MAC & Neve Cosmetics

Questi post altamente frivoli fanno sempre bene, o meglio, io avrei gradito imbattermi in consigli simili, giusto per evitare eventualmente di buttare via soldi, il che è estremamente facile quando si parla di make-up, perché i colori ingannano e anche le nostre “speranze”.

Premetto da un piccolo particolare, anzi, due:

I rossetti li ho sempre evitati per anni, a causa della secchezza estrema delle mie labbra, ma da quando un anno fa mi sono imbattuta in questo video e mi sono creata il balsamo labbra, tutto è cambiato, perché è fenomenale, quindi un consiglio: buttate via tutti i vostri labello (il male) o stick simili, anche eco-bio ( costano tanto, ma sulle mie labbra facevano ben poco)  e dedicate qualche minuto a crearvi un balsamo labbra ottimo ( lo uso da un anno, so di cosa parlo) , che tra l’altro vi durerà per un’eternità e non vi farà mai più screpolare/spaccare le labbra.

Dopo aver trovato un rimedio al mio problema, mi sono impulsivamente buttata sui rossetti, acquistandone veramente tanti rispetto alla mia triste media degli anni passati, cercando però di selezionare al meglio i colori e la tipologia, giusto per non ritrovarmi con rossetti che poi non userò mai.
Purtroppo non sono stata bravissima, qualche cantonata semi-costosa l’ho presa, ma quando non provi subito quello che acquisti facendoti abbagliare dal colore o dalle opinioni altrui, purtroppo capita.
In effetti sto scrivendo questo post — e ne scriverò altri futuri — proprio per questo motivo.

La marca su cui mi sono “buttata” è la MAC, da quando l’ho scoperta ne sono rimasta affascinata, specialmente per quanto riguarda i correttori e i rossetti, mentre per il resto non posso dire molto, visto che gli ombretti non li ho mai acquistati per via del costo eccessivo, anche perché tendo ad usare sempre gli stessi colori neutri e opachi, quindi non ne varrebbe la pena. La cipria Mineralize SkinFinisch Natural invece la uso alternandola alla Hollywood di NeveCosmetics, che è eco-bio e che prediligo. In ultimo, il gel nero FluidLine per l’eye-liner, sebbene sia stato il primo prodotto MAC acquistato anni fa, è ancora perfettamente usabile, non si è minimamente seccato, però apprezzo maggiormente il semplice ombretto nero o l’eye-liner liquido della Maybelline o della Debora.

Comunque, arrivando al punto, i lipstick acquistati negli ultimi tempi sono: Snob, Pink Plaid, Please Me, Rebel e Craving ( in ordine, da sinistra a destra) .

IMG_2577IMG_2577

Snob: Errore terribile, potessi lo riporterei indietro, anche a costo di regalarlo alla commessa.
È orribile, visto così sembra carino, un rosa freddo, ma in realtà è chiarissimo e messo sulle labbra resta esattamente dello stesso colore essendo estremamente coprente (come tutti quelli acquistati), trasformandoti in una di quelle anziane signore dall’ombretto azzurro pastello, blush fuxia e labbra con quel rosa/grigio troppo chiaro..

Pink Plaid: il rossetto rosa basico per eccellenza, estremamente coprente, assolutamente opaco e purtroppo anche molto “secco”, nel senso che una volta applicato sulle labbra quest’ultime diventano secchissime, anche solo visivamente, dato che le “increspature” si accentuano. L’unica soluzione è un lipglos s anche trasparente, che però si mangerà subito il rossetto, che altrimenti sarebbe molto duraturo.

Please Me: altro rossetto rosa basico, che si differenzia dal Pink Plaid perché è più caldo, infatti vira leggermente sul pescato. Purtroppo anche questo fa l’effetto “secco”, il finish matte, cioè opaco, tende a dare questo problema.

Rebel: devono piacere i colori scuri e decisi, anche se non con l’effetto neon (che io non amo). In realtà una volta applicato non è così scuro come appare dallo stick, ed è di un colore ciliegia tendente al lilla/violetto. Non fa l’effetto “secco” sulle labbra ed è molto bello.

Craving: amore a prima vista. È uno di quei rossetti che tende a passare inosservato se visto in esposizione, ma è bellissimo, un color ciliegia pieno, ne chiaro, ne scuro, è medio con una leggera virata al fuxia (al contrario del rebel che paragonato vira più verso il viola) . Non fa l’effetto “secco” ed è portabile anche tutti i giorni e secondo me anche con una pelle chiara come la mia, specialmente se applicato con un pennellino (ottimo modo per usare tutti i rossetti, anche i più scuri e/o coprenti, rendendoli più “portabili”).

