gennaio 18th 2016 archive

..e ora?

Visita fatta, l’Oncologa ha confermato ciò che avevo capito da me, cioè che c’è stato un miglioramento del tumore primario nel Pancreas, mentre tutto il resto sembra essersi stabilizzato, ma sia la TAC sia la PET hanno anche confermato ciò che la precedente PET aveva già evidenziato, anche se il risultato non sembrava molto affidabile e da una successiva Radiografia fatta si credeva essere solo un errore, in realtà sembra esserci davvero una piccola “lesione” sulla colonna vertebrale, riscontrata appunto da entrambi gli esami, quindi attualmente è definita come confermata, mentre altre due [o più, ma piccolissime] identificate solo tramite TAC sono state etichettate come dei potenziali “errori” dell’esame.

Per avere una visione più chiara del tutto, anche per confermare/confutare i “nuovi arrivati”, prossimamente mio padre dovrà fare una risonanza magnetica [dove? quando? non si sa, dovrò vedermela io dopo essermi fatta fare l’impegnativa dal medico della mutua], dopodiché dovrò ricontattarli per prenotare un’altra visita di controllo per valutare meglio la situazione e il da farsi, che attualmente è totalmente sospeso, infatti al contrario di ciò che pensavo la Chemio non gli è più stata “prescritta”, dicendo che siccome la situazione si è stabilizzata – e in parte migliorata – è inutile attualmente procedere con nuove sedute, a maggior ragione avendo concluso i 6 cicli precedentemente prescritti.
Non ho ancora capito come funzioni tutto ciò, non so se per regola generale è possibile effettuare solamente 6 cicli alla volta, con pausa centrale di qualche mese e magari con una ripresa successiva nei casi di peggioramento, boh, da quello che ho intuito oggi sembra essere così, ma la cosa ammetto che mi ha spiazzata e non poco: se stava migliorando – quanto meno il Pancreas – perché fermarsi ora?

Non sono un medico, tanto meno un’oncologa, quindi sicuramente mi sfugge qualcosa di essenziale.
So che la Chemio non è una passeggiata e che spesso il mix di farmaci – messi un po’ a caso – che usano può essere più lesiva che altro, motivo per cui una pausa forzata potrebbe anche essere logica, però.. non so.. vista la situazione attuale mi sembra comunque un controsenso.

Domani tra l’altro dovrebbe richiamarmi di nuovo l’Oncologa, per fissare l’appuntamento con l’Infettivologa che oggi non si è fatta trovare, quando sarà, non si sa, ma credo proprio che gli sospenderà la cura antibiotica via flebo giornaliera [urrààà non ci saranno più continui estranei in casa tutte le mattine, a orario a random!!], sia perché la stessa Oncologa ha detto che sarebbe la cosa migliore, anche solo per vedere/testare la reazione del fegato, sia perché prendere un antibiotico potente per così tanto tempo è tutt’altro che consigliato e sano.

Vedremo anche in questo caso, anzi, vedrò.

La Visita di Controllo

E alla fine hanno chiamato veramente, ma forse solo perché la Dottoressa di Aosta ha contattato direttamente l’Ospedale, non lo so, a chiamarmi questa mattina è stata proprio l’Oncologa che mi ha subito chiesto se avevo il Referto della PET e se potevo portare mio padre alla visita di controllo questo pomeriggio alle 15.

Che preavviso comodo-comodo eh? Pensato proprio per potersi organizzare comodamente… e infatti ci andrò solo io, alla fine sono qui anche per questo.

Ho appena avvisato il medico di famiglia di non passare, spostando tutto a mercoledì, anche perché durante il controllo non so bene cosa decideranno di fare, se procedere con la Chemio – visti i risultati penso di sì – e con gli antibiotici giornalieri, che in realtà credo che proveranno a sospenderli, visto che i non miglioramenti al fegato potrebbero essere causati principalmente da quelli, ovviamente sperando poi che non torni l’infezione, la febbre, con corsa al pronto soccorso, etc. etc… anche perché in realtà mio padre sta nuovamente avendo problemi con la digestione, tanto che di sera ha nuovamente smesso di mangiare, sebbene continui a dire che tutto va bene, che non ha niente, che è una scelta sua “perché sì”, sminuendo continuamente tutto e trattandomi come se avessi le visioni e mi inventassi le cose, anche davanti ai medici… che oramai hanno capito com’è, ma giustamente la prima persona a cui dovrebbero dare credito e su cui basarsi dovrebbe essere il paziente, che però continua a non collaborare [..ma che novità..].

Vado a prepararmi, che tra poco si parte e oggi fa pure un freddo cane.. sig, ma almeno non nevica..