Post Taggati ‘riello’

Giornata Proficua con Tagli & co.

Ci ho messo una vita dalla Parrucchiera, tra una chiacchiera e l’altra con il sunto totale della mia vita degli ultmi sei anni, alla fine Sabrina era sconvolta, anche perché conoscendomi da quando ero ragazzina sa anche tutti i retroscena passati e le altre “sfighe”, che lei chiama “dolori”.

Alla fine mi sono ritrovata ad uscire alle 17:00 [dalle 14], con un taglio medio/corto molto scalato – che mi piace – e un colore…. tendente al biondo, almeno per i miei gusti.

15-10-27-19-00-48-546_deco

Quando ho visto il risultato finale mi è preso un colpo, perché proprio non mi ci vedo chiara, però meglio troppo chiari, che ancora troppo scuri, specialmente dopo ore di trattamento, comunque prima di tornare a casa sono passata alla Conad per prendere l’acqua Lauretana che a casa era quasi finita, il latte.. e la tinta per i capelli, sia “biondo scuro 6.0”, sia “castano 4.0”, dato che i miei capelli dopo essere stati trattati tendono ad assorbire moltissimo il colore, scurendosi immediatamente, anche con tonalità che dovrebbero restare chiare.
Non so quando le farò, forse dopo il primo lavaggio, in cui il colore fatto dovrebbe scaricare ulteriormente, oppure anche prima se dovessi proprio avere difficoltà a specchiarmi, può sembrare assurdo, ma odio il biondo e su di me mi da veramente fastidio, anche se si tratta di “colpi di luce”… inoltre mi invecchia tantissimo.

Prima di tornare a casa ho ripreso in mano lo smartphone dopo averlo abbandonando nella borsa per ore, vedendo i messaggi sia di mio padre, sia del tecnico della Caldaia [panico immediato..], che mi avvisavano che tutto era andato bene [panico rientrato], i tubi bruciatori erano perfetti e la revisione era andata a buon fine.
Sospiro di sollievo.
In totale [tecnico + tubi] abbiamo speso sui 300 euro, decisamente molto meglio dei 3.000 preventivati per una nuova caldaia, spesa che sembra quindi essere rimandata [si spera il più possibile].
Fiiuuuuuuuuuhhh.

Finalmente una giornata positivamente proficua!

Sorpresa!

Non abbiamo fatto in tempo a rientrare in casa, dopo l’ultima mattinata passata ad Ivrea per la terza seduta del quarto ciclo di Chemio, che è arrivato il Corriere BRT, con un pacco di dimensione media: I Tubi Bruciatori!!!!!

20151023_134710

Fiuuuuuuuuuuuuu.

Costo totale trasporto BRT Espresso [la tipologia non ho potuto sceglierla io], cioè in 24 ore credo e così è stato, anzi, meno: 27 euro.
Sti caz…
L’importante è che siano arrivati, senza perdersi chissà dove, sani e salvi, inoltre vista la piccola-grande Epopea per la ricerca dei Tubi, questi soldi per la consegna – rapidissima – li ho pagati quasi con piacere, anche se mi sarei aspettata un po’ più di comunicazione sia da parte dell’Azienda e sia da parte del Corriere, a maggior ragione perché la loro cliente – quella che richiedeva/pagava il loro servizio – ero io, non il mittente.

Ho chiesto al Tecnico quando potrà passare a montarli, sperando che non saltino fuori altri problemi, non mi ha ancora risposto e io non posso chiamarlo, visto che – altra sorpresa, ma non piacevole – la linea Wind NON VA, continua a dirmi “Non registrato sulla Rete”, idem sul cell di mio padre, mentre ad Ivrea funzionavano entrambi.
Quindi siamo isolati, che bello.

Ho scritto all’Assistenza wind su twitter, sperando che mi dicano qualcosa o che segnalino comunque il mal funzionamento in zona.

Da una cosa che va bene, a una che – ovviamente – smette di andare bene… ufff……

Fuori Produzione

Niente da fare, sto iniziando a ricevere mail di risposta alla mia richiesta di reperibilità dei Tubi Bruciatori, e sono tutte negative con tanto di beffa, visto che continuano a giustificarsi con “è fuori produzione”, ma va???? E io cos’ho scritto nella mia mail di contatto?

Non c’è cosa che odio di più, che sentirmi ripetere cose che già so e che ho già anticipato/detto proprio io. L’effetto “pappagallo” – sempre più comune perché le persone non ascoltano/leggono più realmente oramai – mi scaturisce istinti omicidi.

Ho scritto altre mail ad altri pseudo fornitori che sostengono di avere un magazzino, ma oramai la speranza di riuscire a trovare quei ricambi si sta spegnendo..

Ho scritto anche direttamente a Riello, chiedendo in quali altri modelli erano trovabili quei bruciatori, per tentare di reperirli di seconda mano, sottolineando il problema che ci hanno causato [li hanno realizzati loro così scadenti e sono loro che li hanno messi fuori produzione rendendoli introvabili e mettendoci in questa situazione di cacca], giocando la carta del tumore di mio padre e l’impossibilità di affrontare una spesa improvvisa di 3000 euro.

Non so proprio che altro fare.