Post Taggati ‘animali’

La Scelta Giusta

Poco fa mi ha chiamata la ragazza che era venuta a prendere Noemi, per dirmi che va tutto bene, che lei sta bene e che anzi, si è innamorata follemente di suo nonno, da cui non si stacca mai, amore che sembra essere totalmente ricambiato.
Tra l’altro proprio per il suo veloce attaccamento, con tanto di dormita già nel letto la prima notte e piantini all’uscita al bar di quest’ultimo, da cui si è subito fatta portare indicando il guinzaglio [???], credo che gli ricordi mio padre e lo pensano anche loro, sebbene risulti essere addirittura quasi più attaccata, mio padre ad esempio non la faceva salire in braccio se si sedeva, mentre con il “nuovo-padrone” a quanto pare una volta essere riuscita a farsi portare al bar per raggiungerlo, gli si è seduta in braccio e non si è più mossa.

Questo conferma che per fortuna ho fatto la scelta per lei giusta, perché ora è con qualcuno che la tratta come vuole, un po’ come faceva mio padre, ma essendo più presente e portandola anche in giro con loro, cosa che mio padre non faceva per via della sua indole troppo espansiva e agitata, che rendeva veramente difficile riuscire a parlare con qualcuno… atteggiamento che evidentemente ora sembra essere improvvisamente scomparso, forse per farsi piacere, forse perché ancora deve cercare di capire bene l’ambiente, forse perché ha capito subito che certe cose non le sono concesse, molto dipende anche dal carattere della persona con cui sta e cosa le trasmette, se calma, oppure ansia [..io rientro nella seconda categoria].

Che dire: non potevo desiderare di meglio per lei!
..e pensare che stavo per portarla al Canile, quel posto orrido, in cui probabilmente non sarebbe più uscita visto che sembravano essere molto più interessati ai soldi che al resto, quindi io sono convinta al 100% che l’avrebbero tenuta il più possibile pur di ricevere la loro quota mensile. 
No comment..

Una scelta giusta, finalmente, anche se per vari fattori non è stato per niente facile, ma per fortuna la razionalità ha vinto sull’ansia/terrore e proprio il giorno dopo tutto è andato per il verso giusto… quasi magicamente.

Un Altro Addio

Alle 15 è venuta la ragazza – assieme a una bimba di 8 anni – a prendere Noemi, quel botolo di pelo esagitato.

Sinceramente non credevo che ci sarei rimasta così male, come non pensavo che mi sarei messa a piangere, non lo so.. non siamo mai andate molto d’accordo, o meglio, io non sono mai andata molto d’accordo con lei, troppo viziata, troppi danni, troppe lotte su troppi fronti contemporaneamente, cosa che non ha aiutato per niente la nostra convivenza, anche perché fondamentalmente “imposta” dopo ben 6 anni.. e credo sia questa la parola chiave.

In ogni modo mi sono sembrate molto in sintonia, lei come sempre tende ad agitarsi e a saltare come una cavalletta, senza quasi farsi toccare, però alla fine si avvicina e lecca-lecca-lecca a non finire, cosa che alle nuove padrone non sembrava dare fastidio, anche perché la ragazza in questione ha già 5 cani, motivo per cui in realtà la lascerà ai suoi nonni, che da quanto mi ha detto se ne sono innamorati quanto lei quando hanno visto il video che poche ore prima avevo inviato all’amica di mio padre – che ci aveva dato Noemi da piccola – che poi glielo ha rigirato.

Non so, me ne pentirò? Quasi sicuramente sì, mi dispiacerà sempre di più, dopotutto è un’altra perdita, anche se questa volta “volontaria”, come se fondamentalmente mi stessi letteralmente isolando e credo proprio che sia così, prendendo le distanze da tutto e da tutti, probabilmente le prenderei anche da me se potessi..

L’unica cuoricina da cui non mi stacco mai e che mi porterei ovunque, è la mia Leela, a cui sono maniacalmente affezionata, la amo tantissimo, ho anche pensato di prendere un altro gatto già adulto per farle compagnia, ma non ce la faccio..  egoisticamente la voglio tutta per me, non volendo dividere le attenzioni con nessun altro, anche perché mi sentirei in colpa a coccolare un altro gatto, quindi alla fine poverino si ritroverebbe ad essere ignorato o guardato pochissimo, dato che Leela verrebbe sempre prima, cosa che alla fine ho già visto con Loki, povero cucciolone,.. ma lui lo vorrei comunque ancora con me.