I Correttori: l’unico prodotto di cui non posso fare a meno.
NW15, della MAC, è il mio colore, il problema è che il fondotinta della stessa marca e con lo stesso codice è molto più scuro e visto che come ho già ribadito in passato mi rifiuto di buttare altri soldi in fondotinta non perfetti, mi sono rassegnata e mi sono buttata su un correttore: il Pro Longwear Concealer, che al contrario dei suoi fratellini — e di quanto mi aveva detto la commessa mesi fa — si lascia applicare senza alcuna fretta, dato che non si asciuga subito ed è semi-liquido, quindi per me — e come sostituto del fondotinta — è perfetto.

L’altro fratellino, il Mineralize consealer, è quello che uso come correttore effettivo per le imperfezioni ( assieme a quello della ELF) , mi ci trovo bene, anche se per i brufoletti non è proprio l’ideale, dato che “tende a spostarsi”, mentre il Select cover-up — il primo da me acquistato molto tempo fa — dove lo metti sta, fin troppo, infatti fa sempre la macchietta perché difficilissimo da riuscire a sfumare in tempo, tendendo anche a seccare e ad accentuare i pori dilatati, o qualsiasi altri cosa, quindi lo uso esclusivamente sui brufoletti, ma spesso non ne ho voglia e mi butto sul correttore/fondotinta minerale della NeveCosmetics.

Ecco perché dopo anni, 4 o 5, ho rifatto un ordine proprio alla Neve Cosmetics, perché dovevo riprendere il fondotinta Fair, quello chiarissimo, sia perché il mio sta per finire, sia perché hanno fatto una nuova formulazione molto più coprente e francamente ero molto interessata a provarla, visto che la pecca del minerale, oltre alla secchezza latente, è proprio la scarsa coprenza.
È arrivato giusto oggi, con un solo giorno di attesa, quindi non ho ancora potuto provarlo, ma una cosa la posso dire: il packaging è migliorato tantissimo, non solo del fondotinta — con l’aggiunta di un “erogatore tappa buchi” — ma proprio la presentazione in generale, ora mettono dei regali nel pacchetto, oltre ai prodotti ordinati e anche una borsina con una pochette di plastica molto carina.

Oltre a quello, ho provato a prendere un “sample” dell’ombretto “Zen“, un marrone scuro molto freddo [vira quasi al magenta-blu] e molto bello, in vista del nuovo cambiamento di colore di capelli — tornerò nera, anche se spero non per molto — e la palette “Elegantissimi“, che avevo adocchiato da quando era uscita, credo un anno fa, forse di più, proprio perché è composta da colori neutrali, mat/satinati, inoltre sono eco-bio, sono estremamente pigmentati e da quello che ho visto posso usarli per tutto [sopracciglia, eyeliner, ombre, illuminante, etc] .
L’ombretto color “glicine/lilla”, che si chiama Geisha, è un loro omaggio ed è tra l’altro un ombretto intero, non è un semplice sample, bellino, peccato però che non sia il mio genere e io non lo avrei mai acquistato.

IMG_2807c

venerdì, 21 dicembre 2012, ore 14:34

Ora che sono nuovamente nera — anche se con tutt’ora alcuni riflessi rossi — ho rivalutato leggermente il rossetto Snob, dato che essendo estremamente freddo con il nero sta addirittura bene, idem il Creme Cup [il primo rossetto in assoluto MAC, acquistato un anno fa], che non mi aveva mai convinta, mentre ora è perfetto.

martedì, 8 gennaio 2013, ore 15:15

È passata qualche settimana e ora lo posso confermare: la palette Elegantissimi di Neve Cosmetics è stupenda, la sto usando per tutto — assieme all’ombretto ZEN, stupendo anche lui e molto più freddo e scuro della cialdina “espresso” inclusa nella palette.
Ammetto che temevo di pentirmi dell’acquisto, visto che le palette di Zoeva — prese oltre 6 anni fa — non le avevo mai usate molto per svariati motivi, tra cui: colori non di mio gusto, tonalità troppo calde, troppi brillantini e molta diffidenza verso gli ingredienti; e invece è stata una piacevole sorpresa, che sfrutto praticamente tutti i giorni e che mi porterò ovunque.

