Acquisti “Falliti”

Ebbene sì, talvolta ci sono alcuni acquisti che proprio non ne vogliono sapere di andare a buon fine e solitamente riguarda quasi sempre un prodotto a cui si teneva particolarmente,.. almeno nel mio caso.

Amazon in realtà mi ha fatto più di una volta questo “tiro mancino”, allungando i tempi di spedizione all’infinito, portandomi poi all’annullamento dell’ordine, dato che no.. saper attendere non è il mio pregio principale, per un tot di tempo riesco anche a farlo, ma poi l’ansia e il nervoso hanno la meglio, spingendomi a trovare altre soluzioni più “sicure e immediate”,.. se e quando posso intervenire ovviamente.

Aliexpress invece è nuovo in questo campo, dato che generalmente tutti i venditori con cui ho avuto a che fare sono sempre stati veloci, rispettando comunque la tempistica indicata dal portale.. tranne questa volta, in cui ho anche esteso il tempo d’attesa, sperando si trattasse di un semplice contrattempo, fino ad arrivare al 15esimo giorno senza alcuna risposta e/o aggiornamento.

In entrambi i casi alla fine ho annullato l’ordine, il primo era relativo la Cover dell’S7 Edge, quella S-View, che non vedevo l’ora di avere per aumentare ulteriormente la protezione, sentendomi un po’ più sicura nell’uso quotidiano, mentre il secondo riguardava i bellissimi cuscini, di cui comunque farò tranquillamente a meno, peccato, perché li avevo trovati a un costo veramente basso, ma tanto vale se poi non mi vengono inviati e francamente di aspettare un mese per la spedizione, quando poi bisogna attendere circa altri 2 mesi per la ricezione,.. direi che anche no.

Tra l’altro, guardando distrattamente l’estratto conto della Poste Pay, che uso sempre per Aliexpress, mi sono resa conto di aver ricevuto due accrediti da parte del sito, il primo di 1 euro, il secondo di 0,34 centesimi, che non combaciano con alcun ordine da me fatto, anche perché non ho richiesto alcun rimborso e non risulta nessun problema con gli ordini fatti in quella data, che sono tutti in transito.
Dovrò aspettarmi qualche sorpresa strana? In tal caso però qualcuno avrebbe comunque dovuto avvisarmi, motivo per cui sono veramente moooolto perplessa.

…mi avranno “pagata” per aver acquistato? sarebbe bello così..
..i Cinesi a volte sono proprio strani, specialmente nel business, quindi tutto in fondo è possibile :D

Cookies Policy

Vogliamo parlarne?! Non si fa nulla per tutelare la privacy e salute mentale dei “consumatori” da parte di chi come i Call Center tartassa di pubblicità/offerte e quant’altro via telefono, fisso o mobile, privato o pubblico, lasciandoli liberi di fare quel cavolo che vogliono, senza neppure obbligarli a segnalarti COME hanno avuto i tuoi dati e a cancellarti immediatamente quando lo richiedi [no, sei tu che devi fare la caccia al tesoro, con raccomandate & co. e talvolta non servono a nulla], ma poi fanno questa imposizione di segnalazione [ed eventuale limitazione] sui cookies a tutti i siti/blog, con tanto di multa estremamente salata.

Ma quanto sono fuori di testa?
Credo che in realtà sia un’imposizione già fatta anche in altre Nazioni dell’Unione Europea, ma lì suppongo che siano un po’ più coerenti sulla tutela del consumatore, multando e controllando anche chi nello specifico se lo merita veramente,.. non certo come qui in Italia.