Tornando a Noemi ho già fatto la segnalazione al Comune per via del microchip, dato che a quanto pare in Valle funziona logicamente in modo differente rispetto al resto d’Italia, ma questa volta stranamente la procedura sembra semplificata, infatti teoricamente è già conclusa con la sola segnalazione, almeno da parte mia, mentre la ragazza dovrà poi andare nel suo comune di residenza per dare la conferma, stop, niente ASL, niente doppia firma,.. o almeno così sembra.

In ogni caso hanno cercato di rassicurarmi un po’ tutti sul fatto che andrà a stare bene e anche la signora che ci ha messe in contatto ha detto che comunque “la seguirà” e si informerà sempre su come sta, dato che lei li conosce e che la figlia spesso da quelle parti, dicendo che se dovesse andare male al massimo la prenderanno loro e quindi di non preoccuparmi.

Più ci penso, penso a questi mesi, più resto perplessa per le complessità e i problemi tirati avanti per mesi, quando potevano essere facilmente risolti, addirittura quando ancora c’era mio padre, che sarebbe stato molto più tranquillo.
Non me ne capacito, specialmente perché a complicare le cose, anzi, a chiudere una strada in modo quasi definitivo è stato proprio mio fratello, per la sua non voglia di parlare con le persone, mentendomi, ancora e ancora, quando poteva semplicemente dirmi di non averlo fatto, punto.
..è stato mio padre a risolvere la questione, assurdo ma vero, perché la signora mi ha contattata per il suo compleanno e una vocina mi ha suggerito di parlarle di Noemi, capendo così il tutto e arrivando a oggi, dopo neppure 24 ore, con una nuova famiglia, senza intermediari e con persone residenti in Valle, amici di conoscenti che sicuramente chiederanno spesso di lei, quindi giungendo alla soluzione migliore, a cui oramai non speravo più.

Tra l’altro a distanza di ore ho già guardato nella zona dov’era la sua cuccia innumerevoli volte, convinta di vederla, stavo anche per chiamarla…. è decisamente molto strano, ma mi abituerò anche io.

Vorrei scrivere per sapere come la sta prendendo, ma nello stesso tempo non voglio risultare invadente, quindi non so… al massimo provo a scrivere un sms domani..

Addio Topolino..

..ora non riesco a spiegare ciò che per me è inspiegabile, improvviso e assurdo, ma il mio topolino non c’è più, se n’è andato qualche ora fa, purtroppo da solo.. nella clinica veterinaria in cui lo avevo portato in urgenza questa mattina alle 7, perché faticava visibilmente a respirare.

.. mi sento uno schifo, piena di sensi di colpa, quelli che nascono dagli infiniti “e se..” e non riesco a smettere di piangere, a volte era una peste nera, che mi faceva disperare nel profondo, ma non si meritava questo.. e neppure io.

L’unica cosa che mi consola è che negli ultimi giorni – sesto senso? – gli ho fatto tante-tante-tante coccole, riempiendolo di bacini, preferendolo quasi a Leela, cosa insolita in realtà.. e ieri sera gli ho anche dato i biscottini che tanto amava..

13385625_143177809420624_63291370_n

BRT che mi combini?

Oggi BRT ha commesso – con me – il suo primo “Epic Fail” regalando il mio pacchetto a un perfetto sconosciuto, che per fortuna dopo averlo aperto e aver visto che non era roba per lui, ha controllato il Destinatario, trovando il mio numero di cellulare e chiamandomi subito dopo per avvisarmi dell’accaduto, portandomelo poi direttamente.
Per fortuna che lo ha ricevuto una persona onesta, altrimenti.. bye bye mio caro Moser pagato più di 200 euro!

