Riepilogo della Giornata

Oggi è iniziato il Quarto ciclo di Chemio di mio padre, questa mattina – contro ogni aspettativa – è venuto a prenderci mio fratello e siamo andati all’Ospedale tutti assieme, ho accompagnato io mio padre per la visita con l’Oncologa e le solite pratiche, fino all’inizio della Flebo e di tutto il trattamento.

Oramai – forse è brutto da dire, non so – non sto più con mio padre durante quella fase, perché è luuuuuuunga, infinita e perché nella stessa stanza ci sono altri malati di tumore, di tutte le tipologie e gravità, che fanno la stessa cosa, talvolta con accompagnatori casinisti al seguito.
Mi dispiace, ma io ho una bassa tolleranza per il caos e il n. di persone in una piccola stanza, specialmente in un contesto simile. Inoltre mio padre è il primo a dirmi di andare a fare colazione e a cercare di farmi passare il tempo [le ore], ed è quello che regolarmente tento di fare, da sola, o con mia zia e in questo caso con mio fratello,.. la prima volta che viene su ben 4 cicli fatti [continuo a sottolinearlo perché indubbiamente la cosa mi infastidisce, specialmente considerando che io ci sono sempre stata, senza potermi “defilare” come fa spesso lui].

In questa occasione hanno detto che la situazione epatica è migliorata e che “va sempre meglio”, non so se si tratta di un modo per tranquillizzarlo o meno, deviando l’attenzione, francamente non ci capisco più niente e questi cambi di opinione, dalla più devastante a quella stranamente positiva, sono devastanti a livello mentale, perché non ti permettono di abituarti a “un’idea”, a una realtà, qualsiasi essa sia.

Tornati a casa mio fratello ed io siamo passati in Comune, per firmare il mio cambio di residenza, visto che mancava la sua firma, e l’Operatrice mi ha comunicato che in mattinata da Brescia è arrivata la conferma dell’avvenuto cambio, quindi suppongo della “cancellazione”, per cui in giornata avrebbe completato i documenti per concludere totalmente la pratica, che in sostanza dovrebbe essere già finita e io dovrei essere nuovamente Residente in Valle D’Aosta [o no? AAA Residenza cercasi…].
La cosa buffa è che non vedo l’ora di rifare la Carta D’Identità, per riavere quella VIOLA/AZZURRA tutta Valdostana, che è decisamente più carina della Carta D’Identità standard color giallo sporco.
Certo, resta il piccolo scomodo particolare che appena la mostri/usi fuori dalla Regione tutti iniziando a guardarti male, accusandonti di averla falsificata o colorata [forze dell’ordine comprese], ma tant’è………………

Lascia un commento