Avvoltoi del Dolore

Ieri in Ospedale da mio padre sembrava essere alla fiera dell’Ipocrisia, una folla di gente che si è presentata senza alcun preavviso per “vedere” – nulla di più – e mettersi lì a chiacchierare del nulla, sfornando solo frasi di circostanza inutili e mirando me…. ovviamente… che non me ne faccio nulla delle loro parole e dei loro sguardi pieni di compassione, tra l’altro devo ancora capire perché sentano il bisogno incontenibile di dirmi/dire a mio padre “ma che bella figlia che hai”, “sei proprio carina”,.. ma vi siete fumati il cervello? Sono al capezzale di mio padre e devo sentirmi giudicata fisicamente pure lì???

In Italia si è perso il senso delle cose… apparenza sempre e comunque. Che rabbia.

Alla fine non ne potevo più, mi è pure venuto il mal di testa a forza di sentire “ciciciciciciciicicicicicicicici” e che palle, mica è un club di incontro!!
Non li vedo a casa, nella vita quotidiana, in cui li evito in ogni modo e me li devo beccare tutti assieme al capezzale di mio padre?? Assurdo.. gente che tra l’altro non ho neppure mai visto, il che la dice tutta, però che improvvisamente sentono il bisogno di presentarsi all’Hospice “perché sì”, perché devono fare la sfilata dell’ipocrisia, per far sapere che loro c’erano e per poter raccontare meglio in giro quanto sono stati bravi.. e come lo hanno visto, com’era la figlia, se era curato/seguito o meno, bla bla bla… 

Già il momento è tutt’altro che leggero, ma quest’aggiunta proprio non riesco a tollerarla, specialmente perché è mia zia che la sta fomentando, perché le piace tantissimo stare al centro dell’attenzione, ecco perché li invita tutti, parla a tutti di cosa sta succedendo, anche quando non sono fatti suoi e non avrebbe alcun diritto di sputtanare le nostre cose private così in giro, eppure no.. continua… e TUTTI i giorni si fionda ad Aosta per fare “la presenza” e chiacchierare con i nuovi invitati, perché non possono certo salire e non trovarla.. che figura sarebbe? E in più dice a me cosa devo fare, ieri mi ha detto 30 volte che oggi non dovevo salire, anche questa mattina via SMS, perché tanto saliva lei… l’avrei mandata al diavolo se non fossi ancora estremamente disgustata e terrorizzata dalla giornata di ieri, perché no.. io non ci voglio più andare in quell’ambiente, non in mezzo a persone che mi fanno solo sentire FUORI POSTO e a DISAGIO, al capezzale di MIO PADRE!

..so che potrei impedire tutto questo, è sufficiente una mia parola alle infermiere e blinderebbero tutto, me lo hanno già chiesto, ma non vorrei fare un torto a mio padre, forse a lui questo circo fa piacere, non lo so, forse può aiutarlo a pensare meno e a passare il tempo, non ne ho idea.. proverò comunque a chiederglielo, in ogni modo IO non ho alcuna intenzione di sopportare ANCHE questo, non ora, non quando nessuna di quelle personcine si è mai fatta viva prima.. e fondamentalmente gli stanno già facendo il funerale anticipato, perché solo di questo si tratta……. avvoltoi del dolore, ecco cosa sono, ed è pienissimo… mia zia in primis.

Articoli Correlati

Lascia un commento