Per ora ho dovuto aggiornare tutte le Informative della Privacy, aggiungendo anche la sezione dei Cookies, più il messaggio di segnalazione all’accesso dei siti web, con rimando visibile all’informativa,.. di un’inutilità terribile, senza contare il fastidio di trovarsi questo bannerito OVUNQUE in futuro, cosa che personalmente non sopporto, un impiccio in più durante la navigazione.
E questi siti non includono le classiche pubblicità, ma solo la statistica, altrimenti il tutto si sarebbe complicato da quello che ho capito, perché bisognorebbe comprendere la possibilità di “rifiutarle” e rimuoverle, assieme ai cookies specifici, una grandissima e immensa rottura [..forse anche la statistica? non ne ho idea, ma essendo privata è legata all’uso e alla navigazione del sito, e tutto è segnalato, quindi se a “pincopallino” non va, lo chiude e passa oltre. Stop].

Non so se adeguerò anche questo blog PERSONALE, che in pratica non conosce nessuno, mi sa di una stupidata unica, anche perché oltre alle statistiche – presenti OVUNQUE sul web – che non guardo mai [e NON di Google], non c’è nessun altro cookie malvagio da segnalare, non prendo dati [e da cosa?], non uso dati e non condivido/vendo dati di alcun tipo [ma dai?].
Anni fa mi divertivo a condividere le ricerche con cui completi sconosciuti erano piombati qui sopra, ma da tempo Google mi ha tolto tale divertimento, non rendendole più disponibili [privacy bla bla bla] :(

..la caccia ai cookies è aperta, vado a mangiarmeli con il latte

Multiple Instagram accounts

Per fortuna ci sono persone nel mondo che si divertono a facilitare la vita altrui, visto che i programmatori/creatori principali di certi programmi/app talvolta fanno di tutto per complicartela.
In questo caso mi riferisco a Instagram e all’impossibilità di gestire contemporaneamente differenti Account, creando il fastidio di dover fare continuamente logout e login, avallando eventuali distrazioni, con dimenticanze e confusione tra i vari account [ho perso il conto di quante volte ho pubblicato una foto sull’account sbagliato, perché se condividi diretttamente dall’Album non puoi vedere quale stai usando].

Per rimediare a questo piccolo inconveniente, mesi fa mi ero messa alla ricerca di una soluzione, imbattendomi in InsTwogram, un vero e proprio clone di Instagram, che ti permette di gestire un secondo account, senza alcun problema.
Credevo di essere finalmente a posto, fino a quando mi sono ritrovata a dover gestire 3 account, ripresentandosi così il problema iniziale.

Come ho scritto precedentemente però, per fortuna che in giro c’è chi pensa a tutto e cosa più importante tenta di porci rimedio, in questo caso creando cloni multipli [bastandosi su InsTwogram], chiamati Insta2gram, Insta3gram, Insta4gram e Insta5gram [dal 6 in sù, è necessario richiederli direttamente al genio in questione].
Quando li avevo trovati in realtà non ero riuscita a scaricarli, a causa dei link di download corrotti, però segnalandolo nel forum in questione, alla fine sono stati ripristinati e finalmente ora sono riuscita a installarli e usarli.
Non so ancora come risulta la risoluzione dell’immagine una volta caricata e pubblicata tramite le app clonate, spero sia ottimale però, dato che con le prime versioni di InsTwogram la risoluzione delle foto postate era molto bassa, ma con quella più recente il problema era stato risolto.
L’unica pecca che posso attualmente notare è il collegamento con Facebook, che è un pochino macchinoso, dato che per effettuarlo in tutti gli account è necessario disinstallare l’App ufficiale di FB, per poter fare il collegamento dei vari account [su Instagram + Cloni] tramite il Browser. In questo modo tutti possono essere collegati, mentre usando direttamente l’App ciò avviene solo con uno. Successivamente è comunque possibile installarla nuovamente.

Comunque poco male vista l’immensa comodità fornita, rispetto all’avere una sola app. con cui gestire troppi account!

