Ossessionata dal Rosso

Da quando nel 2012 presi il mio primo rossetto Rosso, il Russian Red di MAC, devo ammettere di essere diventata una fan accanita di questo colore, del rosso a base blu, in ogni sua tonalità, perché a dispetto delle altre colorazioni è sempre adatto a praticamente tutte le occasioni, stagioni e tipologia di pelle, bisogna solo avere il coraggio di indossarlo, senza farsi troppi problemi.

Proprio per questo a distanza di qualche anno ne ho presi altri, sia di MAC, sia di altre marche low cost, tra cui ELF ed Essence, usandoli praticamente un po’ tutti, anche se con frequenze e applicazioni differenti [i più scuri li applico solo col pennellino, in modo tale da renderli più leggeri e portabili su di me, pelle di luna] e ovviamente ho i miei preferiti, quelli che tendo ad usare molto di più, rispetto ad altri.

Tra questi ci sono:

  • Posh di Elf, il più facile da portare tra tutti, perché “naturale”, avendo al suo interno un po’ di marrone e usabile quindi anche come rossetto quotidiano, specialmente se applicato col pennellino. Inutile dire che è quello che uso maggiormente, in qualsiasi occasione e/o quando sono indecisa [e si vede];
  • Russian Red di Mac, il più raffinato, perché non è né troppo chiaro, né troppo scuro, ideale per la sera e i periodi autunnali/invernali [il mio preferito in assoluto];
  • Viva Glam I di Mac, raffinato dal “sapore retrò”, molto simile al Posh [mescolato al Russian Red], ma più carico e scuro, motivo per cui anche questo si addice molto alla sera e ai periodi autunnali/invernali, oltre ai look retrò.
    È nella confezione rossa, perché l’intero ricavato della sua vendita viene dato a un’Associazione per l’assistenza ai malati di AIDS e relativi parenti, una nobile causa insomma.
  • Fearless di Elf, un rosso molto acceso e per questo ideale per la primavera/estate, comodo da portare e duraturo [come il fratellino].

I rimanenti li uso o li ho usati molto meno, per svariati motivi:

  • Diva di Mac, perché è visibilmente molto scuro, sebbene sia bellissimo, ma su di me – pelle di luna – spicca non poco, quindi dev’essere usato con moderazione;
  • Dare to Wear di Essence, perché oggettivamente non mi fido della composizione del lipstick, dato che essendo molto grasso sbava molto facilmente, motivo per cui preferisco decisamente gli altri. Di questa linea ho diversi rossetti, con altre tonalità più neutre, tra cui il n.7, che uso come rossetto da tutti i giorni [preferendolo al Cream Cup di MAC], perché appunto non dura molto, ma non spiccando particolarmente non da alcun tipo di problema;
  • Ruby Woo di Mac, perché purtroppo su di me non dura nulla, entro 2 minuti il mio labbro superiore risulta essere senza rossetto, siccome resta “appiccicato” nel labbro inferiore. Ho provato a fare varie prove, a lasciarlo seccare bene [ma essendo un Retro Matte è già secchissimo da sè], ma non cambia assolutamente nulla, un vero peccato, perché è molto bello, luminoso, matte dall’effetto “vellutato”. Probabilmente è il mio ad essere “fallato”, oppure sono le mie labbra a non essere compatibili con quel finish, dato che non ho letto altre problematiche simili in giro.
  • MAC Red di Mac, perché è l’ultimo acquisto, arrivato lunedì [assieme al Blankety, un semi-nude], quindi non ho proprio avuto modo di usarlo, però è indubbiamente molto bello, luminoso pari al Fearless, tanto che li credevo uguali, in realtà sembra essere una via di mezzo da Fearless e Dare to Wear, un bel colore insomma, adatto a questo periodo e a chi vuole un po’ di “luminosità”.

In ultimo, sebbene non sia definibile come rosso, c’è Craving, che merita comunque una citazione, essendo in fondo tra il rosa/malva/rosso, perché è molto bello e portabile, uno di quei rossetti passepartout, dal finisch Amplified, cioè cremoso, ma resistente, coprente e semi-opaco, non è riflettente come può risultare nella foto e neppure particolarmente lucido.
Adatto insomma a chi non se la sente di osare direttamente col rosso o che preferisce un’altra tonalità leggermente meno “forte”.

Questa attualmente è la mia piccola collezione “rossa”, ma sicuramente in futuro si allargherà, dato che oramai sono ossessionata e inesorabilmente attratta da tutti – o quasi – i rossetti rossi, affascinanti, sempre d’effetto e bellissimi.

2 Commenti per Ossessionata dal Rosso

  1. Fefy
    giovedì, 24 luglio 2014 at 15:17 (3 anni ago)

    Rapporto tormentato col rosso il mio, che ho sempre il terrore di sembrare volgare o reduce da una spaghettata al sugo.
    Mi hanno regalato Russian Red ma sulle mie labbra non ha la tenuta eccelsa che mi aspettavo, e mi sa che prima o poi darò una chance a Ruby Woo. Ho giusto preso ieri un matitone satinato in saldo da Kiko che è quella punta di rosso che piace a me e che è quasi no-transfer!

    0
    Rispondi
    • Sylia
      giovedì, 24 luglio 2014 at 17:27 (3 anni ago)

      Purtroppo la mia esperienza con Ruby Woo è stata pessima, bellissimo colore, molto luminoso, con quell’effetto “vellulato” particolare, ma è veramente secco e sulle mie labbra non ha la minima tenuta.
      A questo punto credo che veramente tutto dipenda solo dalla “fortuna” del lotto acquistato, se è stato realizzato bene o se è leggermente fallato, perché le esperienze sono tutte differenti – o quasi – così come la tenuta, ad esempio il Russian Red su di me tiene moltissimo [e io ho il vizio di tormentarmi le labbra..], l’unica “pecca” è che secca un po’, ma fondamentalmente tiene proprio per questo.

      Il rosso, come colore, è difficile da applicare bene, motivo per cui l’uso di una matita può aiutare molto, anche solo per fare i contorni più puliti [che fa una grande differenza tra un bell’effetto e un effetto disordinato], io avevo preso la matita di MAC “Cherry”, che è un rosso ciliegia, ma che a mio avviso sta bene con tutti [Diva e Viva Glam I a parte..] e che uso sempre con i rossetti più impegnativi, come il Russian Red.
      Poi purtroppo “l’effetto volgare” è sempre dietro l’angolo, specialmente se si “sbava” e va nelle rughette, motivo per cui evito i rossetti troppo grassi [come quello della Essence, anche se eventualmente ci sarebbero le matite trasparenti da mettere sul contorno, per bloccare il colore, però quella della ELF che ho io fa schifo..], perché è un po’ un’andarsela a cercare, ma in generale – se tutto va come dovrebbe andare – il rosso fa sempre il suo bell’effetto, bisogna aver solo il coraggio di provare, riprovare e la pazienza di trovare il colore e la tipologia che da più soddisfazione e mette più a proprio agio, dato che non sono assolutamente tutti/e uguali, ecco perché io per prima – pur soddisfatta da alcuni che già ho – continuo a cercare :)

      0
      Rispondi

Lascia un commento