febbraio 2016 archive

Talvolta basta chiedere [?!??]

Contro ogni aspettativa ho appena visto che RandStad oggi mi ha fatto il versamento, tra l’altro leggermente superiore di quanto mi aspettassi [non di tanto eh?].
Meglio di niente.. sebbene siano passati ben 90 giorni.

Intanto anche per questo mese le cambiali sono state pagate, anche se avrei evitato molto volentieri di andare in Banca sotto il diluvio universale, guidare sotto la pioggia mi mette ancora un po’ ansia, specialmente considerando che l’asfalto tende a diventare più scivoloso dopo mesi di aridità, che poi era stato proprio il motivo dell’incidente che avevo fatto nel 2008….. infatti in quel punto vado sempre pianissimo e con il cuore in gola,.. non so se questa cosa mi passerà mai.

Ora vado ad aggiornare la mia Agenda e Contabilità,.. che gioia. -_-‘

RandStad? Qui, MAI PIU’

Ho appena inviato un’e-mail al tritolo all’Agenzia RandStad con cui ho avuto a che fare tra novembre e dicembre, visto che stanno cercando di fare i furbi fino a la fine, dimostrando ulteriormente la loro poca serietà, ma io non ci sto ad aver buttato totalmente il mio tempo, con tanto di presa per il culo finale, quindi pretendo sia l’Attestato promesso, sia l’Indennità oraria di frequenza, com’era tra l’altro da accordo/contratto, sebbene a quasi 90 giorni dalla fine di quell’inutile corso non si siano MAI fatti sentire, se non per ripropormelo nuovamente, e sul mio conto non sia stato accreditato proprio nulla, quando sul contratto c’è scritto che il tutto sarebbe stato consegnato/accreditato ENTRO 90 giorni, non DOPO 90 giorni.

Ho avuto a che fare con svariate Agenzie che alla fine non facevano proprio niente, oltre ad inserirti nei solo database, ma almeno mi risparmiavano delle totali perdite di tempo con palesi prese in giro.

Non so se otterrò qualcosa, ma quanto meno ho avuto il piacere di comunicare loro il mio pensiero, anche relativo all’episodio del ricontatto NON per fornire l’esito conclusivo che tutti i corsisti attendevano, ma bensì per ripropormi tutto il teatrino per poi svanire nel nulla, dimostrando palesemente la poca professionalità e il loro non sapere minimamente con chi hanno a che fare o meno.

ore 20:49
Ebbene sì, per loro “entro 90 giorni” vuol dire “dopo 90 giorni.. o quando ci pare“.

Una Malden “Kingfisher Blue”?

Voci di corridoio sostengono che prossimamente la Filofax potrebbe aggiungere nuove colorazioni ad alcune sue Gamme, tra cui la Malden che dovrebbe essere rinnovata con l’uscita di due nuovi colori: il Fucsia e il “Kingfisher Blue“.

…è inutile dire che in tal caso inizierò a cercare un acquirente per il mio rene. -_-‘

Attacchi d’Isteria a gogo

Questa situazione sta degenerando, umanamente e psicologicamente parlando, con attacchi d’isteria a gogo per un nonnulla, senza quindi un motivo “capibile” e prevenibile.

Sto iniziando a pensare di richiedere un supporto psicologico… e non per me ovviamente, perché io tutto questo – da sola – non sono proprio in grado di gestirlo.

ora 22:30
Ho inviato un messaggio al medico, che mi ha confermato l’ovvia possibilità di richiedere tale supporto direttamente all’ASL, quindi domani lo chiamerò per prendere accordi, visto che dovrà fare un’impegnativa specifica, mentre non credo che l’ADI possa c’entrarci qualcosa.

…mio padre ha accettato/acconsentito di buon grado, dicendo che non riesce più a capire le sue reazioni, su cui sostiene di non avere più alcun controllo, quindi un supporto psicologico potrebbe essere utile…. ma a mio avviso può esserlo in ogni caso, non solo per gli attacchi di panico/isteria, bensì proprio per parlare liberamente con qualcuno di tutto, le preoccupazioni, pensieri vari, su ogni questione possibile, visto che comunque non parla con nessuno e tenersi tutto dentro a prescindere non è una buona cosa…

…sto facendo per lui, ciò che lui non ha MAI fatto per me..
..tutto ciò è alquanto surreale essendo io la figlia e lui il padre.

rieccoci

Sono rientrata innegabilmente in quel periodo in cui non ho proprio voglia di scrivere, e non per carenza di argomentazioni, ma perché proprio non ho voglia di riflettere troppo sopra alle cose, ai giorni vissuti, alle cose accadute, positive o negative che siano.

