Basita

La maleducazione oramai regna sovrana, anche in quei luoghi in cui la delicatezza e la professionalità dovrebbero essere al primo posto.

Ma dico: sei in uno studio/ente medico, dedicato alla ginecologia, lavori dalle 15 alle 19, dal lunedì al venerdì, probabilmente non fai nulla oltre a rispondere al telefono e segnare i vari appuntamenti, quindi mi dici qual è il tuo problema?? Quello che ti da la faccia tosta di rispondere male a delle possibili pazienti, con tono scazzato che dice palesemente: “che cavolo vuoi, tra 2 secondi ti sbatto il telefono in faccia“?

E’ stato uno scambio veramente surreale, con la piena consapevolezza che costei, evidentemente infastidita, aveva tutte le intenzioni di chiudere la chiamata dall’inizio della conversazione, mandandomi volentieri a quel paese.

MissSimpatia: ..pronto! [con il tono già incavolato]
Io: …ehmm.. salve, è XXX?!
MissSimpatia:
Io: bene, potrei chiederle alcune informazioni?
MissSimpatia: ..vediamo [già qui avrei dovuto capire e attaccare]
Io: potrei sapere qualcosa sulle visite..
MissSimpatia: [interrompendomi] in che senso scusi?!??
Io: per quanto riguarda chi le svolge ed eventualmente, se è possibile, sapere le rispettive tariffe.
MissSimpatia: ..ma come chi le svolge, ci sono i medici no?!?? e per il resto non conosco le tariffe io! ognuno ha la sua e mi passano il bigliettino alla fine della visita, sono medici esterni questi, hanno un loro lavoro da altre parti.
Io: certo, ovviamente questo lo so, ma ho visto che sono più d’uno, quindi volevo sapere se..
MissSimpatia: ..ma perché ha chiamato? dove ha trovato questo recapito?
Io: …sul vostro sito, è l’unico recapito.
MissSimpatia:.. ah.. sul sito, beh lì c’è scritto chi sono i medici, no, non lo ha letto?!!? Deve sceglierne uno tra quei… sei, il Dottor XX.. la Dottoressa…….. XXX, la….. XXX,….la……. XXX, il Dottor XXX e poi……… il Dottor XXX.
Io: sì, appunto, ho letto, ma sono solo nomi, senza tariffe, specializzazione, o altro, come faccio a scegliere se non so nulla? Comunque volevo semplicemente conoscere i tempi di disponibilità per una semplice visita, più pap-test, con una Dottoressa, avendo una certa urgenza. [detto tutto senza respirare, per non essere nuovamente interrotta]
MissSimpatia: ..beh senta, le Dottoresse sono tutte occupate fino a Marzo, mi dispiace.
Click
Io: … O_o … -_-‘

No, tutto questo non è normale e la riprova è che prima avevo chiamato altri “enti” e/o strutture, qui a Brescia, trovando sempre e gentilmente le risposte a tutte le mie domande LECITE, anzi, ricevendole addirittura senza porre alcun quesito, dato che sapere chi eventualmente ti metterà le mani addosso [uomo o donna], oltre alla tariffa, alla disponibilità e ai “servizi offerti” è il diritto di ogni possibile paziente.
Non sono mica una mucca che si fa andare bene ogni cosa, rischiando tra l’altro di trovarmi la sorpresina al momento del pagamento [alcuni hanno tariffe altissime], ma scherziamo? in questo periodo poi, in cui ogni cent è sacro!

Sono basita, tanto che la richiamerei solo per mandarla a quel paese, oltre che per suggerirle di cambiare lavoro.

E giusto per informazione, oltre che per non togliere alcun demerito, l’ente interessato è l’Ambulatorio Medico di Ostetricia e Ginecologia Atheneum.
Mentre gli altri enti da cui ho ricevuto tutte le risposte, con la massima educazione e professionalità sono l’Aied e il consultorio Crescereinsieme, tra l’altro in entrambi mi sono trovata molto bene, sia con la tempistica degli appuntamenti, sia con le visite.