..ma che diavolo, neanche più di BRT ci si può fidare ora? :(
Inutile dire che ci sono rimasta talmente male da inviare subito una segnalazione/lamentela, prima in realtà avevo direttamente chiamato, ma siccome gli uffici erano ancora chiusi e non avevo alcuna intenzione di aspettare prima di potermi “sfogare”, ho optato per un’e-mail al vetriolo, che tra l’altro ha fatto effetto, visto che un’ora dopo ho ricevuto una chiamata direttamente dal Corriere, tutto mortificato, che ha cercato di spiegare il suo “errore”, facendomi le sue scuse e assicurandomi che in futuro – se servirà nuovamente questa zona – mi chiamerà direttamente [come minimo! tutti gli altri lo hanno sempre fatto!].

Comunque l’ho già provato, testandolo subito su Noemi, la barboncina, che era già stata tosata qualche settimana fa da mio padre, ma con la vecchia tosatrice Moser 1400 e il lavoro fatto non era per nulla il massimo, visto che era tutta a buchi, con peli corti da una parte, medi in un’altra e lunghi da un’altra ancora, un vero casino, quindi sostanzialmente l’ho “pareggiata” e senza alcuna fatica, anche perché è stata bravissima collaborando senza fare una piega [..magari Leela facesse così.. e invece…].
Il risultato – per essere la mia prima volta – direi che è molto buono, ora è tutta pulita e in ordine, per cui almeno lei non avrà mai più bisogno di essere portata da un toelettatore professionista, anche perché subito dopo le ho fatto pure il bagnetto, quindi oggi è tutta bella e profumata, come non lo era da mooooolto tempo.

 

Una foto pubblicata da Silvia T. (@syliat) in data:

Dopo ho tentato anche di tosare Leela, ma… ho paura di farle male, lo ammetto, quindi le ho solo accorciato il pelo che era ancora lungo, ma non le ho tolto i nodi, ho provato con alcuni, ma essendo la sua tipologia di pelo così fitta, è un gran casino, specialmente senza un aiuto e altre 2 mani per tenerla ferma, inoltre ho capito che con la Testina di 1mm venduta assieme alla Tosatrice in realtà non si può fare tantissimo, perché la più indicata sarebbe la Testina – reperibile a parte – 1 / 20mm n.50 f, che da quello che ho capito è la più piccola, cioè quella che dovrebbe tagliare praticamente quasi “a pelle”, purtroppo non era acquistabile sul sito Zooplus, che aveva solo le Testine a partire da 2mm, quindi avevo optato solo per l’acquisto aggiuntivo di quella da 5mm, ideale per accorciare il pelo senza esagerare, anche per il cane, ma sicuramente non per tagliare i nodi.

Quindi oggi ho cercato e acquistato su un altro sito anche la Testina più “precisa”, consigliata tra l’altro anche dall’Azienda ufficiale per tagliare il pelo lungo fine con tanto sottopelo, con nodi, etc. sperando che possa essermi realmente utile, senza fare troppi danni, anche perché il costo purtroppo è tutt’altro che basso per una semplice Testina, che si aggira tra i 30 e i 35 euro [su alcuni siti arrivano anche oltre i 50/60], nel mio caso su scissolshop.com [negozio di Torino] l’ho trovata a 29,89 euro + 11,59 per l’Olio specifico a 400ml [che deve essere usato continuamente, per mantenere le Testine integre, idem per la Tosatrice] + 7,50 per le spese di spedizione [comunque le più basse tra tutti i siti visti, anche su ebay].

Francamente ho speso in totale – tosatrice compresa – molto di più di quanto volessi, ma se questo mi permetterà di evitare la spesa fissa per una toelettatura da un professionista [o pseudo tale.. 2 volte all’anno sia per Noemi, sia per Leela, a volte più], tutto si ripagherà in pochissimo tempo, arrecando tra l’altro meno stress ai diretti interessati… anche se con Leela dovrò lottare, penare e soffrire, lo so bene… -_-‘

..ho visto che in Alta Valle c’è un allevamento in cui teoricamente dovrebbero anche “insegnare” a tosare, oltre a rendere disponibile un servizio di tosatura a “self service” e di riconsegna a domicilio, quindi se proprio non dovessi riuscire a domare Leela e a toglierle i nodacci, proverò a chiamarli per informarmi.. anche perché una volta tolti i nodi dopo dovrebbe essere tutto più semplice, l’importante è riuscire a mantenere a una lunghezza media il pelo, per evitare che inizi a “filarsi” e ad annodarsi.

