Post Taggati ‘Jillian Michaels workout’

Settimana n. 2

Il workout Body Revolution procede, i dolori sono passati quasi tutti, ma la stanchezza è ancora presente e in più il mio appetito ha avuto un aumento improvviso, anche se cerco di non assecondarlo.
Come avevo già scritto in un post precedente i risultati già si vedono, io mi sento meglio con me stessa, i pantaloni non mi stanno più stretti, ma la bilancia – crudele – segna più peso di quando ho iniziato, anche se i cm sono diminuiti e questa attualmente è l’unica cosa che conta, anche perché mi era successa la stessa cosa lo scorso anno, quindi “psicologicamente” mi ero già preparata a questa piccola botta incoerente.

Non contenta però, visto che attualmente la parte iniziate di Body Revolution è abbastanza “semplice”, ho deciso di iniziare anche il workout che lo scorso anno mi aveva maggiormente colpita dandomi ottimi risultati, cioè 30 Day Shred, che è composto da 3 livelli non eccessivamente pesanti, dalla durata di 10 giorni caduno.
Non so se lo porterò avanti nel modo corretto o se finirò per preferire quest’ultimo abbandonando – per pigrizia – l’altro, però per ora va bene così e francamente sta iniziando a diventare piacevole il pensiero che sto facendo qualcosa per me stessa.. e nel modo corretto.

Workout.. si riprende?

Dopo circa in anno di stop totale, ho finalmente deciso di riprendere con i workout, scegliendo di iniziare con Body Revolution di Jillian Michaels, dato che ha più fasi per “accompagnare” i principianti nell’aumento delle difficoltà, rendendo il tutto teoricamente più facilmente affrontabile, ma posso assicurare che è ugualmente devastante.

Dire che sono totalmente fuori forma è un eufemismo, una signora di 80 anni probabilmente avrebbe più resistenza fisica di me, dato che io già dopo 5 minuti attualmente mi sento a pezzi, inoltre sono lenta, molto lenta e senza più alcuna coordinazione [le comiche..].

Ebbene sì, sono un disatro, oggi è stato il primo giorno [quindi più o meno sono giustificata], ma già ho il terrore per come mi sentirò domani, dato che probabilmente mi ci vorrà una Gru per tirarmi su dal letto e anche un grande calcio al sedere per farmi proseguire con il programma [di 12 settimane, 6 giorni su 7], siccome una voce nella mia testolina continua a dire: «ma chi te lo fa fare, che noia, che fatica, che barba, che rottura, ti rendi conto che se inizi poi devi farlo tutti i giorni? e poi tornerà l’ansia degli esercizi, del doverli fare sempre, del non poterli saltare, dei sensi di colpa, del vedere dei risultati a tutti i costi e via dicendo, ma veramente vuoi tornare in questo vortine di fissazioni e obblighi?!».. ehm… no, in realtà non ne ho proprio alcuna voglia, ma DEVO fare qualcosa, visto che il superamento dei 30 anni a quanto pare comporta veramente dei cambiamenti fisici, con l’accumulo compulsivo di ciccia e con molte più difficoltà nel perdere peso/centimetri.
Quindi mi tocca: devo correre assolutamente ai ripari [che grandissima rottura].

Cercherò comunque di non entrare nel loop delle “fissazioni da workout” [a quanto pare estremamente comuni in chi li fa], sebbene quando sei fissat* è molto più facile continuare a fare regolarmente i vari esercizi senza sgarrare, però è anche vero che per quanto mi riguarda non è vita pensare sempre e solo a quello, facendosi assalire dai sensi di colpa se non si può fare quotidianamente esercizio fisico o dalle frustrazioni se non si vedono i risultati sperati/promessi.
Mi auguro che essendoci già passata, sia un po’ più semplice riuscire a trovare il giusto equilibrio e la volontà di andare fino in fondo [le ultime parole famose?].