novembre 2nd 2010 archive

Cambiamenti

Sono strani i cambiamenti,.. o li cerchi, o li eviti, ma quando arrivano l’effetto è sempre lo stesso: confusione e tanta curiosità.

Questo è successo anche in questo caso, in forma molto limitata, visto che un blog resta pur sempre solo un blog e un cambio di piattaforma non è tutta questa grande esperienza, specialmente perché avevo già fatto un procedimento molto simile anni fa, quindi anche la novità era molto relativa, però il cambiamento c’è stato ugualmente ed è palese, qui infatti non c’è più una community di base.. e la grafica d’ingresso, in amministrazione, è molto scarna, un po’ spenta direi, ma almeno non vedo più banner pubblicitari saltellare ovunque, il che mi fa pensare che probabilmente avrei potuto fare molto prima questa scelta, ma in fondo IoBloggo mi piaceva e ci stavo bene, sebbene peccasse un po’ sia nella gestione [per i motivi già risaputi], sia nella community, lato che alla fine mi aveva spinta a non andare più alla ricerca di nuovi blog — cosa che mi è sempre piaciuta fare — visto che mi imbattevo regolarmente o in blog privati o in blog di dubbio gusto, che spaziavano tra “uomini e donne”, “amici”, programmi d’intrattenimento di vario tipo e sport, che poi.. non c’è nulla di male in questo, diciamo così, sono gusti appunto, però era indubbiamente palese che l’età media fosse drasticamente al di sotto della mia, cosa che talvolta mi aveva causato anche mooolte perplessità [il motivo non lo sto a spiegare, perché potrei essere letta come offensiva].

Quindi eccomi qui a “partire da zero”, in un luogo dove ci sono solo io, cosa che sinceramente mette anche una certa angoscia, visto che sembra esserci un isolamento quasi totale, però non si può avere tutto dalla vita, no? e poi ho sempre scritto che questo blog lo tenevo prevalentemente per me e in parte anche per le persone a me vicine, che hanno avuto modo di leggermi o che lo avranno in futuro, per cui tutto sommato credo proprio che questa sia la soluzione migliore sotto ogni punto di vista.

Tengo a precisare una cosa però, è vero che negli anni la figura della “blogstar” si è un po’ assopita e che non viene più abbinata automaticamente a un blog WordPress, a un hosting e/o a un dominio personale, però voglio precisarlo ugualmente: io non sono, non mi sento e non voglio rientrare assolutamente in quella categoria, ne ora, ne mai. Questo è solo un blog “vecchio stampo”: meramente personale e oggettivamente poco interessante per chi segue blog di informazione, fashion, ironici, a tema, o quant’altro, chi mi segue lo sa, io non miro a scrivere un libro, quindi non mi importa ne di essere interessante, ne di essere brillante, ne di essere alla moda e neppure di farmi linkare/seguire da ogni sito/persona esistente sul web.

Precisazione superflua per chi mi legge già da un po’,  lo so, ma usare WordPress mi mette sempre una certa agitazione, forse per via della mia passata esperienza, in cui alla fine si era insinuata un po’ di ansia da prestazione, che non solo mi aveva bloccata, ma mi aveva fatta tornare addirittura su Splinder.