Anastasia Beverly Hills Dipbrow Pomade e BeautyBay.com

Da anni ho un’ossessione per le sopracciglia e i vari prodotti dedicati, sebbene sia più corretto dire che avendo poche sopracciglia e per di più chiare, ma facendo la tinta ai capelli nera/castano scuro/bruno, sono logicamente obbligata a disegnarle/riempirle e scurirle giornalmente, o quanto meno ogni volta che esco.
Per questo motivo ho sempre cercato il prodotto più adeguato per me, specialmente la colorazione, l’ostacolo più grande, dato che in commercio i prodotti per sopracciglia, più nello specifico per sopracciglia scure [classico nome: dark brown] hanno quasi tutti una colorazione calda, cioè con una virata rossiccia/aranciata, cosa che per quanto mi riguarda è orribile, specialmente da vedere, quando in realtà la propria base è fredda/ash.
In effetti la ricerca è stata ardua proprio per questo, perché in giro ci sono tantissimi prodotti: polvere, cere, gel, mascara, matite, etc. etc. e per ogni tipo di tasca, ma per chi – come me – ha bisogno di una colorazione fredda e desaturata [ash], senza virate di colore [né rosso, né arancione, ma neppure giallo, non quando c’è di mezzo il nero o un bruno freddo] le possibilità di scelta diminuiscono drasticamente.

Negli anni ho passato tante fasi, per molto tempo ho usato la polvere, perché immediata da applicare e più facilmente reperibile, specialmente quando ero nera e usavo il nero, poi i miei gusti sono cambiati: le sopracciglia nere le trovavo troppo pesanti e dure, anche perché il nero puro della tinta durava giusto per 2 shampoo, iniziando poi a diventare un castano scurissimo, quindi ho iniziato a cercare un’ombretto marrone scurissimo, ma freddo, senza virate, cosa praticamente impossibile, infatti la maggior parte dei marroni – come già detto – sono caldi, anche leggermente, sono molto saturi e/o non sono sufficientemente scuri.
Per un certo periodo avevo iniziato ad usare un bel ombretto presente nella palette Elegantissimi della Neve Cosmetics, che è un marrone freddo scuro, ma troppo saturo [in realtà per i miei gusti non è neanche sufficientemente freddo], fino a quando mi sono decisa a provare delle altre tipologie di prodotti specifici – spendendo di più – di marche conosciute e recensite ovunque, giusto per non andare proprio alla cieca.
Alla fine – dopo tante opinioni lette e swatch visti – mi sono buttata sulla matita Eye Brows di MAC, nella colorazione Stud, che si è rivelata essere un buon prodotto, freddo, scuro [ma modulabile] e facile da applicare, perché la punta è molto fine, l’unica pecca è che tende a consumarsi velocemente.

Poi però mi sono imbattuta in un altro prodotto moooolto lodato, perché appartiene a una linea di cosmesi creata da una famosa “esperta di sopracciglia”, quindi totalmente dedicata ad esse, con tanti prodotti e tantissimi colori [non i soliti 3 che si trovano in giro].
Inutile dire che le recensioni viste erano tutte molto positive, ma ciò che mi ha dato la spinta finale nell’acquistarli [sebbene mi fossi detta: naa.. ora ho la matita di MAC, quando finirà proverò quegli altri, che tra l’altro costano meno e hanno più prodotto..] è stato un video realizzato dalle Pixiwoo, in cui veniva mostrato come realizzare delle sopracciglia dall’effetto naturale con i prodotti in questione i Dipbrow Pomade di Anastasia Beverly Hills, senza imbattersi nell’effetto Drag Queen, super definito, con bordi netti disegnati visibili e sfumatura iniziate, tanto di moda nell’ultimo anno [bleh].

