Burocrazia Schizofrenica

Stavo parlando con mio padre delle varie problematiche e controsensi causati dalla Burocrazia, che ha il brutto vizio di resettare tutto, dimenticandosi che esiste un passato e che certe cose NON possono essere cambiate/modificate e spesso proprio a causa della stessa identica Burocrazia, che ti blocca su due fronti completamente opposti, causando solo disagi e abbandoni.

Un esempio lampante è la costruzione più famosa – e forse più bella perché caratteristica – del mio paese, oltre al Ponte Romano e alla Chiesa ovviamente [che ha avuto anch’essa problemi di questo tipo..], incollo una foto perché francamente non saprei neppure come descriverla e comunque non renderebbe.

IMG_20150827_204855

Eccola qui, in tutto il suo splendore, con i suoi 300 anni e forse di più, ad attirare continuamente foto, sguardi, commenti entusiastici e molti commenti, anche i Russi l’hanno notata subito [si vede dall’appartamento, essendo quasi di fronte come vista] restandone affascinati e come loro tantissimi altri turisti, tra cui dei Milanesi [e te pareva..] che qualche anno fa hanno acquistato tutto, sostenendo molto ingenuamente che ci avrebbero fatto tutto quello che volevano [..classico dei Cittadini Sboroni..], che non avrebbero avuto problemi, etc. etc. questo a seguito degli avvertimenti dei Residenti ovviamente, che subito hanno cercato di spiegare loro che qui in Valle D’Aosta sono le Belle Arti a Regnare e Decidere indisturbate sulle sorti di qualsiasi edificio “storico”.

..e infatti quella struttura è ancora così: intatta, non hanno toccato una sola pietra, probabilmente neppure una ragnatela, perché non è stato permesso loro di fare assolutamente NIENTE e proprio da quella Burocrazia che poi però ti impone di richiedere l’Abitabilità, ma che nello stesso tempo non ti permette di fare neanche i lavori basici per poterci abitare effettivamente, niente, zero.

Il risultato? I Milanesi – con la coda tra le gambe – stanno tentando di rivendere tutto [seee.. certo] e tale struttura tutt’ora immutata non si sa bene che destino avrà, se non quello di cadere un pezzo alla volta.

..questa sì che è coerenza.

Articoli Correlati

Lascia un commento