..decisamente un’ottima scoperta, che si è meritata una piccola donazione.

netsons

Stavo pensando di provare l’hosting Netsons, che tra l’altro ho visto fornire svariati pacchetti molto interessanti, tra cui quello basico “Professionale Condiviso” e quello più completo “Business” che andrebbe bene per la maggior parte dei siti e tutti quelli che gestisco. Assomiglia molto al pacchetto fornito da Aruba, ma migliore e più conveniente.

Il problema è: che diavolo di dominio creo? Se non esistesse il Who Is, o se i dati personali fossero tutelati oppure se si potessere essere tali con il Privacy Whois ovunque, non avrei dubbi e mi butterei sul .it, ma siccome non mi va di spargere le mie informazioni private in giro, sono abbattuta e persa [non solo per l’estensione, ma proprio per il nome].
Inoltre ho appena scoperto che anche il .eu non è così sicuro, perché sul sito “ufficiale” viene comunque mostrato l’indirizzo e-mail di registrazione [che rottura, a saperlo prima su TopHost mi registravo con una mail secondaria].

Tra l’altro TopHost è di nuovo in crisi, sta creando improvvisi problemi di DNS su un sito che gestisco e non posso neppure aprire/inviare un Ticket, perché hanno rimosso tale possibilità. Che assistenza pessima.
Devo assolutamente provare Netsons, per avere un’altra piattaforma da – eventualmente – usare/consigliare.
In realtà c’è anche il servizio di hosting privato che sto usando nell’ultimo lavoro, però a causa delle varie problematiche riscontrate non mi convince molto, specialmente perché la questione venditore/rivenditori è troppo confusionaria e per questo manca totalmente l’Assistenza [con il rivenditore ultimo che se ne lava bellamente le mani].

Ore 15:30
Mi sono appena resa conto di una cazzata che ho scritto: io quel sito in realtà NON lo gestisco, visto che non sono pagata per farlo, lo avevo creato lo scorso anno e stop, con il piccolo particolare che vengo continuamente contattata per tutto, per fare piccoli aggiornamenti, per inserire post [anche se avevo creato video appositi dove mostravo come si faceva], per messaggi di errore [al posto di contattare l’hosting], per controllare il social network ed eventuali problemi con gmail o libero.
Cavolo, devo veramente imparare a mettere un freno a tutto questo, oramai ogni volta che ricevo un’e-mail, un sms, o una chiamata mi prende l’ansia: assistenza per tutti [anche a perfett* sconosciut*], 7 giorni su 7, a ogni ora del giorno e della notte.

C’è un problema di qualsiasi tipo?
Non capisci qualcosa e non vuoi perdere tempo a riflettere o a cercarti la soluzione?
Hai un dubbio generico?
Ti serve qualcosa, possibilmente SUBITO?
Oppure devi fare qualcosa, ma non ne hai voglia?
Chiamami quando vuoi e fai fare tutto a me, non aspetto altro!
-_-‘

Ore 17:30
Dopo aver trovato nelle FAQ questo:

Netsons fornisce di base e gratuitamente in automatico il privacy protection per i domini .it, mentre per i domini .com 5€+iva l’anno.

In particolare per i .IT, per disposizioni dell’authority italiana, dovranno essere visibili almeno i campi “name” ed “organization” dei contatti Registrant, Admin e Technical. Tutti gli altri campi verranno oscurare al pubblico.

e aver richiesto la conferma tramite telefono, posso ufficialmente dire di avere il mio primo dominio.it.
Da “oggi” avrò quanto meno una e-mail bellissima, ufficiale e personalizzata, tra l’altro usabile anche da mio padre e mio fratello.

Sono già entrata in amministrazione guardando tutto, ed è un altro mondo rispetto a TopHost, e mi piace molto.
Non so ancora quale sarà la reale funzionalità e non credo che lo metterò realmente alla prova molto presto, ma i servizi offerti non mi sembrano per niente male e l’assistenza è immediata, sia tramite Ticket, sia telefonicamente.

..mediterò seriamente se trasferire anche questo spazio.