11 Commenti per Basita

  1. eka
    mercoledì, 09 febbraio 2011 at 18:37 (7 anni ago)

    Nemmeno io coi parenti sono così sgradevole al telefono O_O
    E poi le tue domande sono più che lecite, visto e considerato che dal ginecologo ti fai mettere le mani dove non tutti possono metterle, e quando ti va bene (visita semplice senza eco o pap test) spendi 60 euro.

    0
    Rispondi
    • Sylia
      mercoledì, 09 febbraio 2011 at 19:03 (7 anni ago)

      Eka: appunto, durante la chiamata mi chiedevo che cosa stessi facendo/chiedendo di male e nel frattempo mi dicevo: “mandala al diavolo e chiudi, prima che lo faccia lei“, ho resistito quasi fino alla fine, ma ora mi rendo conto di essere stata fin troppo educata, avrei dovuto risponderle a tono e attaccare, senza perdere neppure quei pochi secondi, infatti – come ho scritto – la richiamerei solo per togliermi la soddisfazione!
      Vabbè.. ora so che starò molto lontana da quell’ente, anche se purtroppo sembrava il più appropriato e professionale.

      Per quanto riguarda le tariffe, la mia ginecologa della Valle D’Aosta si faceva pagare 90 euro per la prima visita, poi un po’ meno per le altre,… però so che alcuni ginecologi arrivano addirittura a 200 euro a visita, e sono più facili da trovare proprio in queste zone, sorpresa che sinceramente preferirei evitarmi.. e poi è mio diritto sapere quanto caspiterina dovrei spendere, no!? Mah..

      0
      Rispondi
  2. Mari
    mercoledì, 09 febbraio 2011 at 19:23 (7 anni ago)

    Sy: Addirittura duecento? O__O
    La mia – e sai dove vivo – si prende 70 euro per la visita, e non ricordo se 50 o 60 per il pap-test. Casomai non t’ispirasse nessuno ti passo il numero della mia ;)

    Certo che quella tipa lì non sa proprio come ‘procacciare’ clienti per lo studio.. essì, che più gente ci va, più hanno da guadagnarci, ma con una centralinista così i pazienti li perdono più che trovarli. Mah.
    Che poi quando ti ha chiesto dove hai preso il numero mi ha dato l’idea di una cosa losca… -_-
    Ma nel caso, il tuo medico non può farti la richiesta per visita urgente? Quando è il medico a segnare l’urgenza sulla ricetta entro 3 giorni te la devono erogare, e quindi un buco per un appuntamento salta fuori sempre…

    0
    Rispondi
    • Sylia
      mercoledì, 09 febbraio 2011 at 21:46 (7 anni ago)

      Mari: il punto è che il mio medico non è qui, dovrei andare in Valle D’Aosta per fare un’impegnativa valida solo per quella regione ovviamente.. e non credo ne valga la pena.
      Guarda, la mia ginecologa, anni fa, a un’altra mia amica, per delle analisi aggiuntive, le aveva fatto pagare 250 euro, infatti era sconvolta.
      Poi la quota logicamente varia da ginecologo e ginecologo, motivo per cui volevo almeno un’idea, ma non c’è stato verso, mentre solitamente non fanno così tante storie, dato che hanno delle tariffe mediamente fisse.

      Sai che anche a me ha fatto pensare a una cosa “losca”, come se avesse sospettato che fossi del fisco e che volessi controllare, o qualcosa di simile,.. ma solitamente nessuno chiede mai nulla qui? Vanno tutti sulla fiducia e con il portafoglio gonfio?!? Non so io.. :/
      Tra l’altro.. mi ero dimenticata, non mi ha chiesto solo dove l’avessi trovato, ma dopo ha aggiunto: “chi glielo ha dato?!?” con tono quasi accusatorio, non avevo mai sentito una cosa simile, come se il numero fosse privato.. quando in realtà è ovunque, ed è l’unico, anche sulle pagine gialle, boh..

