Acquisti Strambi

Qualche giorno fa, entrando in un negozio cinese inaspettatamente piacevole e con vestiti insolitamente belli, sono stata “esortata” a provare un abito blu simil-raso, esagerato, che dovrebbe rientrare nella tipologia “abito da cerimonia”, ma che in realtà per i miei gusti molto classici e semplici, risulta essere solo eccessivo [e lunghissimo], un vero e proprio “abito di scena”, come quelli usati nei balli di fine anno dalle ragazzine americane per intenderci.
La cosa più inquietante però è che ora risiede nel mio armadio, non acquistato da me [MAI avrei buttato i soldi in tal modo, io ero entrata solo per vedere degli stivali senza tacco, che non c’erano], in attesa di non si sa bene cosa, di qualche strano evento straordinario o di essere resa incapace di intendere e di volere da farmaci molto potenti, unico modo per potermi convincere ad indossarlo fuori casa, con altre persone come testimoni.

Per fortuna però ho fatto – io e altrove – anche degli acquisti decenti, tra cui dei Jeans [che non prendevo da anni] che riesco a portare tranquillamente anche con le ballerine, senza pestarli continuamente o dover tirare su l’orlo, mi mancano solo gli stivali senza tacco, più alcune maglie pesanti e comode, poi sarò a posto [pur non essendo aumentata di peso, sono aumentata di volume nei punti sbagliati, quindi addio alle maglie attillate, visto che la dieta non serve più a nulla].

Poi sono stata colpita nuovamente dalla compulsione/esaltazione del “oddio dopo 30 anni ho finalmente trovato dei fondotinta della mia colorazione“, anche grazie alla complicità di ASOS.com e alla scoperta che vende le colorazioni più chiare [specialmente delle marche “di casa”, cioè inglesi, quali Rimmel] a costi tra l’altro vantaggiosi, facendo sconti a random [basta solo aspettare, non come ho fatto io: ordinato domenica a prezzo pieno e lunedì avevano scontato tutti i prodotti da me presi del 30%, per settimane, grrrr].
Quindi ho fatto qualche danno, del tipo che ho preso altri 3 fondi, tutti Rimmel, tutti “Light Porcelain”, ma solo dopo averli visti dal vivo [colorazioni più scure] e aver letto alcune recensioni.
Devo dire che non me ne sono pentita per nulla, perché mi piacciono molto, tanto da non aver neppure più usato il fondo di MAC […no comment…], il che in parte è assurdo, però almeno in futuro non sentirò l’esigenza di riacquistarlo, avendo trovato egregi sostituti molto più economici [e che non spariranno dall’oggi al domani].
Ora credo di essere arrivata a quota 6 fondi liquidi nella mia colorazione, tra cui 4 di Rimmel [dire che mi ha piacevolmente sorpresa, è dire poco], 1 MAC [2 con il Powder foundation, che però uso come cipria coprente] e 1 Revlon.

Considerando che per più di 10 anni non avevo né usato, né acquistato alcun fondotinta, direi che mi sono rifatta del “tempo perso” e di troppi acquisti sbagliati, dal primo fatto a 14 anni, all’ultimo risalente a un anno fa circa, il Fit Me di Maybelline [che non è male, ma il 105 è comunque troppo scuro e il 110 non riesco proprio a trovarlo].

Dimenticavo un altro fondo, che però è solo a scopo correttivo, infatti è BIANCO, totalmente bianco [adatto ad Halloween], e l’ho usato per schiarire il correttore di MAC [quello che avevo depottato per il Back to MAC], che ora uso quotidianamente e mi piace tantissimo, perché finalmente non mi fa più “l’effetto macchia”. Avevo anche provato a usarlo con il Fit Me, ma purtroppo mescolando i due prodotti la consistenza viene totalmente cambiata, diventando un po’ troppo pesante, e no, non mi piace proprio. Peccato.

In fine ho scoperto l’app. Depop, un simil eBay, più immediato per smartphone e quasi “fatto in casa”, usato molto dalle Blogger/Vlogger per vendere i tanti prodotti a loro inviati, ma anche da ragazze che vogliono semplicemente svuotare l’armadio o liberarsi da alcuni prodotti che non usano più [vestiti, accessori, make-up, tecnologia, etc], o per scambiarli con altro, poi ci sono anche alcune aziende e privati che vendono per fare “business”, più i/le furbini/e [questi in Italia non mancano mai].
Dico solo che il giorno stesso, pochi istanti dopo essermi iscritta – non sapendo ancora come diavolo funzionasse e neppure cosa fosse – per “mera curiosità” ho digitato nella ricerca “fleshpot mac”.. ed eccolo lì, bello, nuovo, originale, italiano, a 14 euro, e sì, è diventato mio [c’era pure Mehr e molti altri, a saperlo prima].
Quindi ora ho IL lipstick “nude” o “cancella labbra” d’eccellenza, perfetto per me [devo assolutamente vendere Myth], ma generalmente troppo chiaro per il 99% della popolazione mondiale [negli swatch, immagini, video visti, le “indossatrici” estemporanee stavano sempre veramente poco bene, perché risultava quasi bianco, ma ricordo che su di me “blankety” risulta essere un marrone/rosato abbastanza evidente, quindi..].

Non ho fatto altri acquisti, quindi non posso dare un’opinione approfondita sull’app, ma per quanto mi riguarda è andato tutto benissimo e la ragazza con cui ho avuto a che fare è stata gentilissima, disponibilissima e velocissima, quindi consiglio comunque di dare un’occhiata, anche nel caso in cui si voglia vendere qualcosina [se il pagamento viene fatto tramite Depop, c’è una percentuale di detrazione per il servizio, motivo per cui “molti” richiedono un pagamento “esterno”, fatto direttamente e manualmente dal sito di paypal, usando l’indirizzo mail della venditrice].

Questo è quanto, vorrei fare alcuni post più approfonditi, specialmente per il make-up, ma non mi ricordo mai di fare delle fotografie decenti, quindi rimando, rimando e rimando, prima o poi però dovrei riuscire a farli,.. magari anche con l’abito esagerato.

Lascia un commento