Panico da Felino

Come farsi prendere un infarto di prima mattina: accorgersi che dalle 2 del mattino c’è solo più un gatto che gira per camera, l’altro sembra essersi volatilizzato.

L’ho cercata ovunque, anche nel cassone del letto, ma niente, ho tirato faticosissimamente in avanti il letto e dietro non c’era nessun batuffolo bianco, ho guardato sotto ed eccola lì, incastrata sotto il letto e trascinata in avanti con quest’ultimo.

PANICO puro.

Ho tentato di tirarla fuori in tutti i modi, ma non c’è stati verso, riusciva a spostare solo la testa e il busto, ma non riusciva ad uscire perché il letto è bassissimo e ai bordi si abbassa ancora di più.

È stata un’agonia vederla così, anche se non ha mai miagolato.

Alla fine sono corsa a svegliare mio padre per cercare di aiutarmi a tirarla fuori alzando un po’ il letto che purtroppo è pesantissimo, infatti c’è riuscito a stento e solo di qualche millimetro, ma mi è bastato per trascinarla fuori con uno strattone veloce e senza danni.

Ecco perché Loki era errequieto.. la cercava ed ecco perché non me la vedevo più girare da una parte e l’altra del letto, accoccolandosi vicino a me.

Che stupida gatta, ci mancava solo questo… spero vivamente che abbia imparato la lezione, nel frattempo ho messo delle bottiglie di plastica dove potrebbe essere passata, nella parte vicina ai comodini, dove ci sono i piedini del letto e lo spazio d’ingresso aumenta leggermente.

Ora devo riprendermi io dallo spavento, mentre Leela ora si è nascosta tra i cuscini e Loki – che sta reagendo un po’ meglio – se la dorme sulla scrivania.

Lascia un commento