      0
      Rispondi
  3. Mari
    giovedì, 10 febbraio 2011 at 10:01 (7 anni ago)

    Sy: dimenticavo che tu hai il tuo medico non a Brescia…
    In effetti anch’io ho sempre saputo che più o meno le tariffe son quelle, anche perché se uno può scegliere non va certo da quello da duecento, se ne ha di fronte un altro a 70… Certo bisogna vedere che analisi le ha fatto fare, poi, già con un pap-test si arriva a 150 [più o meno], per arrivare ad altri 100 forse c’erano state anche altre indagini, però meglio saperlo prima sempre…
    Spero che la tua ricerca porti frutto.
    Lì non ci sono consultori?

    0
    Rispondi
    • Sylia
      giovedì, 10 febbraio 2011 at 11:27 (7 anni ago)

      Mari: sì, infatti è stato il primo che ho chiamato, però la disponibilità c’è solo per il 22 febbraio, motivo per cui ho continuato a chiamare in giro, pur avendo ugualmente prenotato.
      Il lato negativo è che non hanno lo strumento per fare le ecografie, cosa che spesso è indispensabile per avere qualche risposta in più.

      Per quanto riguarda la mia ginecologa, il pap-test me lo aveva fatto pagare 15 euro, e la seconda visita – nel giro di 2-3 settimane – 50 euro, quindi la tariffa varia anche in base al numero di visite che fai nell’anno/mese/settimane, però appunto.. la prima solitamente è sempre fissa per tutti, motivo per cui non capisco tutta la difficoltà trovata con quella tipa.

      0
      Rispondi
  4. Mari
    giovedì, 10 febbraio 2011 at 21:35 (7 anni ago)

    Sy: almeno è meglio che nulla, poi magari – se un’eco è davvero necessaria, penso sapranno indirizzarti verso qualcuno che possa fare indagini più specialistiche, altrimenti temo che l’unica sia cercare sulla pagine gialle tutti i ginecologi di zona e chiamare per farsi un’idea [come già hai fatto e stai facendo]. Questi son proprio i casi in cui il passaparola è una buona cosa, conoscere qualcuno che va già da tal dottore aiuta parecchio, anche solo a livello psicologico.
    Speriamo bene dai :)

    0
    Rispondi
    • Sylia
      venerdì, 11 febbraio 2011 at 11:18 (7 anni ago)

      Mari: Quello si vedrà, ma per ora, per 22 euro [prima visita, 17 o 19 le successive] va più che bene così, al massimo per approfondimenti e/o se non mi dovessi trovare bene, riprenderò la ricerca, magari in studi singoli, dove parli direttamente con l’unico medico presente, senza troppi intermediari.
      Per oggi comunque ho già dato, facendo delle analisi che mi premevano, per togliermi alcuni pensieri, ora non mi resta che attendere il 22. :)

      0
      Rispondi
  5. Mari
    venerdì, 11 febbraio 2011 at 12:09 (7 anni ago)

    :)

    0
    Rispondi
  6. eka
    sabato, 12 febbraio 2011 at 14:52 (7 anni ago)

    Ah, sulla prima visita non so, avevo 15 anni e fu più che altro una “chiaccherata” con eco esterna, pagata ovviamente da madreh, che mi portò così presto dal ginecologo per sbloccarmi un po’ dal tipico imbarazzo adolescenziale nei confronti di un medico che esercita quella professione…

    0
    Rispondi
    • Sylia
      sabato, 12 febbraio 2011 at 14:57 (7 anni ago)

      Eka: credo sia la cosa migliore,.. io invece iniziai ad andarci discretamente tardi, oltre i 24, proprio perché l’imbarazzo era troppo e non ne volevo assolutamente sapere, infatti alla fine mi convinse solo la preoccupazione.

      0
      Rispondi

Lascia un commento