Ebbene sì, quel video mi esaltò così tanto che a dicembre feci il mio primo ordine sul sito inglese BeautyBay.com [l’unico – o quasi – in europa che vende quella marca e a un prezzo tra l’altro basso rispetto a tutti gli altri], acquistando tutti i prodotti consigliati: il pennello angolato Louise Young Angled Brow Sabled Brush LY31 e i due Dipbrow Pomade [Ebony e Medium Brown], più due *bonus* che desideravo da tempo: il pennello per Eyeliner [finissimo rispetto alla media] Louse Young Ultrafine Liner Brush LY24B e l’Urban Decay Naked Basic 2, l’unica Naked che mi abbia mai incuriosita, tra l’altro subito, mentre tutte le altre famosissime, compresa la Basic 1, non le ho mai neppure calcolate.
Anche in quest’ultimo caso però c’è la mia fissazione per le sopracciglia dietro, perché l’ultimo marrone scuro freddissimo e poco saturo è bellissimo e perfetto per le mie sopracciglia, cosa che mi ha attirata e convinta, essendo tra l’altro la palette perfetta per essere portata in giro e per quando si ha fretta, perché ha tutto [colori matte naturali, non troppo chiari e non troppo scuri/saturi che io adoro].

Apro una parentesi relativa a BeautyBay.com, sulla spedizione, visto che inizialmente mi è capitato di cercare ovunque tali informazioni, trovandone però poche e incomplete.
Infatti prima di completare l’acquisto, per puntigliosità, avevo deciso di fare una ricerca per leggere delle opinioni sul sito e sulla sua affidabilità: non lo avessi mai fatto!
Le opinioni trovate, quelle più complete, erano praticamente tutte negative e sostenevano di aver aspettato mesi o addirittura non aver mai ricevuto niente, di aver penato per farsi considerare dal servizio clienti e di aver poi richiesto il rimborso tramite paypal, questo con la spedizione GRATUITA, disponibile al raggiungimento dei 13 euro di prodotti acquistati [oppure 2,50 euro], che viene effettuata tramite Posta semplice, senza alcun tracking.
Lo sottolineo perché è questo che fa la differenza e di cui bisogna tenere conto.

Non trovando altre informazioni specifiche sulla modalità di spedizione “con tracking” a 5,20 euro, ma anzi avendo letto commenti confusionari, che confondevano la spedizione semplice con quest’ultima, decisi di buttarmi sulla modalità più cara a 13 euro, per il corriere BRT con la consegna in 3,4 giorni, giusto per essere sicura al 100% di non buttare via dei soldi [neppure pochi, mi avrebbe scocciata un bel po’], anche considerando che a causa di tutte le richieste di rimborso effettuate tramite paypal, quest’ultima modalità di pagamento era/è stata tolta per gli acquisti internazionali, restando usufruibile solo per gli inglesi.
Il pacco logicamente mi è arrivato nei tempi stabiliti e con il trackig inviatomi subito via mail, con la conferma di spedizione, non ho avuto alcun tipo di problema, il pacco è arrivato intatto e anche i prodotti.

Quindi solo il corriere è sicuro? No, anche la spedizione tracking a 5,20 euro, perché il pacco viene spedito come raccomandata, quindi arriva tramite il postino, ma – al contrario della modalità meno costosa – viene richiesta la firma del destinatario, per cui è sicuramente più sicura, anche perché è possibile seguire il percorso del pacco, sebbene – a causa Poste – sia meno aggiornato e specifico rispetto alla spedizione via Corriere.
L’unico appunto che posso fare su questa modalità è che a me il tracking – nel secondo recente acquisto – non è stato inviato nella mail di conferma della spedizione, ma ho dovuto richiederlo io contattando l’assistenza tramite il form presente sul loro sito, assistenza decisamente presente, che mi ha risposto dopo qualche giorno, con n. tracking e il link del sito inglese in cui verificare la prima parte del percorso, su cui poi è apparto il secondo n. di tracking e il link al sito delle Poste Italiane [che si è attivato dopo 2/3 giorni, come sempre hanno i loro tempi..], per continuare a seguire il pacco fino alla consegna, avvenuta oggi, dopo 12 gg [dal 5 gennaio, al 16].

Quindi un consiglio spassionato: le spedizioni gratis fanno gola a tutti, ma siccome è risaputo che nelle Poste Italiane è presente un grande buco nero – in cui anni fa persi anche io un pacco – evitate le spedizioni non tracciate e se le fate – a VOSTRO rischio e pericolo – assumetevene la responsabilità, senza accusare l’azienda principale – in questo caso BeautyBay – di essere poco seria, perché il loro lavoro lo portano a termine, ma non hanno la sfera di cristallo e senza tracking neppure loro possono sapere che fine abbia fatto il vostro pacco.