Non so il motivo, forse ho semplicemente bisogno di una “pausa-mentale”, possibilità che nella mia realtà non mi è ancora stata concessa totalmente..

Comunque.. oggi c’è stata la visita in Radioterapia, che non ha portato assolutamente a nulla, oltre a una grande perdita di tempo, specialmente perché Oncologia aveva perso il CD della Risonanza, quindi siamo stati ad aspettare che qualche infermiera riuscisse a farlo saltare fuori [organizzazione sempre a mille] e alla fine il responso è stato:

«se non ha dolore è meglio non proseguire in alcun modo, procederemo quando inizierà avere male o dei problemi di movimento, anche perché la Radioterapia non è come la Chemio, non può essere fatta ad oltranza, specialmente sulla colonna possono essere fatte solo poche sedute, altrimenti si rischia il danneggiamento del midollo spinale, ecco perché è meglio attendere, perché se dovesse farle ora.. poi non potrebbe più fare nulla dopo.»

Non ho mai dovuto affrontare nulla di simile prima, ma questa cosa delle sedute limitate e non ripetibili proprio non le sapevo, anzi, prima di questa visita svariate persone mi avevano detto che la Radioterapia è solitamente quella più funzionale e meno aggressiva, perché mirata, però non è mai subentrata la questione del ristretto limite temporale a causa di un danneggiamento fisico eccessivo legato al trattamento.

Bah.. a questo punto non so proprio cosa potranno dire il 9, probabilmente mi chiederanno di fissare tra qualche mese un’altra PET e una TAC, per verificare nuovamente la situazione del Tumore e delle metastasi…. o forse no, oramai è molto più che evidente che lo scopo non è certo quello di “curare”, ma giusto di “tamponare” quando richiesto, quindi fino a quando non ci sarà questa necessità probabilmente non si farà più nulla, restando semplicemente in attesa della ripresa di un peggioramento generale.
Probabilmente è giusto così, dopotutto non ha senso accanirsi inutilmente su un qualcosa che comunque non può guarire, specialmente quando l’accanimento stesso potrebbe poi comportare un nuovo peggioramento, magari anche più rapido e su altri fronti, causando tra l’altro quel dolore che ora mio padre non ha.

..devo dire che in tutto questo gran casino egoisticamente parlando c’è una cosa che mi dispiace più di tutto e che mi sta sempre più deludendo, ed è proprio il rapporto con mio padre, che non è mutato minimamente, restando sempre perennemente incomprensibile, insofferente e conflittuale, sempre per lo stesso motivo: il totale NON ascolto e NON interesse da parte sua, con una sorta di apatia perpetua, cosa che non è riuscito a cambiare neppure in questa circostanza, che anzi.. gli ha fornito quasi una scusa per peggiorare questa sua totale incapacità.

Il risultato finale è uno e inevitabile: al posto di riavvicinarci, come solitamente avviene o ci si aspetterebbe in determinate circostanze, sta avvenendo l’esatto opposto, ci stiamo allontanando sempre di più, perché io determinate cose/atteggiamenti a 34 anni non le tollero più, a maggior ragione ORA, perché mi sembrano assurde, mi sembra surreale il dovermi ritrovare a “lottare contro i mulini a vento”, contro alle insensatezze/resistenze perpetue di mio padre [che hanno causato SOLO danni PALESI, che sono sempre cadute sulla testa di noi figli… eppure ancora insiste e insiste e insiste ostinandosi a NON considerarci minimamente], ancora adesso, addirittura mentre cerco di aiutarlo in ogni modo possibile, mentre lui se ne frega letteralmente, chiuso nel suo mondo a me totalmente incomprensibile, comportandosi spesso e volentieri come se io proprio non esistessi e/o fossi un essere astratto.
Questo distacco ovviamente non riguarda solo me, ma anche mio fratello, perché entrambi da sempre ci ritroviamo a scontrarci contro lo stesso muro, ecco perché non temiamo la solitudine ed esterniamo i nostri pensieri/sentimenti solo fino a un certo punto e neppure sempre, esplosioni a parte [io, mio fratello neppure in certi casi].

