Piante e Vasi Lechuza!

Ho deciso “come arredare” casa, dopo aver tolto più che potevo: piante ovunque!

Le piante hanno il potere di rendere ogni luogo più bello e accogliente, l’unico piccolo inconveniente è che sono esseri viventi e in quanto tali hanno le loro esigenze che devono essere forzatamente rispettate, altrimenti purtroppo ne risentono in modo irrimediabile, cosa che mi fa sempre tanta tristezza.. 

Inoltre non tutte le piante hanno le stesse esigenze e questo complica ancora di più le cose, la mia Spatifillo è abbastanza “semplice” come pianta, dato che se ha sete te lo fa capire abbassandosi sempre di più, ma NON morendo, ha una resistenza spaventosa sotto questo punto di vista, mi ricordo quando 7 anni fa tornando a casa dopo 2 settimane la ritrovai totalmente piatta, apparentemente morta, perché nessuno l’aveva più bagnata ed era totalmente secca, ma erano bastate 3 ore nella vasca da bagno piena d’acqua per riprendersi al 100%, risollevandosi velocemente, facendo quasi impressione, perché difficilmente solitamente si vede una pianta muoversi, nel vero senso della parola,.. ecco perché talvolta alcuni si dimenticano che sono degli esseri viventi.
Oramai credo abbia 10 anni, forse di più, ne ha viste di tutti i colori, ma per ora resiste, anche se recentemente l’ho stressata moltissimo poverina, cambiandole il vaso dopo 7 anni e travasandola nuovamente oggi, dato che sono arrivati i vasi nuovi, tra cui quello bellissimo e grandissimo che miravo da qualche tempo, ma che mi ha vista indecisa fino alla fine proprio per la dimensione, oltre che per il costo.

Tra l’altro alla fine ho optato per una marca totalmente differente da quella Polacca URBI che avevo visto tempo fa su Amazon/Ebay, questo perché quando mi sono decisa a prenderlo.. quel vaso ovviamente non era più disponibile, mentre dopo aver acquistato quelli attuali giustamente è tornato in Stock. -_-‘
In ogni modo non me ne sono pentita, anche se indubbiamente la differenza di prezzo è veramente tanta [55 euro, contro 145], ma c’è da dire che i modelli della Lechuza, marca Tedesca, hanno TUTTI il sistema interno di auto-irrigazione, compreso il modello grande da me acquistato, il CUBICO 40 bianco Lucido [in realtà non è bianca, è più un Crema chiaro], che è la versione che costa di più, mentre quella Opaca stranamente costa meno, forse perché è più adatta agli esterni o perché ha un’apparenza meno “lussuosa”, ma sostanzialmente di base sono uguali.
Posso solo dire che esteticamente è bellissimo e ben rifinito, pur essendo fondamentalmente di plastica/resina, cosa che lo rende leggero e a mio avviso più gestibile/robusto, con inoltre l’inserto interno ben strutturato e con una modalità di estrazione semplificata, ha infatti delle maniglie estraibili, che svaniscono totalmente e sono veramente molto utili, specialmente in questo modello, ma anche negli altri c’è una modalità di estrazione molto simile, con però l’intero bordo che si alza.

A questo punto spero solo che la mia Spaty non ne risenta troppo, perché sarebbe un vero peccato, a maggior ragione perché ora sta bene nel suo angolino e nel suo vaso/supporto, senza più rialzi aggiunti.

La stessa cosa vale anche per le altre 3 piante prese nei giorni scorsi, anche per loro ho acquistato dei vasi Lechuza: 1 CLASSICO LS 21, color azzurro lucido, 1 QUADRO LS 28, bianco lucido e 1 DELTINI 14, bianco lucido.

Tutti ovviamente meritano ed è il minimo visto che non si può certo dire che siano economici, ma spero che l’implementazione dell’auto-irrigazione faccia effettivamente la vera differenza, anche se per “problemi naturali” non sarà immediatamente usabile, visto che prima le radici delle piante devono crescere per raggiungere la riserva d’acqua e ci metteranno un bel po’ di tempo [stimato in 12 settimane da Lechuza].