3 Commenti per MAC & Neve Cosmetics

  1. erika
    sabato, 22 dicembre 2012 at 10:14 (5 anni ago)

    Sylia ti prego insegnami a fare economia domestica come la fai tu, che quando andrò a vivere da sola mi sa che nemmeno uno smalto Kiko potrò comprarmi!
    Della MAC amo gli ombretti invece, ma proverò il correttore.

    0
    Rispondi
    • Sylia
      sabato, 22 dicembre 2012 at 14:55 (5 anni ago)

      Eh.. bisogna avere tanta pazienza e fare la formichina, segnandosi mentalmente le cose desiderate e rimandando al momento giusto l’acquisto, però ovviamente si dovrà sempre scegliere: io acquistando queste cosette ho dovuto rinunciare ad altro, che magari mi prenderò tra un altro anno o più :)

      Fondamentalmente il trucco è tutto qui, imparare a “rimandare” e imparare anche a selezionare le proprie priorità, sapendo che comunque non è possibile avere tutto quello che si vuole, anche perché molte cose le possediamo già e dobbiamo solo imparare a sfruttarle al meglio.

      Questo ragionamento lo faccio prevalentemente con i vestiti, motivo per cui non ne ho più acquistati di nuovi da… anni, o con la tecnologia, mentre il make-up è sì una parte frivola, ma per una complessata come me — e con la mia pelle orribile — è anche un salvagente, perché mi permette di sentirmi e di apparire in modo più decente, o quanto meno “curato”, ecco perché una cosa di cui NON posso fare a meno è il correttore ed è sempre per questo motivo che mi sono buttata sulla MAC, perché ha i correttori migliori — io ne ho provati tanti — e con la colorazione perfetta per me, se kiko l’avesse avuta, il correttore lo avrei acquistato da loro, ci ho provato, anche con la essence, ma la loro colorazione più chiara è 2 volte più scura di me :( mentre quello della ELF è il più economico, ma poco coprente, costa circa 1 euro, motivo per cui lo acquisto — quando mi è possibile, generalmente un ordine all’anno per fare “scorta” — per poterlo usare “tutti i giorni”, lasciando quello più caro per delle occasioni più “serie” o quando ho bisogno di una coprenza maggiore, evitando così di doverlo riacquistare dopo poco tempo [..non potrei mai permettermelo].

      Selezionare e quardarsi attorno — senza lasciarsi andare all’acquisto impulsivo — è molto importante, anche per confrontare sia i prezzi, sia la qualità, ad esempio: io acquisto sul sito della MAC quando le spese di spedizione sono gratuite e la cosa assurda è che se acquistassi i prodotto dal negozio qui a Brescia, nella Coin, per ogni prodotto spenderei dai 0,50 ai 2 euro in più [non chiedermi perché.. ho provato a chiederlo, ma imbarazzati non hanno saputo cosa rispondermi.. furbi], che può sembrare poco, ma in realtà io mi acquisto un biglietto dell’autobus con quello, quindi non solo ci faccio MOLTO caso, ma evito così di farmi fregare.. riuscendo ad acquistare quello che voglio — e che altrimenti non potrei — o a risparmiare qualcosina.
      Quindi se qualcosa mi incuriosisce vado a vedere i prodotti dal vivo alla Coin — dopo essere uscita dall’associazione, non butto un biglietto dell’autobus solo per quello — e poi “me lo segno”, ecco, giusto per evitarmi almeno delle cantonate costose [cosa che mi è successa all’inizio, e per via della commessa, ma vabbè..].

      Questo comunque vale per tutto, anche per la spesa di tutti i giorni, per quella dei gatti, etc. oramai abbiamo imparato come risparmiare il più possibile, facendo la spesa una volta alla settimana, andando l’Auchan solo per prodotti specifici e la frutta, senza sgarrare, poi alla Lidl per molti prodotti alimentari, come il latte, i surgelati, le crocchette di pollo, l’acqua, o la sabbia del gatto etc. dato che costano meno, ma la qualità è molto buona, anche se i prodotti non sono di marche conosciute [spesso sono marche conosciute, che cedono parte della loro produzione a loro, con un altro nome e un costo più basso: http://ioleggoletichetta.it ]. Poi andiamo alla italmark quando a lui danno i buoni sul lavoro e solo in quel caso, per acquistare il cibo per i gatti, la mia tinta, o qualcosa per la casa, dato che lì costa tutto troppo altrimenti.