P.S: ebbene sì, lo confermo, il malefico nic.it sta esponendo solo il mio Nome & Cognome, nulla di più. Urrà!

Lo Sapevo

Sapevo che avrei avuto problemi su quell’Hosting, LO-SAPEVO.

Ho provato il sito fatto e finito sia su TopHost, sia su Altervista, con un’importazione totale wordpress+database, su entrambi ha funzionato, era presente qualche piccolo bug [differente l’uno dall’altro], ma erano comunque recuperabili, mentre sull’Hosting privato che ho a disposizione è il casino più assoluto.

Partendo dal Database: è un incubo riuscire a importare i file .sql, anche in formato .zip, perché dopo un tot si impalla e da errore 500, qualcosa carica, ma male. Ho dovuto esportare il Database in tanti piccoli file .sql, ma anche in questo modo riesce a dare problemi. È un incubo.

Una volta che comunque l’importazione è conclusa, il sito c’è, lì, bello, apparentemente funzionante, ma non è così: nell’amministrazione di WordPress infatti la sezione Plugin non si carica più, come neppure gli Articoli e le Pagine, che restano caricate solo per metà, tutto a causa di un plug-in abbinato al tema usato, Essential Grid, che guarda caso non da problemi da nessun’altra parte, solo lì e solo quando quel tema è attivo.
Ma la parte peggiore è un’altra, il plug-in volendo infatti si potrebbe anche rimuovere/sostituire, però se il sito, o meglio, il tema, o meglio ancora, il CSS del tema, viene caricato 1 volta su 10 e solo quando non si sta già caricando su un altro PC [anche con tutti i plug-in disattivati], beh.. qui in problema diventa più grande.
Anche in questo caso accade SOLO su quest’hosting, neppure TopHost mi ha dato problemi in tal senso, quando talvolta fatica addirittura a caricare questo semplice Tema.

Che rottura, specialmente considerando il fatto che ci posso lavorare solo di notte, visto che non posso mettere offline il sito attuale e non è presente un altro database, inoltre devo “montare e smontare” tutto in poche ore notturne, senza poter lasciare il sito online per studiarlo e provare varie soluzioni, cosa che mi pesa di più, e sempre perché devo ricaricare e riportare online il sito vecchio, rendendolo nuovamente usufruibile.

Non se ne esce più, che ansia.

Ho provato anche a controllare e confrontare le impostazioni PHP.ini, modificandole, ma ieri non è cambiato niente e per verificare le nuove modifiche devo nuovamente aspettare la notte: il modo migliore per perdere tempo e pazienza.
Anche e specialmente considerando che presa dall’esasperazione sto iniziando a ricostruire il sito da zero, e questa volta direttamente sul WordPress già presente, affiancandolo al “vecchio sito”, ma ovviamente mantendendo tutto “non pubblicato” e andando avanti quindi un po’ alla cieca, e solo grazie al sito fatto/finito presente in locale,… almeno fino alla notte.

Se anche con le stesse identiche impostazioni [degli altri hosting e del mio locale] non ci saranno miglioramenti, credo che inizierò a sbattere la testa contro il muro.

Lo sapevo, ma quanto lo sapevo che mi avrebbe dato problemi. Grrrrrr..

13 marzo 2015, ore 12:50
Un problema, quello meno grave, si è risolto con la modifica al PHP.ini, l’altro purtroppo no, neanche costruendo il sito da zero e sto iniziando a sospettare che la causa sia il Database, anche se le impostazioni sembrano essere tutte corrette, ma ho già avuto modo di verificare durante l’importazione ha spesso delle defaiance.
Non se ne esce più.