Ore 21:09
Ho appena scoperto che su questa Tosatrice vanno anche alcune testine di altre marche, come la Oster, che ne ha alcune con un taglio ancora più “corto”, cioè da 0,2 e 0,02 mm, il costo purtroppo è lo stesso per tutte le marche, ma comunque c’è ancora possibilità di scelta, anche per mio fratello [lui per i capelli, ovviamente, dato che se li taglia praticamente a zero], il che in caso di eventuali problemi è ottimo!

Povera Leela

Oggi ho portato Leela dalla Toelettatrice, dato che oramai le si stavano iniziando a formare i nodi, anche se ne aveva ancora pochini visto che in questi mesi sono comunque riuscita a pettinarla quasi regolarmente.
Sapevo che non sarebbe stato comunque facile, perché sotto il pancino e nelle zampette posteriori è veramente difficile pettinarla o tosarla, visto che fa la pazza e inizia a mordere, però con la precedente Toelettatrice si riusciva a fare tutto in tempi brevi e senza danni, mentre questa volta ho capito da subito che la ragazza – seppur molto simpatica e volenterosa – non aveva molta esperienza e alla fine ci siamo ritrovate a correre dal veterinario, dato che purtroppo l’ha ferita in più punti e con tagli molto ampi, tanto che quando lì ho visti mi è preso un colpo… e subito dopo sono quasi svenuta, mi sono dovuta appoggiare a terra e ho dovuto bere un po’ d’acqua, perché veramente non riuscivo più a stare in piedi, la testa mi girava e non sentivo quasi più niente.

Dal veterinario abbiamo aspettato fin troppo, alla fine le ha prescritto una crema per far rimarginare prima la ferita e un antibiotico, che già prendeva nel periodo in cui era stata male per la sua malattia, giusto per mettere le mani avanti, e dovrò ritornare questo fine settimana per vedere a che punto siano le ferite, perché visto che ce n’è più di una e sono in un brutto punto, c’è la possibilità che al posto di rimarginarsi, si allarghino ulteriormente, motivo per cui mi è già stato detto che eventualmente dovranno procedere con una lieve anestesia e con dei punti.

Non c’è UNA sola cosa che vada bene, non una! Ma com’è possibile?!
Povera, mi dispiace tantissimo, dispiaceva anche alla ragazza ovviamente che si è sentita incredibilmente in colpa e mi ha chiesto di farle sapere come sta.

Purtroppo tagliare la pelle dei gatti è facilissimo, motivo per cui io ho sempre evitato di usare troppo il tosatore su di lei, quindi non ce l’ho con la Toelettatrice – di cui tra l’altro tutti parlano bene – però non so se tornerò più da lei, il problema è che anche altri potrebbero fare gli stessi danni… vorrei poter far venire qui quella di Brescia :(

..e quando la Mutua non c’è..

..i “topi ballano” e fanno i furbi, come nel caso dei veterinari.

Io avevo già dei seri dubbi su quella da cui avevo iniziato ad andare per i miei gatti & co. per via degli orari strani, le tempistiche bibliche d’attesa per una visita anche se davanti a te hai solo 1 persona, perché DEVE chiacchierare di non si sa cosa, per tutti gli esami ed esamini che ti butta lì come essenziali quando in realtà non lo sono [come per Leela, sta bene, il parassita nel sangue dorme da anni, quindi che diavolo servono le analisi, quando è risaputo che tanto non mostrano il parassita quando non è attivo? e poi ce l’ha, punto, che devi controllare a fare? per hobby? eh.. sì, appunto], con tanti “sì, ma, forse, però, per stare tranquilli e poi non si sa, bla bla bla“.

E intanto per due analisi del cavolo ti ritrovi una richiesta di 270 euro, perché per fare quelle analisi – inutili – hanno preteso di fare un ricovero, con tanto di anestesia.
…what???
Io non ho mai sentito nulla di simile a Brescia! Il prelievo lo fanno sul momento, mentre ci sei anche tu che tranquillizzi l’animale, poi stop.
Lei no, perché OVVIAMENTE in questo modo il costo lievita, dopotutto deve pur tirare fuori il suo stipendio e quello della sua collega assolutamente inutile, visto che non fa MAI le visite, ma risponde solo al telefono.