…e il fatto che sia ANCORA così, anche dopo tutti i problemi e casini che sono usciti, è una fortissima e innegabile delusione per entrambi,.. che tra l’altro ci rende la vita ancora più difficile.

Agenda + Codice = chiarezza

Ho rifatto pace con la mia Saffiano A5, tornando a rifrequentarci regolarmente e spesso un po’ per tutto, anche perché sebbene il Note4 continui ad aiutarmi molto segnalandomi i vari impegni/le scadenze/etc, non potrei più fare a meno della mia Agenda, e il fatto di aver finalmente stabilito anche il codice con i simboli mi semplifica ulteriormente il tutto, aiutandomi a definire nel modo migliore la tipologia di ogni singola aggiunta, facendolo tra l’altro molto rapidamente, rendendo tutto molto più chiaro anche a prima vista, usando ovviamente contemporaneamente anche il codice colore già scelto nel mesi passati.

Come sempre è più facile mostrare che spiegare, comunque inspiegabilmente sono tutta soddisfatta ora, neanche avessi fatto chissà cosa,,.. dev’essere un’altra sindrome strana da #CartoPazza suppongo.

…e domani – se tutto va bene – tocca a Torino, in cui spero di riuscire a girare un po’, tra l’altro mi è venuto in mente solo ieri che avrei potuto farmi portare giù da mia Cugina almeno 10 volte da quando sono qui, visto che lei all’Università ci va in macchina! Che testa.. vabbè, avrò sicuramente modo di romperle le scatole, magari anche per fare un saldo a Le Gru, dopotutto mia zia è disperata perché non riesce a farla uscire di casa [..visto? non è colpa mia, questa è la prova che l’unico “colpevole” qui si chiama DNA], chiedendomi di inventarmi qualcosa e in realtà ho già alcune idee, posti da visitare, rivedere, etc, anche solo per reazione alla prigionia totale degli ultimi 6 anni, che mi fa desiderare di andare un po’ ovunque,.. se fosse per me mi metterei direttamente a viaggiare ovunque, in giro per l’Italia e per il Mondo, anche totalmente da sola [..ma dove? e come non avendo “appigli”?] cosa che in realtà offre delle libertà maggiori e anche una predisposizione superiore verso le altre persone… e non è per niente male, motivo per cui ogni volta che mi è capitato di viaggiare da sola è sempre stata una bella esperienza!

….ehhh sogni a occhi aperti…

Appuntamento Fissato

Ennesimo appuntamento fissato, anche se per qualche motivo fissare un appuntamento in Oncologia – in questo caso nello studio CAS – è sempre complicato, perché lì dentro è tutto estremamente caotico, non c’è un numero che rimandi direttamente a un ufficio specifico e tutto si trasforma in un “passa-passa” infinito, dovendo spiegare mille volte la stessa cosa a più persone, fino a quando finalmente ti passano quella giusta. che poi però ti fa a sua volta domande apparentemente inutili, visto che pochi giorni prima quella stessa persona ti aveva detto di chiamarla per fissare un appuntamento, quindi… perché poi mi chiedi “dove devo andare, cosa devo fare, cosa devo portare e perché?” se sei proprio tu che ci hai fissato gli appuntamenti a cui stiamo andando in questi giorni e proprio per poter rivalutare la situazione con i nuovi referti al CAS,.. è come se fossero tante piccole domande a tranello, per testare il mio grado di attenzione O_o

In ogni modo la prossima visita di controllo, in cui verrà presa l’effettiva decisione sulla Radioterapia, sarà solo il 9 Marzo, sarebbe stato meglio prima ovviamente, ma l’11 la segretaria mi aveva già avvisata che l’appuntamento sarebbe finito al mese prossimo, visto che febbraio era… è.. già tutto occupato [tumori ovunque…. è inquietante].
Vabbè, devo poi ricordarmi di farmi nuovamente dare la Longastatina LAR 30, dato che la prossima iniezione dovrà essere fatta il 16 marzo e non credo che questo verrà cambiato.

1 2 3