Neve e ancora neve

L’ho aspettata per mesi, ma ora direi che essendo fuori tempo massimo potrebbe anche lasciare spazio alla primavera, invece di ostinarsi a far tornare improvvisamente l’inverno e a costringermi a guidare nel bianco, anche se la parte peggiore non è tanto guidare, quanto pulire la macchina per riuscire a entrarci dentro, senza ritrovarsi la neve sul sedile appena si apre lo sportello e poi per riuscire a vedere fuori [cosa non indifferente], col piccolo particolare che le mie mani vengono devastate dal freddo per via della Sindrome di Raynaud, facendomi malissimo, quindi se le metto addirittura nella neve… è l’inferno e poi guidare, usare le mani, diventa una tortura!

 

Un video pubblicato da Silvia T. (@syliat) in data:

Coooomunque, oggi sono dovuta andare in farmacia e ci dovrò tornare questo pomeriggio, nella speranza che la farmacista riesca a trovare un pezzo per sostituire una parte mancante dell’Aerosol che mi ha dato mia zia, altrimenti sarò obbligata ad acquistarlo nuovo e la cosa non mi piace per niente, specialmente perché in realtà avrei una certa urgenza ad iniziare il trattamento contro i problemi che mi sta dando la sinusite oramai cronica, tra cui – il più fastidioso – l’orecchio sinistro che si tappa continuamente, dimezzandomi l’udito, cosa pessima in una sala con tante persone che continuano a chiederti cose nuove, veramente pessima, motivo per cui non potrei neanche pensare di acquistarlo online, dove ci sono tante tipologie di costi.

..ma dico io, non potevano tenere semplicemente tutti i pezzi assieme? Così da non perdere proprio quelli essenziali per poter usare il tutto? Ovviamente no e vista l’immensa fortuna sono anche quasi certa che salteranno fuori appena sarò riuscita a risolvere in qualche modo, magari anche con un acquisto totale. :/

Certo che passare da non guidare da 6 anni, a guidare quasi sempre e anche nella neve, è decisamente un bel salto! E francamente ne vado fiera, perché è solo uno dei tanti modi in cui sono “rinata”, in cui sono tornata a essere nuovamente me stessa, anche grazie al non sentirmi più sempre e solo sminuire [..col cavolo che Fake – non c’è nome più adeguato – guiderebbe mai su queste strade con la neve! tzè!.. se la faceva già sotto d’estate, con le strade pulitissime, guidando ugualmente male]

Articoli Correlati

Lascia un commento