Parentesi finita.

Ora torno ai prodotti acquistati, con cui mi sono trovata talmente bene che dopo aver visto per caso due nuove colorazioni disponibili, Ash Brown e Granite [fredde e poco sature, non potevano esserci prima?] le ho DOVUTE prendere e ho fatto bene, perché sono bellissime e perfette, anche se dalle immagini sul sito Ash Brown sembrava un po’ più scuro, ma è meglio così in questo modo potrò variare tinta, anche schiarendola un po’, senza troppi problemi, mentre Granite sembrava nera, anche se in realtà da alcune recensioni americane sapevo che non lo era, unico motivo per cui l’ho preso, infatti è un marrone scuro e frrrreddo, senza virate di colore e poco saturo, bello e portabile anche con i capelli neri, che poi è quello che cercavo.

Le fotografie logicamente fanno schifo, ma non c’era proprio luce oggi, comunque descrivo velocemente i colori e le loro differenze, più visibili nel barattolino di vetro che negli swatch, in cui tra l’altro ci sono andata mediamente leggera nell’applicazione del prodotto.

Ebony: è il primo che ho desiderato, perché vedendo gli swatch in giro e le descrizioni mi sembrava un marrone freddo/scuro giusto, come la matita di MAC e quando l’ho visto l’ho adorato, tutta contenta, fino all’improvvisa apparizione di Granite [..infami..], che mi ha fatto capire che no, non era freddo quando pensassi, perché in realtà ha una leggera virata rossa, un puntino [che paragonato a Granite e a Medium Brown, diventa più evidente], ma fino all’uscita degli ultimi arrivati era il più freddo/neutrale della tonalità scura e comunque continua a piacermi, perché con la tinta Castano Scuro, che talvolta da qualche riflesso un po’ più caldo, sta bene e NON fa le sopracciglia rosse/aranciate. [il Dark Brown ad esempio è molto più caldo e lì sì che il rosso salta fuori..]

Medium Brown: è il penultimo arrivato sul mercato, qualche tempo prima del mio primissimo acquisto, infatti non è facile trovare uno swatch in giro. C’è da dire che di “medium” ha ben poco, infatti è comunque molto scuro, sebbene si possa sempre creare un effetto molto più chiaro dosando bene il prodotto e ottenendo tra l’altro un effetto più naturale.
È un marrone freddo, ma ha una virata gialla abbastanza evidente [in paragone con chi non ne ha], che comunque sta bene su chi – come me – ha tendenzialmente i riflessi gialli/freddi/cenere, infatti ho visto che posso tranquillamente usarlo creando un effetto meno artificioso quando non mi faccio la tinta da un po’ e si vede la mia ricrescita naturale.
Inutile dire che sorprendendomi – perché non ci contavo molto – mi è piaciuto subito anche lui.

Ash Brown: l’ultimo arrivato sul mercato, tanto che sul sito “madre” non c’è neppure e in giro non sembrano esistere swatch [matita e polvere a parte]. L’ho preso perché quando ho letto “ash” sono andata in cortocircuito e non ho saputo resistere, essendo palesemente un colore desaturato [con del grigio], inoltre dalle immagini sembrava scuro quanto gli altri e non avendo la totale sicurezza che Granite non fosse nero, ho preferito dargli una possibilità, per usarlo quando faccio una tinta più fredda/cenere, come il “Bruno” di Oreal [se non ricordo male..] che non richiede una saturazione troppo marcata, perché altrimenti sta male.
Non l’ho ancora provato, ma swatchato mi piace molto, anche se mi sembra adatto a una colorazione di capelli più chiara della mia attuale, non dico ai miei capelli naturali [per quelli c’è il kit perfetto che avevo preso anni fa da ELF e che all’epoca avevo quasi finito], però credo che vada bene per un “castano medio”, poi anche in questo caso dipende da come viene dosato e applicato.
AGGIORNAMENTO: provato! ed è più modulabile di quanto pensassi. Se applicato con estrema cautela – tamponando prima il pennello sulla mano – è effettivamente più chiaro, ma con un’applicazione normale o più abbondante può diventare molto scuro e vista la tonalità cenere [ash], con molto grigio dentro, potrebbe non stare male con i capelli neri/bruni freddo, nel caso in cui si volesse mantenere una colorazione scura/media, ma non scurissima-issima-issima. Promosso a pieni voti.