      Però c’è anche da dire che le cose per me, di questo tipo, le acquisto solo quando IO posso permettermelo, nel senso che non influisco nel budget mensile, dato che facendo i piccoli lavoretti qualcosina-ina-ina riesco a mettermi da parte, ecco, poi aspettando e rimandando — anche di anni — ovviamente tendo ad acquistare tutto assieme [anche per le spese di spedizione: aspetto quando sono dimezzate o inesistenti], motivo per cui alla fine sembra che prendo chissà cosa, ma in realtà nel corso dell’anno — a volte di più — solo per me non faccio altri acquisti,.. oltre alla pillola, agli assorbenti, allo shampoo specifico e ai biglietti dell’autobus.

      ..inoltre ho imparato che rimandando, ti rendi realmente conto se quella cosa ti serve davvero o meno, spesso infatti dopo un po’ ti accorgi che ne puoi fare tranquillamente a meno, scegliendo altro che magari puoi sfruttare di più e può esserti più utile,.. io ad esempio prima di acquistare queste cose stavo pensando al tablet o a un cellulare leggermente più attuale del mio — era il pensiero del mio compagno in realtà — poi ho capito che francamente non me ne facevo nulla, dato che il mio cellulare vecchiotto funziona ancora [e inoltre uno smartphone comporta altri costi fissi, per poterlo usare totalmente] e per tutto il resto uso comunque il mio portatile, quindi per il “mio regalo di compleanno/natale” ho optato per altro.. e non me ne sono pentita, perché so che userò tutto-tutto e per moooooolto tempo :)

      Spero di esserti stata utile ;)

      Dimenticavo, ho sentito che l’ombretto MAC per eccellenza è il Satin Taupe, basico, ma non banale, francamente mi incuriosiva, però alla fine — per quello che lo avrei usato io — ho optato per gli ombretti della neve cosmetics, sia perché con 25 euro potevo avere 10 ombretti basici, pienamente sfruttabili e molto pigmentati, tra cui uno simile al taupe [contro i 17 euro per 1 solo ombretto MAC], sia perché sono eco-bio e per i miei occhi sensibili sono sicuramente migliori,.. inoltre essendo 10 — tra cui il nero che uso come eye-liner, il marrone scuro per le sopracciglia, etc — non sentirò più l’esigenza di acquistare altri ombretti per i prossimi 5 anni :D

      È tutto un “equilibrare” continuo, considerando ovviamente anche gli anni e le spese futuri/e, mai solo il presente,.. alla fine ci si abitua :)

      ..e comunque ricordati una cosa: spandere e spendere continuamente in spese “superflue” ovviamente non è un bene — e non solo per il portafoglio — non essendo una primaria necessità, ma togliersi uno sfizio [make-upposo o di altro tipo, l’importante è che successivamente non comporti aggiuntivi costi annuali fissi, es. finanziamenti & co.], anche solo una volta l’anno, è necessario.. altrimenti che senso ha?

      0
      Rispondi
  2. Sylia
    sabato, 22 dicembre 2012 at 15:16 (5 anni ago)

    Dimenticavo: i correttori MAC ti consiglio di provarli — ovviamente se hai un negozio lì vicino — perché la loro resa varia molto anche in base al tipo di pelle, senza contare poi la colorazione giusta da trovare.

    Non stare ad ascoltare la commessa: sono lì per essere disponibili e aiutare a provare i prodotti, quindi chiedi di provarli tutti [toccali e applicali TU!] e guarda tu stessa la resa, non solo sotto la luce artificiale, ma anche sotto quella naturale.. perché è un attimo sbagliare e acquistare la tipologia errata, e visto il costo può scocciare alquanto.

    Inoltre prima di recarti al negozio guarda sempre i prezzi sul sito, in questo modo potrai confrontarli e valutare dove ti conviene acquistare.. e proprio per questo chiedi sempre il costo alla commessa, dato che talvolta non lo espongono, e stai attenta al prezzo che ti faranno alla cassa.. qui ad esempio lo aumentano sempre! In tal caso.. ringrazia, saluta e alza i tacchi, lasciando tutto lì e acquistando online [tenendo conto dei 3 euro di spedizione, sotto i 35 euro di spesa, quando non c’è la spedizione totalmente gratuita senza condizioni]

    0
    Rispondi

Lascia un commento