Post Taggati ‘radioterapia’

Un anno

Oramai aggiorno sporadicamente questo Blog, ma credo di avere ragioni più che valide, specialmente questo mese appena passato in cui praticamente ho avuto pochissimo tempo, essendo sempre in viaggio da/verso Aosta, ma non solo.

La Radioterapia è terminata venerdì 18, anche se tutt’ora devo prestare attenzione con creme, oli, etc. e tra 3 mesi dovrò fare un controllo con RX Toracico per escludere possibili complicazioni al polmone sottostante, ma per il resto tutto sommato direi che è andata abbastanza bene, meglio di quanto temessi, forse grazie solo alla Connettivina e agli impacchi fatti usando la pellicola trasparente come copertura, sia per non sporcare i vestiti – specialmente la notte – sia per facilitarne l’assorbimento, che stava diventando sempre più lento e difficile, amplificando la naturale idratazione proprio per l’effetto “barriera” [stesso meccanismo dei cerotti di silicone usati per mantenere idratate e morbide le cicatrici. sì, funzionano anche loro].

Ho provato dolore?
Uhmm… ci sono stati alcuni giorni verso l’inizio della terza settimana, in cui mi stava sorgendo l’eritema e una secchezza/durezza centrale spiccata, proprio perché la crema e l’olio faticavano ad assorbirsi, non riuscendo quindi a fare il loro lavoro, ma tutto è passato velocemente quando ho iniziato ad usare la pellicola trasparente e tutt’ora il seno – sebbene sia arrossato e più scuro, praticamente abbronzato – è morbido, non ha lesioni e non mi fa male, anzi, al contrario di ciò che mi avevano detto sembra anche che si stia riprendendo velocemente, senza un ulteriore peggioramento, quindi ne sono decisamente contenta.
L’unico piccolo inconveniente lo sto vivendo da un’altra parte, nell’ascella, la parte più vicina al seno, perché per qualche strano motivo è stata irradiata… secondo me le ultime volte e per errore, visto che nessuno mi ha mai detto nulla in merito, non hanno neppure mai controllato,.. ma non avendoci mai messo niente ovviamente non ha avuto una bella reazione e ora mi fa un po’ male. Che noia.

Al termine della Radioterapia però “casualmente” c’è stato un altro evento abbastanza importante, anzi, non un evento, bensì un triste anniversario, quello della morte di mio padre, che inevitabilmente si è fatto sentire, cogliendomi forse anche un po’ impreparata, infatti credo che il contraccolpo si stia facendo sentire ora.. con tante sfaccettature diverse, che influiscono sul mio modo di essere, il mio carattere, le mie scelte, i miei comportamenti, che con tutto ciò che è successo negli ultimi anni.. sono decisamente cambiati, IO sono cambiata, non so se in bene o in male, ma in parte sono quasi più “rilassata” e mooooolto meno insicura, forse perché sto molto meglio con me stessa e prendo semplicemente le cose come vengono, nulla di più, senza crearmi problemi o paranoie varie e allontanando quasi immediatamente chi lo fa, o chi cerca di minare in qualche modo la mia autostima, perché la mia prima regola fondamentalmente è diventata questa: non farmi mai più ribaltare addosso le “tare mentali”, la negatività, il caratteraccio e le scelte altrui, prima di tutto CI SONO IO. Se una persona non mi fa stare/sentire bene: tanti saluti.
Incredibilmente semplice e lineare, peccato non averlo fatto prima.

Diciamo che sto pensando decisamente di più a me stessa, anche per via di ciò che mi è successo negli ultimi mesi, ho infatti cambiato anche alcune mie abitudini, o meglio, le sto tutt’ora cambiando specialmente sotto il punto di vista alimentare, seguendo la cucina “macromediterranea“, che fondamentalmente è quella suggerita da tutti gli oncologi. anche dai miei [niente zucchero, di alcun tipo, niente latte e derivati, niente farine raffinate 0 e 00, niente salumi e prosciutti, poche proteine animali e sostanzialmente da pesci piccoli e grassi, come lo sgombro, solo poco sale marino integrale, cereali non raffinati, quindi sempre integrali, anche per la pasta/riso/farina/latte vegetale, tutti i legumi, tutti i semi oleosi, frutta non zuccherina, non esotica e sempre di stagione, verdura non amidacea], ho acquistato vari libri, seguo alcuni gruppi, faccio, sperimento e un po’ mi sorprendo, visto che io non ho mai amato cucinare e ritrovarmi ad acquistare tutto bio, tra cui gli ingredienti base come farine integrali di vario tipo, cereali, etc. per poter realizzare da me cose in casa, un po’ è strano, diciamo che anche questa è una cosa nuova e sto provando tante altre, anche nel cibo, partendo dai legumi, che mai avevo mangiato, dai vari cereali, da svariate ricette per “trasformarli” in vari piatti, ma anche per la frutta e la verdura, dato che ho deciso di provare ogni volta qualcosa di nuovo, che non avevo mai usato/assaggiato… e mi piace, molto, è strano non averlo mai fatto prima.