Anche con Loki, oggi l’ho portato per un controllo, e ha preso semplicemente atto di ciò che le ho detto io, cioè che sta bene, la pipì è regolare, non la fa più in giro, non si lecca più insistentemente, non va 3.000 volte nella lettiera, sta bene, punto. Certo, è ancora sotto antidolorifico e sotto cortisone, però è diminuendo la dose che si vede come andrà e IN OGNI CASO, non sono certo delle analisi che ti possono dare la risposta assicurata sulla reazione successiva.
Oltre alle analisi per controllare la presenza di batteri, vuol anche fargli il controllo della vescica, con radiografia e simili, per vedere se ci sono ancora i “cristalli”,…. ma anche qui, che senso ha? Sai già che ci sono e pure io che non sono una veterinaria so che non se ne andranno tanto presto, restando comunque fissa una rimanenza, e che l’unica cosa possibile da fare – anche qui IN OGNI CASO – è fargli mangiare le crocchette specifiche, cosa che sta già facendo da Dicembre, quindi di che stiamo parlando?
Poi non contenta ha tirato fuori un’altra analisi per controllare se il cortisone ha alzato/abbassato un certo livello di non-so-che, idem a sopra: il cortisone non lo prenderà a vita e sto già diminuendo la dose, quindi che senso ha se non per aumentare il costo, nell’eventuale speranza di poi fare altri controlli farlocchi collegati, che non comporteranno nulla di concretamente positivo per il gatto? Dato che per lui non cambierebbe comunque niente.

Più ci penso, più mi incazzo.

Che poi alla fine le ho chiesto il preventivo, giusto per farle capire che non sono Paperon De Paperoni e che dei soldi spesi mi importa eccome, mi ha detto qualcosa tipo “eh ma tanto può scaricare“….. le ho risposto che “non è così scontato, viste alcune problematiche personali” e alla fine mi ha detto – controvoglia – che il costo “MEDIO” e non definitivo di tutte queste cose che vuole farmi fare tra 15 giorni, sarà SUI 120 euro, ma che ovviamente potrebbero esserci delle aggiunte in base a non-si-sa-cosa.. e io sono sicura al 100% che nel conto finale ci saranno.

E per cosa? Per niente, perché tutto resterebbe esattamente come adesso, indipendentemente dal risultato delle analisi, mi sentirei semplicemente dire “continui così“, perché non c’è null’altro che – con questa problematica – può essere fatto, cosa che mi era stata ribadita anche dalla Veterinaria in cui ero andata in emergenza quella domenica post-loro-ricovero-inutile-e-lesivo.

Ah.. dimenticavo, probabilmente gli rimetterebbero il catetere, per fare il prelievo di non-si-sa-cosa, quindi lo infiammerebbero loro un’altra volta, com’era successo appunto a dicembre, ripeggiorando la sua condizione e facendo ripartire tutto da zero, cosa che dovrebbero sapere perfettamente, l’altra veterinaria lo sapeva benissimo e infatti aveva escluso tale opzione a prescindere. Chissà come mai loro no.

..e non sarebbe una presa per i fondelli???

Detrazione Fiscale spese veterinarie:
I contribuenti possono detrarre dall’Irpef il 19% delle spese veterinarie sostenute fino all’importo di 387,34 euro e limitatamente alla somma che eccede i 129,11 euro, per gli animali detenuti legalmente a scopo di compagnia o per la pratica sportiva (quindi, cani, gatti, volatili in gabbia e cavalli da corsa).
In pratica, la detrazione può consentire al massimo un risparmio d’imposta di 49,06 euro, cioè il 19% di 258,23 euro (importo massimo al netto della franchigia di 129,11 euro).

..cioè, vogliamo parlare anche di questa presa per il culo? Solo il 19% di detrazione sulle fatture sopra i 130 euro [ma NON più di 258,23] e per un totale massimo “detraibile” di 387 annui??
Ah beh, allora spennami, certo, dopotutto per raggiungere tale quota [387 detraibili] dovrei spendere 2000 euro, ma con botte da 130/258 euro a prestazione/fattura, non di più e non di meno. Ehhhh… ovvio.

1 2 3 10