Incrociando le dita

Oggi ho fatto la metà delle cose previste, visto che l’ASL ha una pessima organizzazione e per prenotare un appuntamento con uno psicologo bisogna chiamare direttamente Aosta, la segreteria di Psicologia, che però – guarda un po’ – ha un operatore SOLO il mercoledì dalle 9:00 alle 10:30 e venerdì dalle 14:00 alle 15:00, altrimenti si trova esclusivamente la segreteria telefonica, su cui ho già lasciato un messaggio per farmi ricontattare, dato che proprio non mi va di “inseguirli”.
Inoltre non ho potuto neanche attivare il servizio di documentazione medica online per me, visto che nell’orario in cui ero andata non avevano ancora i PC collegati con la sede centrale e non sapevano neppure indicarmi un orario in cui tale procedura sarebbe stata fattibile, quindi alla fine me ne sono andata un po’ innervosita, dato che mi sono ritrovata ad andare lì per niente.. e questo mi ha fatto dimenticare l’intenzione di passare alla CGIL – lì vicino – per richiedere info sulla tessera per i mezzi pubblici. Che palle.

Poi sono un po’ in ansia per alcuni colloqui che devo fare, che però comporterebbero solo una collaborazione ogni tanto, oppure più avanti, mentre spero comunque di essere contattata ancora da qualcun altro e no, questa volta niente agenzie interinali, che sono di un’inutilità totale, e niente annunci online che sono fatti praticamente sempre da quest’ultime, ho provato a cercare io qualche struttura turistica che potrebbe avere un po’ più lavoro e a inviare il curriculum, anche se oramai la stagione “invernale” è finita, quindi di lavoro ce n’è decisamente meno.

Si vedrà, intanto incrocio le dita… per qualsiasi cosa…

Articoli Correlati

Lascia un commento