Il discorso sarebbe molto più lungo e complesso, ma guardando l’ora mi rendo conto di non avere tempo e forse non sono neppure ancora pronta per farlo, però consiglio a chiunque di approfondire la questione.. e inserisco anche dei video del Dottor Berrino, che fondamentalmente riesce a spiegare molto bene alcuni concetti importanti [non suoi, ma portati avanti proprio da tutti gli oncologi su scala mondiali e da chi studia le cause tumorali e non solo].

Radioterapia

Non aggiorno da un bel po’, per vari motivi, tra cui il caos dato da troppe visite e dalle problematiche della vita di tutti i giorni, che ovviamente non possono mancare.

Il 20 luglio ho iniziato la Radioterapia, ieri ho concluso la prima settimana, anzi.. no, in realtà ho iniziato la seconda [5 giorni a settimana, dal lunedì al venerdì], dato che il 20 era un giovedì e in sostanza sono al 7 giorno fatto, quindi ne mancano 13.. teoricamente, se non mi cambiano le cose “in corsa”.
Ieri, venerdì, ho fatto il controllo, di cui io non sapevo niente, perché ovviamente la comunicazione pecca sempre molto nell’ambito sanitario, infatti mi chiedevo come sarebbe andata a finire e a chi avrei dovuto parlare di eventuali problematiche, visto che durante le sedute le infermiere che se ne occupano ti dicono che “ne devi parlare a chi sta fuori“… ma “fuori” non c’è mai nessuno -_-‘
Organizzazione impeccabile direi.
Comunque.. il controllo con la Radioterapista che mi ha presa in carico fin da subito, e l’assistente/infermiera, è andato discretamente bene, dato che – dopo mesi che io lo dicevo – hanno finalmente constatato che sì, la mia pelle è in effetti estremamente sensibile, anche a causa del mio pallore spiccato, motivo per cui dopo 7 giorni sono già arrossata, con pizzicori vari e un po’ di gonfiore, cosa che non promette molto bene, visto che più si va avanti, più l’aggressività degli effetti aumenta.

Per questo motivo oltre all’Olio Spray Vea, da applicare il più possibile [io lo applico già 4 o 5 volte al giorno], mi hanno dato un’altra crema, la Connettivina 2mg, con Acido ialuronico sale sodico, che non è una crema meramente cosmetica, come un’altra che avevo preso per i fatti miei dato che l’avevo vista consigliata in questi frangenti, la XDerit, ma è proprio catalogata come “farmaco” e il tubicino è veramente piccolo, contiene infatti solo 15 mg di prodotto per 10 euro circa e io devo praticamente farci degli impacchi quotidiani.

Non so ancora dire se effettivamente funzioni o meno, dato che l’ho usata ieri sera per la prima volta, ma indubbiamente mi auguro di sì, più dell’Olio Spray Vea, super consigliatissimo perché contiene praticamente solo Vitamina E pura, infatti spesso viene usata per lenire la pelle dei bambini o per trattare zone molto secche, dermatiti, etc. però la Vitamina E, per quanto potente possa essere [e alcuni nuovi studi in realtà iniziano a mettere in discussione pure questo..].. non può fare tutto da sola, almeno non per il mio tipo di pelle.

Per ora però posso dire di stare bene, ho un po’ di “pizzicore” la sera, momento in cui tra l’altro la zona si arrossa di più, come accade per le più comuni bruciature o rossori da post abbronzatura, ma per ora nulla di più.. anzi, ho sempre un po’ di nausea fissa, ma mi hanno detto che non dovrebbe dipendere dalla Radioterapia, bensì da tanti fattori messi assieme, tra cui il “problema alla gola” [faringite? infezione? reflusso? qualcosa di più serio? non si sa, volevano farmi una biopsia, ma ora sembra tutto rimandato al prossimo mese], il farmaco Tamoxifene che sto prendendo da 24 giorni, le difese immunitarie abbassate, un fattore psicologico/nervoso.. boh.. mistero, diciamo che fanno un po’ lo “scarica barile”, la Radioterapista sull’Otorino e l’Otorino sulla Radioterapista.

14 novembre 2017
Aggiorno semplicemente per aggiungere giustamente un’opinione completa sulla crema Connettivina: OTTIMA.
Posso tranquillamente dire che mi ha risparmiano atroci sofferenze, dato che da dopo l’inizio degli impacchi il seno – che stava subito iniziando a patire tantissimo, diventando viola, secchissimo e dolorante – è migliorato notevolmente, stupendo anche il medico, attenuando tutto e facendomi arrivare alla fine del trattamento senza alcun problema particolare, gonfiore e rossore classico a parte [ok, un problema l’ho avuto, ma all’ascella, dato che nessuno mi aveva avvisata che mi avrebbero esteso la radioterapia anche lì e non avendo messo nulla, alla fine del trattamento mi si è totalmente infiammata, con prurito, dolore, “lacerazioni varie”.. passando dopo 2 settimane circa,.. ma questo sottolinea ulteriormente quanto mi sia stata utile l’applicazione sul seno della crema Connettivina, mentre per l’Olio Vea.. no, sarebbe stata meglio la versione in crema].

