Sostanzialmente

Oggi ho portato mio padre nuovamente all’Ospedale, per essere visitato dall’Infettivologa, per fare il punto della situazione dell’antibiotico che assume quotidianamente tramite flebo, considerando le analisi fatte ieri e la TAC effettuata il 2 settembre [in attesa della PET del 14 per capire come proseguire poi con la chemio, se fare il terzo ciclo uguale agli altri o se cambiare qualcosa, ma questo è compito dell’Oncologa].

In realtà è stata una visita assolutamente inutile, dato che ci ha semplicemente “letto” il referto della TAC, concludendo che sostanzialmente tutto è stabile, peccato che la stessa cosa – sostanzialmente incluso – mi era stata detta dall’Oncologa domenica pomeriggio, quando mi aveva chiamata per fissare questo appuntamento, e poi l’ho letto anche per i fatti miei, quando ieri dopo il prelievo del sangue ci hanno consegnato il referto completo, comprensivo di CD.
In pratica dovrà continuare ad assumere l’antibiotico quotidianamente, tramite flebo, con appuntamento fisso con le varie infermiere del territorio, che non si presentano mai alla stessa ora, addirittura un infermiere ci ha comunicato che “per sua comodità” si presenterà alle 7:30 del mattino, ma dopotutto anche il Medico di famiglia fa così, che tra l’altro passerà nuovamente proprio domani mattina, me lo stavo dimenticando [devo parlargli dell’accompagnamento… ufff…].

Sostanzialmente quindi si continua in egual modo perché tutto sta procedendo per il meglio? No.
Non si cambia nulla semplicemente perché sostanzialmente non sanno che pesci pigliare, dato che la TAC ha rilevato la presenza degli ascessi [oltre che delle metastasi], ma siccome non può vedere se al loro interno sono tutt’ora presenti dei batteri o meno, non possono smettere l’assunzione dell’antibiotico, altrimenti c’è il rischio che riesploda nuovamente l’infezione batterica, causando così un quarto grave attacco/aggravamento a mio padre, con febbre altissima, dolore al fegato, assenza totale, estrema difficoltà di movimento e possibile cedimento totale. Motivo per cui ci vanno cauti ora, dopotutto all’ultimo attacco la Dottoressa – portandomi in una stanzetta – mi aveva detto chiaramente che se non fossero riusciti a farlo riprendere con il nuovo antibiotico, non avrebbe superato la settimana e di prepararmi quindi al peggio.

L’unica nota positiva è che ho guidato fino ad Ivrea e ritorno, con mio padre attaccato tutto il tempo alla maniglia della portiera e mia zia che fino all’ultimo ha insistito per farci portare giù da sua figlia, temendo che io potessi andarmi a schiantare subito da qualche parte [..grazie dell’immensa fiducia].
Sostanzialmente non è andata male, mi devo però abituare alla frizione, specialmente quando parto in prima, perché la macchina parte subito in avanti quasi sgommando, pur premendo pochissimo l’acceleratore, ha decisamente una ripresa che fa spavento, la migliore tra tutte le macchine avute fino ad ora e probabilmente proprio perché è Diesel, mentre le altre erano sempre a Benzina, differenza che si nota anche nel consumo che per fortuna è decisamente più ridotto.

Ora devo solo sistemare alcune cosette interne, visto che la parte del passeggero è sostanzialmente devastata, non so che diavolo ci abbiano fatto e non lo voglio neppure sapere, ma è molto più consumata e a pezzi della parte del guidatore, che in realtà è perfetta, senza niente di scollato o rotto, mentre dall’altra parte nella portiera è quasi tutto scollato e una parte del parasole è staccata/rotta, tutte cose che ho notato solo dopo l’acquisto ovviamente, anche se non mi avrebbero certo fatto cambiare idea, visto il prezzo.
Comunque non è nulla di grave e francamente non mi importa neppure più di quel tanto, non fino a quando funziona, portandomi con un consumo limitato dal punto A al punto B e viceversa, tutto il resto ora è decisamente superfluo, anche per una perfettina come me, quindi se riesco/posso me la sistemo da sola alla buona, altrimenti resta così com’è.

Questa sera mi ha inoltre chiamata il Contabile [Santo subito!.. tremo per quando ci presenterà la sua parcella], per avvisarmi che il Geometra mi contatterà a breve per passare a prendere le misurazioni e fare il certificato della classe energetica per la casa e l’appartamento, chiedendo un totale di 500 euro, cash. Gli ho poi chiesto di inviarmi il costo totale e definitivo per il Notaio & co, così possiamo organizzarci con i vari bonifici.

Lascia un commento