Vorrei..

..solo sapere se stai bene e invece non faccio che imbattermi in un silenzio assordante.

Non è giusto, non puoi fare così, buttarmi addosso i tuoi demoni interiori, le tue paure, il tuo vero essere.. e poi rifugiarti nel nulla, nel silenzio e nella negazione assoluta.

Non sono stata io a cercarti e neanche a chiederti di “mostrarti”, non più, non dopo tutti questi anni e dopo che le nostre strade si sono divise, quindi perché ora fuggi, perché dopo mesi ti neghi ancora, come se ti vergognassi di esserti inaspettatamente mostrato umano e vulnerabile? Cosa temi da me?.. o cosa vedi ora in me che ti spaventa tanto?

Io non sono il riflesso delle tue parole, non sono una minaccia, non chiedo spiegazioni, non do giudizi, l’unica cosa che vorrei sapere.. è come stai.

Articoli Correlati

6 Commenti per Vorrei..

  1. Mari
    martedì, 09 agosto 2011 at 13:43 (6 anni ago)

    A volte le persone hanno tempi molto lunghi prima di capire che non hai ‘strane intenzioni giudicanti’ dopo un periodo più o meno lungo di silenzio, dovuto a qualsiasi tipo di motivo.
    Forse l’unica è attendere, anche se potresti non ricevere la risposta, nonostante non sia stata tu la prima a farsi sentire.

    0
    Rispondi
    • Sylia
      martedì, 09 agosto 2011 at 14:25 (6 anni ago)

      ..il fatto che mi spiazza è il non aver fatto nulla, ho solo ascoltato.. e cercato dopo qualche tempo di sapere come stesse, com’è normale che sia.

      Non facciamo più parte delle nostre reciproche vite, però è indubbiamente strano tutto questo… capisco se si vuole fare la sua vita, ma in questi anni si è sempre fatto sentire, normalmente, anche quando non avrebbe dovuto, e ora – improvvisamente – dopo aver mostrato inaspettatamente e indipendentemente una sua parte vulnerabile, è svanito nel nulla, lasciandomi anche una certa preoccupazione, il che è scontato visto che sono una comune mortale e lui è una persona a cui comunque ho voluto molto bene.

      Non lo chiamo direttamente solo per evitare di “forzare” [dopotutto se avesse voluto mi avrebbe risposto agli sms], proprio perché non so cosa sia successo e credo che debba dirmelo lui, quando e se mai vorrà farlo..

      0
      Rispondi
  2. Mari
    martedì, 09 agosto 2011 at 16:20 (6 anni ago)

    Forse ha ancora della cose in sospeso che non riesce a risolvere e non ti risponde perché potrebbe aver percepito quella sua confidenza come un atto di debolezza che non doveva concerdersi… vai a capire perché, se alla fine tu non hai fatto nulla che potesse indurlo a pensare qualcosa di strano… anche se ci sono persone che ritengono strano anche un semplice ‘come stai’.
    Immagino che davvero, se questa persona riterrà che sia il momento giusto, si farà sentire per darti qualche spiegazione, o anche solo chiudere questa sorta di ‘parentesi’ che ha aperto.

    0
    Rispondi
    • Sylia
      martedì, 09 agosto 2011 at 17:22 (6 anni ago)

      Boh.. il “come stai”, in questi 4 anni, non ha mai creato problemi, è una domanda lecita tra due persone che si conoscono, quindi abbino tutto all’ultima volta che ci siamo sentiti, perché effettivamente non lo avevo mai sentito in quel modo, ma questa non è una cosa negativa, tutt’altro, finalmente mi è sembrato anche lui un essere umano, per la prima volta abbiamo avuto un dialogo e uno “scambio” reale :)

      ..mi dispiace che senta quasi il bisogno di evitarmi, ecco tutto, perché proprio non ne comprendo il motivo,.. l’importante però è che stia bene, poi – come gli ho scritto – tutto il resto in fondo è superfluo, anche il rispondermi.

      0
      Rispondi
  3. Mari
    mercoledì, 10 agosto 2011 at 12:31 (6 anni ago)

    Probabile che sia proprio perché in quest’ultimo scambio si è esposto più di quanto credesse, a rendere il ‘come stai’ magari più emotivo del solito, e quindi si sente più al sicuro a non rispondere. Almeno non adesso, forse in futuro chissà.
    Non crucciarti troppo, alle volte le persone agiscono in maniera a noi incomprensibile, ma prima o poi arriva quel piccolo segno che ci aiuta a capire quello che prima ci sfuggiva. Altre volte l’unica è andare oltre, e prendere un po’ quello che viene senza troppi pensieri ;)

    0
    Rispondi
    • Sylia
      mercoledì, 10 agosto 2011 at 12:51 (6 anni ago)

      Quello che ho fatto in questi mesi, però credo che a un certo punto sia inevitabile “fermarsi” e domandarsi: “ma perché?” Anche solo per metterci una pietra sopra, cosa che effettivamente farò, questo post è stato un semi-sfogo, diciamo così, giusto per dichiarare il mio disappunto, dato da un’insieme di fattori, che francamente mi lasciano perplessa e.. basta, finito, non cambia sicuramente la vita di nessuno, però dopo averne preso atto – anche se mi dispiace – mi comporterò di conseguenza, tutto qui.
      Evidentemente una volta aver preso strade differenti deve/doveva andare così..

      0
      Rispondi

Lascia un commento