UN CONSIGLIO: la mia pelle quasi da subito faticava ad assorbire le creme, non comportando quindi alcun beneficio, specialmente usando l’olio, ma non solo, anche con tanta crema alla fine nulla si assorbiva più e inoltre sporcavo continuamente gli abiti.
La soluzione per me è stata molto semplice: la pellicola trasparente che si usa in cucina.
Mettere sempre la crema, tanta, e poi ricoprire il seno con uno strato di pellicola, indossando poi il reggiseno e gli abiti, lasciando agire per tutta la notte o anche per tutto il giorno, cambiando poi la pellicola e rifacendo altri impacchi, ovviamente togliendo/lavando prima il residuo della crema precedente, in tal modo il seno si manterrà sempre ben idratato e le creme faranno maggiormente il loro effetto.
Per me la pellicola è stata una salvezza.

 

Curiosità sulla Radioterapia:

  • Per assicurarsi che il posizionamento durante la Radioterapia sia sempre super-preciso, seduta dopo seduta, qualche settimana prima dell’inizio della terapia vengono effettuati dei Tatuaggi permanenti veri e propri, dei piccoli puntini, in un numero soggettivo che dipende dalla posizione e da svariati fattori, a me ne hanno fatti 4 [1 tra i due seni, 1 qualche centimetro sotto, e 2 lateralmente, sotto l’ascella, uno per parte].
    Vengono fatti durante la misurazione per il posizionamento, che viene effettuata con una TAC, che dura poco tempo. Dopo aver trovato la posizione più adatta e aver ricevuto conferma da Radioterapia, lo Specialista procede ad effettuare i tatuaggi, ma non con una macchinetta classica, bensì con una “pompetta” piccola da cui esce un ago. In sostanza viene velocemente inserito l’ago e contemporaneamente viene premuta la pompetta per immettere l’inchiostro nella pelle e poi viene rimosso.
    E’ un’operazione che dura pochi secondi, ma con sorpresa ho scoperto che l’inchiostro brucia notevolmente quando viene “pompato”, cosa che non accade quando si effettua un tatuaggio normale.
    Non è necessario idratarli e guariscono nel giro di pochissimo tempo, un giorno, neanche.
  • La seduta dura pochissimo, giusto 10 minuti, non si sente alcun dolore, si sente solo il rumore della macchina, come se stesse “scoppiettando”, oltre al fatto che il lettino viene continuamente “riposizionato” in automatico.
  • Il trattamento viene effettuato in totale solitudine, come quando si fa una TAC, in realtà la macchina è la stessa e funziona nello stesso modo [è così che ti “posizionano” perché ti vedono proprio con la visuale da TAC, e con l’aiuto dei 4 puntini tatuati esternamente, più un raggio di luce rossa che fa le line di posizionamento sulla pelle], ma in più “spara” radiazioni ionizzanti, motivo per cui c’è una telecamera e un microfono, e tutti gli addetti escono per andare nella “sala comando”, tornando solo a macchina spenta e quando il trattamento è concluso.
  • Durante la terapia la zona da trattare – dopo il posizionamento – viene comunque coperta da un panno, dato che le stanze con le macchine sono sempre freddissime, per evitare il surriscaldamento di quest’ultime.
  • Dalla data in cui viene effettuata la misurazione per il posizionamento con la TAC, più i relativi tatuaggi sulla pelle [solitamente 3 o 2 settimane prima dell’inizio della Radioterapia] viene categoricamente VIETATO di PRENDERE o PERDERE peso, cosa che io non sapevo e ho scoperto a inizio settimana, quando mi hanno un po’ “cazziata” dato che la misurazione fatta il 4 luglio non combaciava più, avendo io perso circa 1 kg [si mettessero d’accordo, per escludere il Reflusso mi era stato vietato di mangiare praticamente tutto.. e col male alla gola, mangiare non è facile]. Che ansia, altro che Bilancia!
  • La Radioterapia rientra nei “trattamenti salvavita” [chemioterapia inclusa] e molti ospedali dedicano dei parcheggi appositi gratuiti, oppure al termine della seduta consegnano un foglio per non dover pagare il parcheggio, che deve essere consegnato all’Operatore che lo gestisce assieme al biglietto d’ingresso. Il Parini di Aosta, nel relativo parcheggio coperto, funziona proprio così, mentre l’Ospedale d’Ivrea è un grande punto interrogativo, a noi non avevamo mai detto niente, ma spesso gli operatori sanitari hanno il brutto vizio di non avvisarti dei tuoi diritti, quindi bisogna CHIEDERE SEMPRE! Perché appunto.. SONO DIRITTI, a maggior ragione quando c’entra una terapia salvavita.