Sono nell’appartamento e ho fatto un gran casino decidendo di cambiare la serratura proprio ora e da sola, dopo aver appena parlato col medico di famiglia una volta salita in macchina, dato che uscendo mio padre si è lamentato in modo preoccupato di essere sempre più stanco non riuscendo più a fare nulla… e l’ho notato anche io, lo stiamo notando tutti in questi giorni, attribuendo però la stanchezza alla Chemio fatta o agli antibiotici che prende ogni giorno.

Però li prendeva anche prima, eppure non stava così.

Mangia, non ha dolori, non ha febbre, i risultati delle analisi sono stazionarie  [per la sua condizione] la TAC e la PET erano sostanzialmente stabili, che vuol dire nessun miglioramento, ma anche nessun grave peggioramento.

Eppure si stanca subito e si arrabbia/innervosisce per qualsiasi cosa, a questo punto suppongo per reazione al non riuscire a fare quello che vuole o al sentirsi improvvisamente più limitato.. o per preoccupazione, anche se ovviamente non dice mai nulla e non risponde mai se gli chiedi come sta.

Anche oggi col medico ha detto che tutto andava bene, ma credo che sia più che evidente che non è così, non per le sue innumerevoli cavolate e bugie – come sostiene mia zia – perché queste le ha sempre fatte e dette, bensì per tutto il contorno, il suo fare meno di prima e il suo essere quasi sempre perso o seccato, mentre qualche giorno fa era contento di uscire e tutto il resto.

In realtà avevo notato il cambio radicale d’umore dal mio ritorno da Brescia, perché l’ho lasciato sorridente e l’ho ritrovato musone/incazzato/infastidito, tanto da aver chiesto a tutti se era successo qualcosa, senza trovare una risposta.

Il medico al telefono, dopo essersi assicurato che fossi sola, mi ha detto che è la malattia, non solo il tumore, ma proprio il fegato e che a causa di quest’ultimo è quasi convinto che……. non arriverà a Natale, che forse non raggiungerà neanche i 3 mesi, dato che le condizioni non migliorano ed essendo il fegato messo male potrebbe “cedere” da un giorno all’altro e quando succederà non ci sarà nulla da fare.

Per questo motivo è scettico sul fatto che riprenderanno con la Chemio, a maggior ragione se si renderanno conto che non comporta “miglioramenti”, ma solo ulteriore pressione sul fegato, che ha valori che continuano a peggiorare.

Questo però si vedrà il 21, in cui a questo punto cercherò di parlare schiettamente anche con l’oncologa, senza mio padre ovviamente, che non sa ancora nulla, sebbene temo che lo abbia capito.. almeno in parte.

..e io ho pensato bene di prendermela con quella serratura spanando la vite, dopo aver chiamato mia Zia, mio fratello.. ed essere quasi scoppiata a piangere con il Contabile, che giustamente c’è rimasto male, dichiarandosi dispiaciuto più volte.

Questa sì che è razionalità e sangue freddo…

È arrivato mio fratello per cercare di sistemare il mio casino e per parlare della situazione improvvisamente ancora più brutta, perché no, ingenuamente vedendolo camminare, fare, mangiare, non ho mai realmente pensato che potesse esserci così poco tempo.. ho sempre cercato di fare restare con i piedi per terra gli altri, ma in fondo pensavo a molto più tempo.. un anno tutto e stavo iniziando ad immaginare anche qualcosa di più…

Articoli Correlati

Lascia un commento