luglio 10th 2015 archive

Il limite

Ho raggiunto il limite delle prese per il culo e ieri ho insultato l’oncologa di quell’ospedale pessimo, in cui questi idioti che se ne sono fregati fino ad ora non solo hanno sabotato il traferimento a Orbassano annullandolo, ma si sono addirittura permessi di negare che sapessero del tumore fino a ieri! Sostenendo che non era stato l’oncologo ad annunciarci il tumore per poi farlo dimettere. 

Sono andata su tutte le furie e le ho detto di tutto, che non siamo idioti e di non prenderci per il culo, che lo sanno da inizio mese e non hanno fatto assolutamente niente, che la loro professionalità è pari a zero, specialmente quella del suo responsabile che prima dice a mio padre che ha un tumore, poi lo saluta con ‘ci vediamo tra un mese’ senza ulteriori visite per capire a che punto è quel maledetto tumore, per nulla umano e ancora meno professionale. Poi altro e altro e non mi ricordo, oltre alle sue risposte assurde da ‘ma lei è aggressiva’ a ‘non serve a nulla recriminare, quello che è stato è stato’… furia pura.

E comunque ha nuovamente detto tra il suo arrampicarsi e un altro che non faranno nulla per via della febbre, ancora! Quando il medico di Milano che vedrò oggi ieri mi ha chiamata dicendo che la febbre è causata dal tumore in espansione, che oramai si sta mangiando il fegato non riuscendo ad espandersi oltre, chiedendomi il punto di inizio, sostenendo che non può essere il fegato… e quelli non lo sanno neppure e non cercano neanche.

Spero che oggi mi dirà qualcosa anche solo come farlo ricoverare da loro, anche se so che ci sono delle tempistiche rigide e un’accettazione delle richieste visto che sono numerose e da tutta Italia.