14 marzo 2015, ore 21:30
Questa notte, dalle 1 alle 5, ho completato, modificato, aggiustato e pubblicato ufficialmente il nuovo sito, riuscendo a risolvere ogni problema, anche se “manualmente”, perché le modifiche al server sono servite solo in parte per il plug in, ma per il tema e per gli script interni, assolutamente no, infatti era uno di questi a funzionare male e a non riportare i CSS necessari per la corretta visualizzazione nel sito. Ovviamente solo su questo server, sugli altri hosting provati andava tutto bene.
L’importante è che sono riuscita a risolvere la questione.

Ora devo aspettare le possibili richieste di modifica [visto che ho fatto tutto da sola, senza indicazioni, informazioni o contenuti, che ho dovuto trovare in giro o inventarmeli da me] e il materiale aggiuntivo, poi dovrò occuparmi del marketing al nord Europa,.. terreno assolutamente inesplorato e a me sconosciuto, giusto per continuare a fomentare l’ansia.

Curiosità: dovendo fare un sito multilingua ho dovuto trovare/provare vari plugin specifici e siccome WPML costa in modo spropositato per chi non fa siti tutto l’anno ammortizzandone la spesa, ho trovato un notevole sostituto, tra l’altro di nazionalità italiana: ceceppa multilingua.
Non avevo molte aspettative e mi aspettavo bug ovunque, in realtà però fa egregiamente il suo lavoro e non mi ha dato alcun problema, strano ma vero.
L’unica pecca è che ti devi tradurre tutto per conto tuo, cosa fastidiosa quando devi tradurre in lingue che non conosci e devi quindi cercarti qualcuno che traduca per te.

Un serpente che si morde la coda

Io: «Salve, può creare, o far creare, un alias sull’indirizzo mail principale a cui ho accesso solo come semplice utente? Questo perché Facebook non mi accetta gli indirizzi standard come “info” quindi non posso procedere nel reclamo di una pagina autogenerata dell’Attività.»

Cliente: «Proceda come meglio crede! ma si assicuri che l’indirizzo mail principale sia sempre attivo, perché è sui biglietti da visita!»

..io come faccio a lavorare così?

Quanto tempo perso e tutto perché ancora NON mi hanno dato l’accesso all’amministrazione generale, ecco perché non posso fare autonomamente le operazioni necessarie, e questo dovrebbero saperlo oramai, visto che l’ho detto loro in ogni modo possibile.. eppure ricevo queste risposte.

Un serpente che si morde la coda,…. ne uscirò mai?

La disponibilità c’è, la gentilezza anche, ma manca proprio la consapevolezza e non conoscendo l’hosting e i vari servizi presenti o meno, non so proprio come riuscire a farmi capire in modo chiaro e inequivoco, dovrei andare alla fonte e parlare con il fornitore del servizio, ma anche questo sembra impossibile, perché il suo sito è K.O [non è un buon punto per l’affidabilità, forse è solo un rivenditore che sub-eroga determinati servizi e solo ai contratti fatti anni fa?],… ma forse posso farlo ugualmente se riesco a trovare in rete un suo indirizzo personale e se lo supplico di fornirmi per compassione direttamente lui delucidazioni sul servizio offerto/usufruito e tutti gli accessi necessari.

Ora provo, incrocio le dita.

ore 16:25
Me li ha datiiiii!!!! Ora festeggio.

Effettivamente la gestione è differente da quella offerta dai fornitori di hosting classici, ed è un po’ più complessa, comunque no, non mi era stato fornito l’accesso principale, dell’Amministrazione, ma al contrario era stato addirittura creato un utente con accesso limitato – a me dedicato – pure per l’FTP, quando con il principale potevo entrare e fare tutto, senza tutti questi limiti e cambi utente/indirizzo.
Ovviamente ho già fatto tutto quello che dovevo fare [in due secondi, idem FB, la pagina-luogo autogenerata è già mia].

Mi sento più leggera, finalmente RESPIRO!

L’alias creato ora punta direttamente sulla mia casella elettronica, in modo tale da non dover sempre accedere all’amministrazione o al loro indirizzo principale, quindi meno tempo perso, meno “mail incrociate”, meno “avvisi eventualmente non capiti e cancellati da terzi”, etc. etc.

