L’Amicizia e la Cruda Sincerità

In un’Amicizia vera, quelle che durano da una vita, quanto in là bisognerebbe spingersi con la schiettezza?

Io, oggi, sono andata fino in fondo superando il limite della diplomazia e arrivando al classico “schiaffo in faccia”, quello che subentra quando la sincerità è forte, brutale, assordante e improvvisa.

Non mi pento di averlo fatto, forse avrò definitivamente perso quella vecchia amicizia, ma non potevo continuare a tacere, è la sua vita, è vero, ma quando vedi che una persona a cui tieni si sta letteralmente buttando, distruggendo tutto quello in cui ha sempre creduto e sognato, solo per… paura? delusione? finta autodifesa? cinismo facile? beh.. se sei veramente un’Amica non puoi girarti dall’altra parte, facendo finta di niente e continuando a sputare parole di circostanza, non puoi, quello lo fa già tutto il resto del mondo.

Forse ora mi odierai, ma come ti ho scritto questo pomeriggio:

[…] le amiche vere, quelle che ci tengono a te e che non ti frequentano solo perché vi vedete tutti i giorni, perché fa comodo, perché vi divertite, uscite, viaggiate, o altro, fanno proprio questo: bloccano, affrontano e talvolta – quando è necessario – danno anche sonore bastonate sulla testa.

Articoli Correlati

13 Commenti per L’Amicizia e la Cruda Sincerità

  1. Quora
    martedì, 07 dicembre 2010 at 12:00 (7 anni ago)

    Secondo me hai fatto bene. Meglio la cruda verità – che a primo acchitto può far male – che la falsità che comunque a lungo andare ferisce ancora di più.

    0
    Rispondi
    • Sylia
      martedì, 07 dicembre 2010 at 15:42 (7 anni ago)

      Quora: In questa caso però.. sembrano essere parole buttate al vento, dopo tutto è proprio vero quando si dice che “non c’è peggior sordo, di chi non vuol sentire..“.

      0
      Rispondi
  2. Quora
    mercoledì, 08 dicembre 2010 at 12:03 (7 anni ago)

    Ah, beh, ma se non vuol sentire, fatti suoi! Insomma, l’importante è che tu abbia aperto gli occhi a questa persona, almeno tu hai la coscienza a posto! E comunque molte persone non vogliono sapere di sentire, perchè così facendo dovrebbero far fronte ad una verità troppo scomoda per loro… Non sentirti in alcun modo responsabile! Tu il tuo dovere da amica l’hai fatto ;)

    0
    Rispondi
    • Sylia
      giovedì, 09 dicembre 2010 at 11:42 (7 anni ago)

      Quora: più che altro “certe persone” si nascondono dietro a così tante scuse, che alla fine si auto-convincono veramente che quello che stanno facendo sia giustificabile e normale.

      0
      Rispondi
  3. eka
    giovedì, 09 dicembre 2010 at 18:21 (7 anni ago)

    …e lo chiedi a me? :roll:
    (sì, a mio parere il *patpat* sulla spalla è per gli imbecilli. La scrollata è da amiche, vere amiche).

    0
    Rispondi
    • Sylia
      venerdì, 10 dicembre 2010 at 11:38 (7 anni ago)

      Eka: Eh.. lo so, tu tendenzialmente sei sempre schietta un po’ con tutti, ma io invece tendo ad essere diplomatica, che non vuol dire essere “falsa”, semplicemente mi limito a valutare le cose e ad esporre i miei pensieri con tono calmo, senza però dare giudizi marcati sulle scelte o sul comportamento altrui, dato che non mi ritengo una bacchettona e mi rendo conto che spesso non avrei neanche il diritto di farlo, però.. ci sono momenti in cui ti accorgi che una persona, da sola, non è più capace di vedere, ne quello che fa, ne quello che crea, ne come appare agli altri, auto-convincendosi di essere sempre nella ragione, passando così.. sempre sopra a tutto e a tutti, compresa se stessa, ed è in questo caso, che non si può fare a meno di intervenire bruscamente, anche se spesso non serve a nulla, solo ad incrinare il rapporto.

      Bradipo: Per quello anche io, però appunto.. non tutti la prendono allo stesso modo, inoltre spesso si capisce l’intenzione dell’amico, solo dopo molto tempo, quando le sue parole direttamente e/o indirettamente, hanno iniziato a svegliarti e a darti seriamente da pensare, agendo poi per cambiare le cose, o te stesso,.. sempre se questo poi accade.

      0
      Rispondi
  4. bradipomissile
    venerdì, 10 dicembre 2010 at 08:12 (7 anni ago)

    Io sono grato a tutti quei miei amici che mi hanno saputo dare i famosi schiaffi in faccia quando è stato necessario.
    Sono stati in 4. E sono tutti miei amici ancora.
    Certo, tutto dipende anche dalla sensibilità della persona a cui hai dato lo “schiaffo” e quanto sia permalosa.

    0
    Rispondi
  5. martinalamatta
    lunedì, 13 dicembre 2010 at 14:36 (7 anni ago)

    Io pure preferisco la doccia fredda, presto o tardi sortirà l’effetto per cui è stata data.
    Sicuramente è necessaria l’umiltà di accettarla e la forza di capirla e usarla a nostro vantaggio… è la cosa più difficile.
    Perchè a volte ci sono pure persone insospettabili che ti dicono la cruda verità e magari non li consideri nemmeno amici… ma poi spetta sempre a noi la decisione di tirare fuori la testa dalla sabbia.

    Come hai risolto poi?

    0
    Rispondi
    • Sylia
      lunedì, 13 dicembre 2010 at 14:55 (7 anni ago)

      Martina: ..in nessun modo, ha risposto ripetendo le sue giustificazioni, dicendo che non posso giudicare le sue scelte, anche perché non conosco tutto,.. il che mi fa pensare che si era scordata con chi stesse parlando.
      Nulla di nuovo quindi.

      0
      Rispondi
  6. martinalamatta
    lunedì, 13 dicembre 2010 at 15:02 (7 anni ago)

    :| non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, per l’appunto. :D

    0
    Rispondi
    • Sylia
      lunedì, 13 dicembre 2010 at 15:09 (7 anni ago)

      Martina: Infatti,.. magari quando sarà pronta, ci ripenserà e affronterà veramente le cose, senza nascondersi dietro a infinite “giustificazioni”.
      Io di più non posso fare, proprio perché la vita è sua,.. anche se glielo ricorderò, motivo per cui non credo che si farà sentire molto presto, sicuramente non per parlare come prima..

      0
      Rispondi
  7. martinalamatta
    lunedì, 13 dicembre 2010 at 15:50 (7 anni ago)

    Ma questa è la coda di paglia… :D è risaputo che è troppo difficile affrontare qualcuno che ti ricorda ogni istante le cazzate che stai facendo, semplicemente con la sua presenza.

    0
    Rispondi
    • Sylia
      lunedì, 13 dicembre 2010 at 17:31 (7 anni ago)

      Martina: Lo so, ma essendo distanti, non sentirci per evitare confronti, è sicuramente la cosa più “facile” da fare,.. poi posso sempre sbagliarmi.. :)

      0
      Rispondi

Lascia un commento