Fermate tutto, voglio scendere

Sono due settimane che il mal di testa, più giramenti vari e ovviamente alla fine un po’ di nausea, sembrano non volermi lasciare stare, mi hanno dato tregua per qualche giorno questa settimana, ma oggi è stato nuovamente l’inferno.

Dire che sono esausta è poco, vorrei staccare tutto per qualche giorno, ma purtroppo non credo che mi sarebbe possibile, anche se in questi casi la mia pazienza svanisce e le mie reazioni risultano essere molto più immediate e brusche, con molta meno diplomazia, credo però che sia normale quando non si sta particolarmente bene e in forma.

Attualmente ho due preoccupazioni:

  1. Come farò a fare uno spot pubblicitario di 10 secondi, non avendone mai fatti e non avendo tra l’altro alcun materiale fotografico/video necessario e non sampendo in realtà ancora a cosa servirebbe nello specifico e perché. A quanto pare non lo saprò fino a quando non verrò messa in conttatto con terzi che non conosco, così come il settore.
  2. Come fare a far capire che io non lavoro gratuitamenteperché sì – da chi mi ha informata che “devo” creare un “volantino” per tra l’altro un ente con cui io non ho mai voluto aver nulla a che fare [e che pretende sempre tutto aggratis, come se fosse dovuto], perché francamente mi fanno un po’ schifo.
    Specialmente considerando che non mi è stato chiesto, o meglio, all’inizio sì, mi era solo stato detto se potevo controllare un lavoro già fatto ed eventualmente modificarlo, ma questa sera no, da un’altra persona mi è stato comunicato via whatsapp che al ritorno dal suo viaggio […] mi avrebbe dato dei suggerimenti per creare il volantino urgente che DEVO fare,….. WHAT?!???
    Se penso poi che quest’ultima persona viene effettivamente pagata da quest’ente e quindi è LEI che dovrebbe farsene carico, le ovaie per questa “pretesa” mi girano ancora di più.
    Quante volte ancora devo dire di essere lasciata fuori da tutto questo, quante?!
    Il fatto che sono stata pagata per svolgere un lavoro ben preciso [e sottolineo PRECISO], non vuol affatto dire che DEVO dare la mia disponibilità a tutto il resto, tra l’altro per cani e porci.
    Se devo fare un lavoro extra, devo essere pagata per quel lavoro extra, ma ovviamente vene chiesto/detto a me & co. perché l’Ente in merito non ne vuole sapere di sborsare un euro e tutti gli altri a cui si è rivolto gli hanno risposto di arrangiarsi, GIUSTAMENTE.

Sono così stanca che non riesco neanche a pensare, cadendo facilmente in loop mentali nervosi, nevrotici e ossessivi, ecco perché quando posso preferisco pensare alle frivolezze, mi aiutano a staccare un po’, attenuando leggermente il disgusto dilagante per varie ed eventuali.

Lascia un commento