggiornamenti dei blog che seguo, quindi non ti preoccupare :)

    Non solo si è intrecciato con la realtà – cosa che in fondo ho fatto anche io, per restare comunque nella realtà – quello in fondo è il meno, ma è diventato più.. "subdolo", non so.. molti qui dentro fanno cose che nella realtà non farebbero [non con tanta facilità] e non sempre è una cosa positiva.

    0
    Rispondi
  15. ~eka
    lunedì, 13 settembre 2010 at 19:40 (7 anni ago)

    Io invece sto subendo. E di brutto.

    Subisco perchè la gente si aspetta che io dica qualcosa, se no inizia a farsi i filmoni. E’ una cosa che mi da sui nervi. Tantissimo.

    E poi ho gli ultimi esami, quindi il tempo di dire qualcosa di furbo non c’è. E nemmeno quello per dire qualcosa di sciocco.

    Insomma: mi annoio.

    -_-

    Però no, non mi sento un pesce fuor d’acqua. Non ancora.

    0
    Rispondi
  16. Sylia
    lunedì, 13 settembre 2010 at 19:47 (7 anni ago)

    Ho letto.. e mi dispiace, perché è un qualcosa che mette inutilemente ansia, senza contare che quell’attesa trasforma uno svago.. in un obbligo.. e questo no, non è giusto.

    Quindi prenditi il tuo tempo.. e di quello che pensano o meno gli altri, fregatene, quando avrai tempo e voglia di scrivere nuovamente.. lo farai e spiegherai tutto quello che vorrai, dopotutto la tua realtà ha la precedenza su tutto ed è giusto che sia così.

    0
    Rispondi
  17. ~eka
    lunedì, 13 settembre 2010 at 21:12 (7 anni ago)

    appunto, non mi va di dire tutto quello che mi succede a comando. Tantomeno sul blog. E’ un periodo difficile, che precede un periodo altrettanto difficile. E solo fra qualche mese (credo 5 o 6 almeno) inizierà ad andar meglio.

    0
    Rispondi
  18. Sylia
    lunedì, 13 settembre 2010 at 21:48 (7 anni ago)

    Probabilmente è il dominio che fa quell’effetto, rende il blog un "lavoro", un "impegno".. e la gente che ti segue inizia ad aspettarsi aggiornamenti quotidiani, come se fosse un quotidiano, cosa tra l’altro che molti blogger fanno.. adeguandosi alla "richiesta", cosa a mio avviso sbagliatissima.
    Quindi sostengo il tuo sfogo e la tua decisione, ora più che mai, visto che anche io mi sto allontanando ulteriormente dalla virtualità..

    0
    Rispondi
  19. carnilie
    martedì, 14 settembre 2010 at 09:04 (7 anni ago)

    dura la vita della blogstar!!!

     

    Coraggio, pensa a farti la tua vita e a mettere impegno in quello che conta davvero, tutto il resto del mondo si adegua.

    E se non lo fa… beh ammenicoli suoi!

     

    A me sto mondo virtuale ha proprio stufato.

    Ci sparo cazzate e qualche foto, nulla di più.

    0
    Rispondi
  20. Sylia
    martedì, 14 settembre 2010 at 11:02 (7 anni ago)

    Bisogna prendere la virtualità "in pillole",.. giusto lo stretto necessario, così non stufa neanche :)

    0
    Rispondi
  21. ~eka
    martedì, 14 settembre 2010 at 14:15 (7 anni ago)

    che poi io scrivo molto volentieri, anche le cavolate… la cosa più fastidiosa è doversi far sentire per forza dalle persone amiche, se no si offendono, e temono qualcosa… assurdo, visto che in questo periodo scrivevo quasi giornalmente!

    non nominare quella parola (blogstar) che mi fa venire le convulsioni.

    Perchè mi stanno profondamente sui coglioni, a me, le blogstar (li considero degli sfigati cronici), e perchè io credo di esser tutto fuorchè una blogstar. Grazie al cielo.

    0
    Rispondi
  22. Sylia
    martedì, 14 settembre 2010 at 14:57 (7 anni ago)

    Temere che ti sia successo qualcosa quando scrivi regolarmente sul blog, mi sembra eccessivo, magari ti vogliono semplicemente sentire per chiacchierare un pochino, ma non sempre è possibile quando ci sono degli impegni, o anche solo quando non si è in vena, per vari motivi personali.. e questo dovrebbe essere compreso.
    Dopotutto l’amicizia vera, non si attenua e non svanisce solo perché non ci si sente tutti i giorni.. :)

    0
    Rispondi
  23. carnilie
    martedì, 14 settembre 2010 at 15:01 (7 anni ago)

    Il fatto è che – lo sto vedendo sulla mia pelle – non sempre le persone recepiscono il messaggio nel modo più logico possibile… c’è chi si fa dei film perchè ha le TARE mentali sue… ma non è un problema della Eka (o della Sylia, o mio).

     

    Dalle mie parti si dice : LA GHE PASSA. :)

    0
    Rispondi

Lascia un commento