Vettoriale

Ci ho messo un po’ per dedicarmi “a questo mondo”, francamente non mi andava, ma visto che dovevo modificare nuovamente il Logo dell’Associazione, ne ho approfittato per fare anche la versione vettoriale, sebbene sarà usata veramente pochissimo, però se dovesse servire per stampe e simili [anche fatte da terzi] ora sarà disponibile.

Comunque ho visto che pochissimi sanno usare grafica, web e quant’altro, addirittura la Regione fa una gran confusione in merito, motivo per cui ci siamo prese addirittura un cazziatone per aver usato una vecchia versione del loro logo, peccato però che non si siano minimamente degnati di mandarci — a progetto approvato — i file necessari, se non ora, e pensare che il “logo errato” era sotto i loro occhi da settembre, ma non hanno fiatato se non per complimentarsi.
Sono senza parole.
… e poi vogliamo parlare del file .pdf apposito in cui viene spiegato in pagine e pagine come deve essere usato e non usato il loro Logo? Fanno proprio di tutto per complicarsi e complicare la vita agli altri.

Vabbè, pace, sbagliando si impara, anche se mi viene da ridere pensando ai Loghi inviati dall Pari Opportunità Provinciali e Comunali: dei .jpg piccolissimi e sgranati, tanto che avevo dovuto rifarli io da zero.

Dimenticavo: la maledizione del terzo anno sta colpendo ancora, infatti il mio portatile sta iniziando a dare i primi segnali di cedimento o meglio sta facendo esattamente come il suo predecessore: a volte non vede più la carica.
Per ora funziona ancora, ma non posso spostarlo, altrimenti muore.
Che sfortuna, spero che sia solo il caricatore il problema e che non sia nuovamente un malfunzionamento interno del PC, perché qui a Brescia ho già visto che non sanno sistemarlo.

Ci sono altre cosette in ballo, personali però e decisamente superficiali, ma ne parlerò più avanti, sempre se andrà tutto bene.

Ah già.. i 31 sono alla porta, letteralmente, tra 15 minuti circa… sono qui -_-‘

5 Commenti per Vettoriale

  1. erika
    venerdì, 14 dicembre 2012 at 16:02 (5 anni ago)

    So che non mi ascolti, anche se il mio lavoro è proprio quello che stai imparando tu ora, ma riguardo alla stampa (ricordo molti post tuoi che parlano di questo), ho trovato online questo meraviglioso mini-manuale iniziale: http://dl.dropbox.com/u/337779/GutenbergsWorld2.pdf
    Gratuito, spiega molto bene alcuni concetti complessi, talmente bene da farli sembrare banali.
    Per la questione logo… non avevano una versione vettoriale? O_O

    0
    Rispondi
    • Sylia
      venerdì, 14 dicembre 2012 at 16:22 (5 anni ago)

      Ti ringrazio, in realtà mi stanno obbligando a forza a imparare queste cose.. ma tant’è -_-‘

      Non avevano alcuna versione in realtà, quando sono entrata io avevano solo alcuni loghi – di pessima definizione, fatti non so da chi – salvati su un documento word, poi piano piano ho rimediato io, quindi ora sì, hanno tutto compreso il logo vettoriale in ogni versione [la sola casetta, la casetta con l’indirizzo vicino, etc], loro “da sole” comunque continuano a usare il logo in jpg o tiff [nuovo] dato che lo usano prevalentemente con word per piccoli documenti, o per le presentazioni ppt e simili, ma non per stampe importanti.
      Comunque, come ho scritto nel post, l’unica che ci ha consegnato anche il logo vettoriale è stata la Regione [e tutte le regole abbinate], le altre istituzioni solo dei minuscoli loghi sfocati e con lo sfondo bianco, quindi erano in buonissima compagnia, mentre ora sono quasi le più “evolute” :D

      Da quello che ho visto anche la sede più importante di Milano è messa così, o meglio.. dal sito che stanno rifacendo – prima era TOTALMENTE in flash e non navigabile – credo di aver capito che si stanno evolvendo anche loro, ma ci vorrà ancora tanta strada.. ma TANTA strada, visto che molte associazioni non hanno neppure il sito web,… altro che creare un Portale Regionale/Nazionale per i centri e le associazioni antiviolenza [progetto che “noi” vorremmo proporre..].

      0
      Rispondi
    • Sylia
      venerdì, 14 dicembre 2012 at 19:02 (5 anni ago)

      Ho letto il pdf, ed è molto interessante, anche se molte cose le ho imparate “facendo” [..e non è affatto vero che non ti ascolto mai], tra cui le abbondanze, che ho sempre messo di 3mm scoprendo che con alcuni è decisamente meglio abbondare ulteriormente, mentre i segni di taglio sono sicuramente utili, ma ho visto che i tipografi stessi – i soliti – non li usano, infatti anche potendo non li hanno impostati, quindi non so se essere ancora più perplessa o meno.. per il resto, non hanno mai usato quel tipo di stampa, quello tradizionale, ma hanno sempre usato la stampa digitale e il problema dai colori si è presentato con l’Agenda – ero andata personalmente a valutarli, ma li cambiavano continuamente – mentre dopo, con la Locandina, gli atti e il libretto non c’è stato alcun problema, beh.. a dire il vero con quest’ultimo non lo so ancora, però ho rispettato ogni “regola”, anche se io mi sono occupata solo dell’impaginazione finale e non ho potuto usare InDesign, ho dovuto usare Word – che mi ha fatto impazzire – perché altrimenti le altre volontarie non potevano continuare a lavorare sul file per modificare il testo, poi ho creato il Pdf [modificato 300 volte per continue modifiche successive al testo] e l’ho inviato ai tipografi, ho già visto una “prova”, anche se non sui fogli giusti, l’unico casino può subentrare nuovamente con il taglio, che non è per nulla il loro forte.

      In ogni modo ho appena imparato a impostare e creare i segni di taglio – e non solo – anche usando direttamente Adobe Acrobat ed è una piccolissima soddisfazione.

      ..dai, piano-piano sto imparando.. sia le “regole”, sia ad usare al meglio i vari programmi richiesti, sebbene non sia un lavoro e tanto meno il mio lavoro.

      0
      Rispondi
  2. erika
    sabato, 15 dicembre 2012 at 11:39 (5 anni ago)

    Beh, sei abbastanza elastica come persona, potresti farla diventare una professione, no?

    0
    Rispondi
    • Sylia
      sabato, 15 dicembre 2012 at 12:59 (5 anni ago)

      Non ne so ancora abbastanza per farla diventare una professione, inoltre per farla diventare tale serve anche una passione e un estro particolare, che francamente non credo di avere,.. diciamo che “dalla mia” attualmente ho prevalentemente la curiosità :)

      0
      Rispondi

Lascia un commento