Da quando l’arroganza è un Must?!

Perché le persone sul web stanno diventando sempre più “avvelenate”?!
L’arroganza io non l’ho mai ritenuta un pregio da ostentare, seguire e lodare, ora invece sembra quasi essere diventata un must, una caratteristica essenziale da sfoggiare per essere ritenuti “fighi”, forti e degni di essere presi in considerazione.

..ma stiamo scherzando?

Io le persone così nella realtà le ignoro, non mi piace averci a che fare, perché è impossibile riuscire a instaurare un qualsiasi legame con una “facciata costruita”, basata sulla superficialità, sull’attaccare preventivamente e sul cinismo perpetuo.
Ovviamente resto coerente anche nella virtualità.

Le persone da lodare e che meritano di essere conosciute — a mio modesto avviso — sono di tutt’altro genere, sono le persone vere: quelle che non si nascondono dietro a delle mere maschere dipinte ad arte; quelle che sanno apprezzarsi per ciò che sono, senza aggiunte di fantasia, di imitazione o di protezione; quelle che sanno ancora cosa sia la gentilezza, il rispetto e la disponibilità; quelle che possiedono ancora dei principi non consumistici, o non basati esclusivamente “sull’IO”, e che non se ne vergognano; quelle che non si parlano addosso costantemente, criticando tutto e tutti, con l’unico scopo di mettersi su un piedistallo farlocco, per sentirsi intoccabili e non essere mai messe in discussione; quelle che si mettono in gioco quand’è necessario e che ammettono i loro errori, imparando da essi; quelle che sanno ancora ascoltare il prossimo, con interesse, riuscendo a metterlo a proprio agio e a costruire un dialogo di scambio reciproco, paritario, fatto di idee, di opinioni, di confronti, di empatia, di educazione.. e molto molto altro.

Non posso credere che la forza e il carisma, vengano sempre più spesso confusi con la maleducazione e l’egocentrismo, no, non quando quest’ultimi sono caratterizzati solo dall’insicurezza e dal terrore di essere semplicemente se stessi, per paura di essere conosciuti, giudicati e respinti per quello che realmente si è, o non si è [.. ma anche per quello che si ha, o non si ha].

Lascia un commento