Unica pecca: esiste effettivamente UN solo database, senza la possibilità di crearne un altro, [o meglio sì, ma sarebbe a pagamento, neanche Aruba ha questo limite una volta che li acquisti, l’unico limite è lo spazio totale da dividere], quindi avrei dovuto comunque procedere come sto facendo ora.
E questa è la conferma che il fornitore da me contattato è in realtà un rivenditore estemporaneo [e ora non più in attività?], che si basa sui servizi offerti da Domainregister.it [che è un rivenditore a sua volta?].

I prezzi di listino sembrano comunque discretamente competitivi per il tipo di servizio offerto [hostin basic, non quello già predisposto per WordPress], anche se non ho ancora avuto modo di testarne la piena funzionalità e neppure il servizio clienti [ahah ok, quest’ultimo per la situazione che sto “vivendo” appare un po’ carente per via dei troppi rivenditori, tra cui uno non più in attività – ma che ha il contratto – che risponde un po’ controvoglia e non ha più il sito funzionante].

Apperò!

Dalle foto non mi ero resa conto di quanto fosse immenso quell’Agriturismo e quanto fosse nel verde, più totale e assoluto, per fortuna l’omino di Google Maps è stato molto illustrativo [anche se non fino alla fine, avendo loro una via interamente privata].

Credo proprio che al termine del sito – o tra un aggiornamento e l’altro – mi farò invitare..

Tra l’altro la battaglia su FB è iniziata, ho la gestione di UNA Pagina e me la sono data/presa da sola. Mi erano stati forniti i dati d’accesso del profilo personale di un dipendente, che aveva aperto – su richiesta – la Pagina poi abbandonata [viva la privacy]. Mi sono inserita come amministratrice [dopo essermi autoinviata l’amicizia, altrimenti non potevo farlo] e sono uscita subito dal profilo temporaneamente violato, avvisando che l’accesso non mi serviva più.
In realtà sono abituata a fare l’intrusa negli accessi personali altrui, ma solitamente sono quest’ultimi a chiedermelo per poter sistemare/fare/modificare dietro le quinte i vari servizi, permettendo loro di usufruire di tutto, senza fare nulla.

Comunque ora mi mancano altre due Pagine, una realizzata da un ragazzo amico di famiglia ora introvabile e un’altra autogenerata da FB, anche se totalmente incompleta, ha solo il nome basico, ma reclamarla è ardua, visto che non mi permette di usare l’indirizzo mail in mio possesso che inizia con “info” [non posso crearne uno nuovo, più adatto e temporaneo, non avendo accesso all’amministrazione ehhhh] e non posso “farmi chiamare” al numero ufficiale perché io non sono fisicamente lì, mi restano solo i documenti, ma credo che sarebbe un’altra epopea.
Spero di risolvere, perché sono due “luoghi”, quindi mi interessa averli, specialmente il primo perché ha già vari seguaci, in effetti è l’unica Pagina che terrei, visto che è completa e attualmente non capisco quali siano le procedure di FB per tramutare una Pagina in un luogo, dato che inserire l’indirizzo completo sembra non bastare più.

Per gli altri social ho già fatto tutto, attendo la lettera da Google, l’accesso alla seconda Pagina di FB e le nuove fotografie, poi sotto quel punto di vista dovrei essere a posto, mentre con il sito grazie a XAMPP me la sto cavando [con tanti ringraziamenti per aver lasciato il sito esistente online], spero solo di non avere problemi quando poi dovrò esportare il tutto in remoto. -_-‘

P.S: Io sono una PIPPA assoluta nell’inventare i Logo, non ho fantasia, anche perché bisogna tenere conto di tantissimi fattori, quali la leggibilità costante e la chiarezza, anche quando ridotto, oltre alla semplificazione e alla riconoscibilità immediata.
Non so come faccia chi lo fa di professione e a ripetizione.

