Post Taggati ‘discriminazione’

Troppo Bianca

In questi mesi non l’ho scritto, perché sinceramente mi sembrava assurdo e paradossale, ma tra un colloquio e l’altro ho notato una cosa che è uscita più volte e che mi ha fatto venire il voltastomaco: oltre all’inesperienza c’è un’altra cosa che sembra escludermi o che comunque non va sicuramente a mio favore, ed è la mia carnagione molto chiara.

Mio fratello lo ha definito “razzismo al contrario“, per me è una definizione eccessiva, però ciò non toglie che il risultato è molto simile, perché in fondo tutto si basa su infondati pregiudizi che partono dalla mentalità bruciata dalla moda [o dal troppo sole] e dall’ignoranza generale, che — solo in Italia — accosta una carnagione chiara a un qualcosa di negativo, a malattie, a sette, a poca cura di se e via dicendo, senza considerare che in fondo è esattamente l’opposto, dato che il non cuocersi al sole o sotto lampade artificiali, è un punto a favore per la propria salute, per la propria pelle.

Eppure, ogni volta, in ogni singolo colloquio [ma anche fuori dall'ambito lavorativo] mi imbatto puntualmente in battute sarcastiche o in annotazioni dirette, che mirano a sottolineare il mio pallore, visto sempre come negativo, come un problema di cui dovrei quasi vergognarmi e a cui dovrei cercare in ogni modo di porre rimedio.

Dico.. ma perché? Per quale assurdo motivo, in Italia, essere bianchi, pallidi, è diventato un problema — per gli altri poi — tanto da essere giudicato inaccettabile quanto un difetto fisico importante [con quale diritto?]. Mentre nel resto del mondo il pallore è addirittura ricercato e non solo per un fattore estetico, ma anche e specialmente per una questione di salute della pelle, per evitare l’invecchiamento precoce, tumori e problemi vari, dati sempre più frequentemente dai pericolosi raggi solari e artificiali.

La cosa ridicola è che ora mi trovo a dover decidere tra la mia salute — oltre a rughe anticipate e a tutti i vari problemi che possono subentrate con le lampade solari, vista la mia pelle chiara, a cui ogni dermatologo serio sconsiglia esposizioni simili — e l’accettazione durante la ricerca del lavoro, essenziale per avere una qualche possibilità di essere assunta, specialmente dove si ha un contatto diretto con i clienti.

Solo io noto che c’è qualcosa di veramente sbagliato e di profondamente malato in tutto questo?!?