gennaio 11th 2016 archive

PET, terzo round

Domani tocca alla PET, teoricamente l’appuntamento doveva essere per oggi, l’11, ma per problemi di rifornimento del materiale necessario non molto tempo fa è stato spostato al 12.

Posso dire che non ho affatto alcuna voglia di ritornare ad Aosta per aspettare ore la conclusione di tale visita? Anche perché le due volte precedenti il mio cellulare non aveva mai smesso di suonare, la prima volta per la finanza – con incontro esterno – l’altra per il contabile e la questione “invalidità civile” che dovevo risolvere al più presto, inviando la documentazione richiesta, tra cui la dichiarazione dei redditi completa di mio padre [..ecco cosa c’entra il contabile].
In più ora siamo in Inverno, ed è vero che le previsioni non sono brutte, ma il freddo comunque c’è e si sente, quindi stare a passeggiare fuori per ore e ore.. no.. non è proprio il massimo della vita, ma la parte più brutta e difficile in realtà è il dopo, sono i risultati, è il doverli leggere/capire da sola e poi comunicarli a mio padre… o anche no, perché “un filtro” di tutela lo applico sempre e lo farò fino a quando mio padre non mi chiederà seriamente e direttamente come stanno le cose, ma ad oggi non lo ha mai fatto, né con me, né con i medici.

Oggi ne ho anche parlato col medico di famiglia, che è passato mentre mio padre non c’era, gli ho detto un po’ in generale come sta mio padre, o meglio, come io vedo che lui sta, dato che purtroppo lui continua a negare molti problemi che in realtà sta avendo, un po’ come faceva prima di essere ricoverato la prima volta, però non si rende conto che in questo modo non aiuta nessuno, tanto meno se stesso,.. e poi gli ho parlato della mia preoccupazione.. o disagio.. o ansia… o qualsiasi cosa.. per il post-PET, perché giustamente mio padre si aspetterà una risposta, ma io non so proprio se sarò in grado di dargliela, proprio a livello emotivo [che nei scorsi mesi avevo azzerato], perché io per prima non so se avrò la forza, il coraggio, di leggermi il risultato per cercare di capire com’è l’attuale situazione sul fronte “tumore”…. che tra l’altro dovrei comunicare anche a mio fratello e a mia zia.

Ecco perché mi sono fissata con le Filofax, o con qualsiasi altra cosa [colore incluso], perché le “fissazioni” su altro mi permettono comunque di staccare da tutto questo, facendomi distrarre… e stare bene, il che per me è positivo, anche se per le finanze purtroppo lo è decisamente meno [la contabilità serrata la sto facendo anche per questo..].