Granite: anche questo è l’ultimo messo in commercio, a fine dicembre 2014 se non sbaglio, e come per Ash Brown era [è?] quasi impossibile trovare uno swatch, quanto meno non realistico e non assieme alle altre tonalità.
L’ho preso pensando «tanto so che prima o poi tornerò nera, quindi mi serve IL marrone scuro/freddo/ash per eccellenza, ma se sarà nero.. beh andrà bene lo stesso, anche se ci rimarrò un po’ male..», quindi mi aspettavo di tutto, anche se leggendo alcuni commenti mi sembrava proprio il colore che cercavo “l’unicorno” per così dire, un marrone/nero realmente marrone/nero, cioè freddo, poco saturato [quindi con del grigio dentro] e scuro… e questo è! Tanto che in paragone tutti gli altri sembrano super saturati e con virate di colore evidenti [in realtà non lo sono..].
Lo amo il mio unicorno e ora posso mettermi il cuore in pace, usandolo con il nero o – dosandolo bene – con il Bruno.
AGGIORNAMENTO: provato! non ci sono andata pesante con l’applicazione, ma il marrone/nero è saltato fuori subito e sì, è decisamente indicato per i capelli neri o bruni scurissimi e freddi, ed è una piccola soddisfazione. Anche questo è comunque modulabile in base alla quantità di prodotto usato [se si sporca appena il penellino “tirando” poi bene il prodotto, o meno]. Decisamente promosso!

Ecco uno “schema” riassuntivo di tutte le attuali colorazioni in commercio, che a mio avviso può essere molto utile e – per quelli che ho io – direi che la descrizione è abbastanza giusta.

ABH-colour-chart-730x1024

Per concludere posso dire che la durata di tutti i Pomate è pazzesca, ho fatto gli swatch fotografati verso le 12, poi me li sono dimenticati per qualche minuto in più e sono diventati dei tatuaggi, impossibili da togliere senza un prodotto specifico, cosa che ho fatto alle 21, dopo aver già sfregato diverse volte con panni, dita, etc, il che la dice tutta.
Inoltre essendo dei gel, possono tranquillamente essere usati anche come eyeliner, motivo in più che mi aveva spinta a prenderli, dato che mi è sempre piaciuta l’idea di un eyeliner marrone, ma anche in questo caso quelli che vedevo erano sempre troppo caldi.
Per quanto riguarda invece la quantità: è infinita, ce n’è tantissima e dubito che qualcuno riesca a finirla. Teoricamente ha una scadenza di 6 mesi, ma come tutti i prodotti di questo tipo, se sono validi e vengono tenuti bene, hanno una scadenza mooooolto più lunga, anche di anni [il mio eyeliner gel di MAC lo conferma, mentre quello di ELF mi si era seccato in un mese, senza neppure usarlo -_-‘].

In realtà di questa marca sono presenti anche altri prodotti, polvere, matite, etc. altrettando quotati e ben recensiti, però hanno costi maggiori e per ora non ho in programma di fare altri acquisti simili, avendo già tutte le colorazioni volute.
Magari quando finirò la matita di MAC [che continuo ad usare ovviamente, quando ho un po’ più fretta, visto che il gel richiede più cautela e attenzione, per calibrare l’intensità della colorazione] valuterò se provare anche una delle matite a mina estraibile di Anastasia, ma con tutte le varie colorazioni esistenti/provate probabilmente sarei comunque dubbiosa su quale scegliere [perché mi piacciono tutte], mentre con quella attuale mi trovo bene e costa leggermente meno [e poi mi serve per il Back to Mac eheh].

È uscito un post lunghissimo, ma o scrivo tutto, oppure non scrivo niente, quindi va bene così ;)

Lascia un commento