Orchidea Wonder Blue

Mi ero ripromessa di non prendere altre orchidee, limitandomi a cercare di fare sopravvivere quelle che ho – 2 Phalaenopsis White – a maggior ragione perché quella piccolina oramai sembra non avere più alcuna speranza visto che l’eccessiva umidità ha compromesso proprio la parte “centrale” tra le foglie e le radici, molto probabilmente perché avrei dovuto coprirla meno con il Seramis, lasciando scoperta quella parte per permetterle una maggiore ventilazione.. a maggior ragione considerando la bassa temperatura attuale intrisa di molta umidità.

Sbagliando si impara, si dice, quindi cercherò di non incorrere nello stesso errore con le altre.

Però la mia ossessione per l’azzurro/turchese/etc. mi ha fatto cedere immediatamente alla tentazione di portare a casa con me l’Orchidea Phalaenopsis Wonder Blue, che in realtà avevo già visto online prima ancora che acquistassi la mia prima orchidea, non trovandola però fisicamente da nessuna parte, neppure nei vivai.. e come sempre quando si smette di cercare una cosa PUFF te la ritrovi inaspettatamente davanti, tra l’altro in questo caso al SELF, neppure in un vivaio o in un negozio specializzato, cosa che mi ha permesso di pagarla 15 euro e non 30/35 come avevo visto sul web, senza contare che è enorme – anche se ha un solo “ramo” con i fiori – infatti devo ancora capire dove metterla.

img_20161204_135107

Purtroppo qualsiasi fotografia io faccia oggi non rende minimamente – con o senza filtri – dato che c’è pochissima luce per via della giornata molto grigia, però spero di riuscire a rimediare nei prossimi giorni, perché il suo colore originale estremamente intenso merita di essere visto in tutto il suo splendore, in effetti ora che ci penso è identico a quello del mio “fiore di legno” che presi lo scorso anno alla Fiera di Sant’Orso e che riprenderò anche quest’anno.

Ecco perché non ho saputo resisterle, quella tipologia di colore mi chiama prepotentemente vincendo istantaneamente… è una debolezza bizzarra, me ne rendo conto. :D

Ora però dovrei cambiarle il vaso che giustamente non ho, dato che non avevo in previsione tale acquisto, per cui tra poco mi limiterò a controllarle le radici sostituendole l’attuale composto con Seramis e le classiche palline d’argilla, poi deciderò se sfruttare uno dei vaso di vetro che presi all’Ikea due mesi fa – svuotandolo dal potpourri – o meno [..ma diventerebbe ancora più “alta, stesso motivo per cui non sto prendendo il considerazione il vaso Lechuza CUBI che uso per le altre 2..].

Ah.. oltre all’Orchidea in realtà ho acquistato altre 2 piantine d’appartamento, piccole-piccole però, una la mia amata Spathiphyllum e l’altra dovrebbe essere la Kenzia o comunque dovrebbe appartenere alla stessa famiglia.
Sono entrambe due piante che già possiedo, anche se in formato gigante, quindi so già come gestirle – più o meno – e che tollerano mediamente bene questo ambiente, motivo per cui non ho invece preso la Dieffenbachia sebbene ce ne fosse di un’altra tipologia [foglia totalmente gialla internamente e verde solo sul bordo esterno, senza “macchie”],.. un po’ me ne sono pentita in realtà, visto che c’erano alcuni esemplari veramente maltrattati e con le foglie totalmente abbassate per carenza d’acqua, eppure non presentavano alcun ingiallimento [..forse è una tipologia più resistente].

20161203_173929-01

Questa mania per le piante forse mi sta leggermente sfuggendo di mano, ma fino a quando riuscirò a trovare loro un posticino dove metterle.. non credo proprio che mi fermerò :D

…devo andare a cercare i vasi per travasarle.

lunedì, 5 dicembre 2016, ora 13:22

Lascia un commento