..ho però ancora un sogno: la pianta Monstera/Filodendro, anche se non so se riuscirò mai a trovare il coraggio di prenderla, essendo una pianta abbastanza impegnativa per via delle dimensioni che può raggiungere, ma francamente un po’ mi sono pentita di non averla presa giorni fa, preferendo la Kenzia [che è molto bella e sono comunque contenta di averla presa].
Non so, ci devo ancora pensare, il posto in casa in realtà lo avrei anche trovato, inoltre mi piacerebbe liberare tutta la prima parte del piano superiore/la-soffitta per fare una sorta di “spazio verde”, che sarebbe perfetto nel periodo estivo, ma nelle condizioni attuali non lo sarebbe affatto nel periodo invernale.

So che quasi certamente prossimamente prenderò altre piante “facili” – e so già quali – anche se piccoline, dopotutto una delle parti più belle è proprio quella di vederle crescere, anche partendo da una semplice talea [..andare in giro a “strappare parti di piante” però non mi sembra proprio il caso, anche se sarebbe decisamente più economico].

 

giovedì, 10 novembre 2016, ore 15:00
Aggiorno perché ho acquistato altre piante [la Mostera + 1 Orchidea grande] e altri Vasi Lechuza a mio avviso sempre bellissimi: il MINI-CUBI e il MAXI-CUBI nella colorazione Bianco Lucido, più un altro QUADRO LS 28 bianco lucido.
I primi due, che fanno parte della serie CUBI, come il mio molto più grande CUBI 40, li ho presi per le Orchidee, dato che il vaso interno è trasparente, cosa che suppogno valga solo per queste due piccole versioni e proprio pensando alle orchidee e alla maggior facilità di capire quando è necessario bagnarle in base al colore delle radici.

Prima usavo il MINI-DELTINI Azzurro e il DELTINI Bianco Lucido, in cui tutt’ora c’è la mia Stella di Natale Bianca, che però hanno il aso interno colorato, quindi non è possibile vedere le radici o lo stato di umidità interna, rendendo tutto un po’ più complicato.

Inoltre in questo caso e con queste piante – Orchidee e Stelle di Natale – personalmente sconsiglio di usare l’Auto-irrigazione, perché a mio avviso apporta loro troppa acqua facendole poi marcire, almeno nei periodo invernale e quindi più freddo.
Per quanto mi riguarda mi limito a bagnarle dall’alto, per poi togliere l’acqua in eccesso che cade nel “vaso contenitore”, inoltre ho provato a optare per il Seramis + le classche palline d’argilla espanza come “terriccio interno”, dato che il PON in dotazione l’ho trovato un po’ inadatto, con la tendenza a inzupparsi eccessivamente creando così disagio alla pianta, un po’ come fa la terra quando è troppo bagnata.

 

Dove si possono trovare i vasi Lechuza?

Tutti i vasi possono essere acquistati direttamente sul sito ufficiale italiano Lechuza.it, gestito da Dedi S.r.l, in cui talvolta vengono applicati degli sconti specialmente se il prodotto è a fine serie [i prezzi comunque non sono bassi, ma lo sono molto meno dei costi che si trovano nei negozi fisici] e con 5 euro di spese di spedizione, mentre dai 100 euro in su la spedizione è gratuita.
Curiosità: ho contattato più volte il servizio clienti ed è sempre stato molto gentile, disponibile e tempestivo, in un’occasione mi hanno anche permesso di aggiungere un prodotto appena prima della spedizione che avviene con BRT, con ordine ovviamente già concluso e pagato, inviandomi a parte la fattura aggiuntiva con pagamento diretto effettuabile via Paypal, senza costi aggiuntivi.

Molti dei vasi – non tutti – possono anche essere trovati direttamente su Amazon.it [lista dei vasi] talvolta anche a prezzi più vantaggiosi [anche se bisogna sempre valutare la presenza o meno delle spese di spedizione, più il relativo importo].
Riporto alcuni di quelli da me acquistati:
QUADRO LS Bianco Lucido 28
CLASSICO LB 21 Bianco Lucido, Azzurro [Skandinavisch Blau]
MINI-DELTINI 13 Bianco, Viola, Azzurro, Verde, Taupe, Apricot

Lascia un commento