Ansia, ansia!

Non mi è ancora stato fornito l’accesso all’Amministrazione dell’Hosting [e di Domini], che ancora non ho capito quale sia, suppongo che sia una sorta di servizio erogato da un privato, che tra l’altro ha il sito K.O. quindi non posso reperire alcun tipo di informazione [fantastico].
Come complicarsi l’esistenza.

In sostanza ora ho l’accesso a WordPress, all’FTP [anche se mi era stato fornito incompleto], a un UNICO Database, senza la possibilità di crearne altri [seconda installazione di wordpress – per creare temporaneamente il nuovo sito in parallelo a quello attuale, continuando a mantenerlo attivo – addio], accesso a UNA mail [info], come semplice utente, ma non all’Amministrazione completa di quest’ultima [per creazione di altre mail, impostazioni varie, etc].
Mi viene l’ansia.
Non ho neppure l’accesso ai social network, anche a FB, l’unico che hanno pasticciato, creando ben DUE Pagine [più una automatica di FB] attualmente inattive che creano solo confusione.

Ripeto, mi prende l’ansia, dato che non avendo il controllo totale non posso prendermi la piena responsabilità della gestione ottimale di tutto, anche perché attualmente non potrei neppure migrare altrove [come mi è stato tra l’altro consigliato da chi continua a non fornirmi tutti gli accessi] perché NON ho il controllo su quei maledettissimi Domini, che quindi continuerebbero a puntare altrove e si perderebbero.

Non è finita qui però, perché mi è appena stato detto che *magia delle magie* il sito web NON può essere “chiuso” per aggiornamento neppure per una settimana, qualche giorno massimo, meglio uno.
Cioè.. non mi fornisci la possibilità di creare un secondo sito parallelo, perché ricevere tale accesso/autorizzazione oramai è come chiedere un incontro con il Papa in persona, ma predenti che io non chiuda quello attuale?!

Dopo istanti di smarrimento: XAMPP vieni a me!
Dopotutto se provo a fare/modificare il sito già esistente in locale, successivamente dovrei – e sottolineo DOVREI – fare tutto in modo molto più rapido, sebbene fino ad ora io non avessi MAI usato questa procedura e neppure tale “software”.
Attualmente ho “importato” in locale – e con pieno successo – il sito esistente, quindi inizierò a lavorare da qui, con quello che oggettivamente ho, sperando che il tema scelto [uno tra i più complessi che io abbia mai visto, ci impiegherò una settimana solo per capirlo e ricostruirlo] non mi crei troppi problemi.

Mamma che ansia..

Ovviamente, tra tutto questo, sono ancora ammalaticcia, con il raffreddore e il mal di gola, però riesco di nuovo a dormire, quindi almeno questo è positivo sù!

TopHost e la modalità tartaruga

Ci risiamo, TopHost è in palla e leeeeeentissimo, ma questa volta alla mia ennesima segnalazione non mi hanno inviato la risposta standard “a volte i plugin i wordpress rallentano tutto il sistema, controlli meglio” [.. il mio blog è semi-vuoto.. no, per dire eh?!], bensì hanno ammesso il problema che però sembra essere sempre e solo sul mio sfigatissimo nodo 13 -_-‘

Gentile Silvia, la ringraziamo per averci contattato.

Purtroppo siamo a conoscenza del problema; stiamo ricevendo un’ondata di spam verso alcuni domini che porta a saturare lo spazio sul server in pochi minuti. Stiamo intervenendo per bloccare la situazione e contiamo di risolvere, a meno di nuovi accadimenti, entro poche ore.

Le auguriamo buona giornata.

Detto questo, credo che tornerò in questo spazio quando i tempi di caricamento per una singola pagina saranno scesi sotto i 5 / 10 minuti, altrimenti io e la mia pazienza non possiamo proprio farcela.

1 2 3 7