luglio 13th 2015 archive

ancora

Hanno rimandato ANCORA gli accertamenti e le visite specialistiche, temporeggiando di nuovo anche per la terapia, dimostrando tra l’altro di non aver considerato minimamente il consulto fatto a Milano che ho consegnato loro questa mattina.

Sto uscendo di testa, non so più cosa fare, li prenderei tutti a calci e in più ci si mette nuovamente la sfiga, che non solo ha fatto sì che la mia macchina venisse distrutta mesi fa – e ora mi trovo impossibilitata a muovermi da sola – ma anche quella di mia cugina ora è K.O., mio fratello è a Torino per lavoro e mia zia fa un turno di lavoro che non le permette di portarmi all’ospedale per tutto il resto della settimana; oggi lo ha fatto, ma poi siamo dovute andare via subito per i suoi impegni e io NON HO POTUTO PARLARE E CONSEGNARE IL FOGLIO DIRETTAMENTE ALLA DOTTORESSA, ecco qual è il punto, che se non ti vedono, loro se ne fottono e continuano a prendersela comoda e col cavolo che ti fanno sapere qualcosa!

Inoltre danno informazioni parziali a mio padre, che poi neppure me le riferisce perché se ne dimentica e quando lo fa non è mai chiaro, senza contare che io al telefono proprio non riesco più a capire cosa dice, quindi mi prende un nervoso e un’ansia ancora più feroce.

Sono veramente stufa di tutto questo, STUFA.

Dormire è un’optional

Nei post precedenti mi sono lamentata più e più volte del fatto che SONO STANCA e visto ciò che sta succedendo credo che sia più che normale, ma c’è anche da dire che da quando sono in Valle D’Aosta dormire è diventato un’optional [come mangiare, lo ammetto], tanto che pur senza alcun motivo mi sveglio praticamente sempre verso le 7 del mattino, anche la domenica e talvolta addirittura prima, come oggi, in cui ho visto le prime luci del mattino verso le 5, non riuscendo poi più a riaddormentarmi e considerando che mi sono addormentata verso mezzanotte, è ovvio che la mia stanchezza non può certo migliorare.

Credo che sia la prima volta in vita mia che il dormire diventi un’optional non per necessità, ma perché è il mio corpo.. la mia mente, che non riesce a spegnersi per più di un tot d’ore, forse per l’ansia costante di dover essere pronta e preparata a tutto, oltre che per cercare soluzioni di qualsiasi tipo, anche perché non avendo la macchina non ho molto altro da fare qui in realtà, autonomamente parlando.

..intanto i giorni sono diventati inevitabilmente più lunghi e purtroppo talvolta anche più pesanti da sostenere.
Quanto vorrei svenire in un sonno profondo per qualche giorno, per distanziarmi temporaneamente da tutto almeno in questo modo.